Finisce il sodalizio tra Terra Moretti e Nuo Capital. Le quote del fondo cinese tornano in famiglia

terra-moretti
Vittorio Moretti (Courtesy Gruppo Terra Moretti)
Share

Terra Moretti torna 100% italiana. Il fondo cinese Nuo Capital S.a. è uscito dal capitale della società, cedendo il 30% delle proprie quote alla Famiglia Moretti. “Con l’ingresso di Nuo”, ha dichiarato Massimo Tuzzi, ceo di Holding Terra Moretti, “il nostro gruppo ha potuto estendere il proprio patrimonio vitivinicolo e intraprendere un importante percorso di managerializzazione dei processi, che continua tutt’ora e che rappresenta un elemento determinante nella nostra crescita”.

La fine di un capitolo per Terra Moretti

Con una nota, la società ha ufficializzato la chiusura dell’operazione di exit, finalizzata dopo un 2022 che ha proseguito la crescita dei 12 mesi precedenti. Si tratta della fine di un percorso, iniziato sei anni fa, che ha sancito una proficua ed efficace collaborazione tra le parti. “Oggi si chiude un capitolo importante per Nuo”, ha aggiunto Tommaso Paoli, ceo di Nuo Capital.

“Terra Moretti Vino ha sancito il nostro esordio nell’industria Italiana, con particolare riferimento al segmento luxury del settore vitivinicolo, esperienza che oggi rappresenta un grande valore per il nostro business. Auguriamo a Vittorio, Francesca e Massimo tutti i successi che si meritano”. Sei anni fa, Moretti rilevò Sella & Mosca per 62 milioni e Nuo Capital acquisì la quota della società commerciale per 24,5 milioni di euro.

La riorganizzazione della società

Terra Moretti, fondato nel 1967 da Vittorio Moretti in Franciacorta, si sviluppa oggi su nove sedi operative in Lombardia, Piemonte, Sardegna e Toscana. Il gruppo è attivo nei settori delle costruzioni, dell’hôtellerie e del vino, con sei cantine collocate in tre regioni.

Tra queste Bellavista e Contadi Castaldi in Franciacorta, Lombardia, Petra, Tenuta La Badiola e Teruzzi in Toscana e Sella & Mosca ad Alghero, in Sardegna. L’uscita di Nuo Capital fa parte di un processo più ampio, che prevede un’ottimizzazione della struttura societaria e una serie di nuove partnership.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.