Congedo di paternità più lungo e ferie libere: così questa azienda aiuta i suoi dipendenti

oneday
Share

Novità in casa OneDay Group. Il business & community builder focalizzato nel mettere al centro le nuove generazioni annuncia l’estensione del congedo di paternità a un mese per tutti i suoi team member, evidenziando che sarà retribuito al 100% come le ferie, e va ad aggiungersi ai 10 giorni previsti dalla legge italiana introdotta nel 2022.

Nel dettaglio, il contributo verrà esteso anche in caso di coppie omogenitoriali e sarà utilizzabile sia alla nascita di un figlio, sia in caso di adozioni, così da promuovere sempre di più la conciliazione vita-lavoro, il sostegno alle famiglie in un periodo importante come quello dell’arrivo di un bambino e di continuare l’impegno già attivato da OneDay nei confronti dei propri dipendenti. Dato che la società ha già introdotto un piano welfare destinato ai neo-genitori: 300 euro al mese fino al terzo anno d’età del figlio, per un totale di 10.800 euro di contributo.

“Stiamo facendo un percorso importante, in cui cerchiamo di raggiungere passo dopo passo un sistema sempre più solido in cui i lavoratori possano trovare maggior sostegno in un momento importante come quello dell’arrivo di un figlio. Abbiamo cominciato nel 2018, con il bonus di 10.800 euro per i primi tre anni del bambino; in seguito abbiamo aggiunto il sesto mese di maternità retribuito al 100%, in linea con le linee guida dell’OMS che raccomandano l’allattamento fino al compimento del sesto mese di vita del bambino”, evidenzia Betty Pagnin, people & culture director di OneDay Group.

LEGGI ANCHE: “La startup dei viaggi di gruppo WeRoad sbarca anche in Francia e Germania”

L’impegno di OneyDay Group nei confronti dei dipendenti

Oltre all’estensione del congedo di paternità, OneDay Group nel corso degli anni ha già adottato diverse e importanti a favore dei propri dipendenti. Nel 2017 è stata tra le prime realtà in Italia ad introdurre il sistema di smart working illimitato e nel 2022 invece il sistema delle ferie libere (inizio 2022). Seguendo così la mission del gruppo: “diffondere un nuovo modo di vivere il lavoro”, promuovendo una cultura organizzativa basata sulla responsabilità, sulla fiducia e sull’importanza dei rapporti umani.

Dal 2018, infatti, in OneDay non esistono orari di lavoro prestabiliti né cartellini, ma si lavora per obiettivi, che sono stabiliti e guidati da una tabella di marcia chiara e condivisa da tutto il team. Secondo la unit people & culture di OneDay, le iniziative di flessibilità messe in atto hanno portato a meno stress, al miglioramento delle performance e delle relazioni tra colleghi.

Inoltre, per costruire le leadership di domani, in OneDay esiste anche un Training Program, un programma di formazione dedicato alle “OneDay people” che supporta la crescita professionale dei giovani talenti, sia con delle Academy incentrate su competenze specifiche e in linea con la cultura aziendale, sia con l’High Potential People (HPP), il programma interno di accelerazione pensato per chi vuole alzare l’asticella rapidamente. E ancora: l’uso di Whatsapp per l’hiring, la trasparenza salariale, due viaggi gratis ogni anno, un welfare che comprende bonus matrimonio e convenzioni acquisto prima casa e un luogo di lavoro smart e informale (il C30/32), sono tutti aspetti che rendono OneDay Group una realtà coinvolgente e impattante, che valorizza tutto il potenziale delle nuove generazioni di lavoratori. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.