first-citizens-bank
Miliardari

La storia della famiglia miliardaria che ha comprato la Silicon Valley Bank e sta creando un impero bancario

Questo articolo è apparso su Forbes.com

La First Citizens Bank della Carolina del Nord si è allargata nelle prime ore del mattino di lunedì, grazie alla storica acquisizione della Silicon Valley Bank, assistita dalla Fdic.

Nessuno raccoglierà i frutti più della famiglia che ha orchestrato la sua crescita nell’ultimo secolo. Il presidente e ad Frank Holding Jr., insieme alle sue quattro sorelle Olivia Holding, Hope Bryant, Carson Brice e Claire Bristow, possiedono circa il 20% delle azioni di First Citizens e hanno quasi il 50% del potere di voto nella società, secondo i documenti della Sec.

L’espansione nazionale

Una partecipazione cumulativa che ha raggiunto un valore di 2,7 miliardi di dollari grazie al +54% di lunedì. L’impennata ha cancellato tutte le perdite registrate dal titolo nel corso dell’anno, in seguito al fallimento della Svb e ai timori di contagio.

First Citizens e la famiglia Holding hanno mantenuto un basso profilo per decenni, ma la banca è in missione per espandersi a livello nazionale attraverso una serie di acquisizioni. La sua crescita è accelerata dopo la crisi finanziaria del 2008, grazie a una serie di oltre 20 acquisizioni di piccole banche fallite assistite dalla Fdic.

Le acquisizioni della First Citizens

Tra queste la californiana First Regional Bank da 1,8 miliardi di dollari (asset), la Temecula Valley Bank da 1,1 miliardi di dollari, anch’essa con sede nella California meridionale, e la United Western Bank di Denver da 1,8 miliardi di dollari. Alla fine del 2008, First Citizens aveva un patrimonio di 16,7 miliardi di dollari. Prima dell’operazione Svb di questo fine settimana, gli asset della banca ammontavano a 109 miliardi di dollari.

“Ha sviluppato una certa specializzazione in quell’area”, afferma Peter Gwaltney, ceo dell’Associazione dei banchieri della Carolina del Nord, riferendosi agli acquisti di banche in crisi da parte di First Citizens. “Sono esperti in questo, sono disciplinati e godono della fiducia della Fdic”.

Nel gennaio 2022, l’acquisizione di Cit Group, con sede a New York, per 2,2 miliardi di dollari, è stato il suo più grande acquisto prima di Svb. Cit è un prestatore di credito commerciale e al consumo del mercato medio, che ha 115 anni di storia ed è presente su tutto il territorio nazionale.

Andata in bancarotta durante la crisi finanziaria del 2008, è emersa nel 2010 sotto la guida dell’ex dirigente di Goldman Sachs e ceo di Merrill Lynch John Thain, che si è ritirato nel 2016.

L’acquisto degli asset della Silicon Valley Bank

First Citizens acquisisce da Svb 110 miliardi di dollari di attività, 56 miliardi di dollari di depositi e 72 miliardi di dollari di prestiti, diventando una delle 20 maggiori banche americane con 219 miliardi di dollari di asset. Ha più di 500 filiali in 21 Stati, fortemente concentrate nel Sud-Est e in California, in rapida crescita.

Il portafoglio di prestiti da 72 miliardi di dollari è stato acquisito con uno sconto di 16,5 miliardi di dollari, ha dichiarato la Fdic. In un documento della Sec si legge che First Citizens ha ricevuto un prestito quinquennale da 35 miliardi di dollari dalla Fdic a un tasso fisso del 3,5% per finanziare l’operazione.

All’inizio di marzo, la Svb ha subito una corsa agli sportelli, in quanto i clienti delle startup tecnologiche si sono affrettati a ritirare oltre 40 miliardi di dollari di depositi. La banca in difficoltà aveva più dell’85% dei suoi 175 miliardi di dollari di depositi non assicurati.

Secondo i documenti normativi, First Citizens aveva il 32% dei suoi 91 miliardi di dollari di depositi non assicurati alla fine del 2022. “Frank Holding è uno degli acquirenti di banche più opportunisti in circolazione”, afferma Brady Gailey, managing director di Kbw.

“Sta creando un’enorme quantità di valore per gli azionisti e i calcoli di questa acquisizione sono semplicemente sbalorditivi. Il valore contabile tangibile per azione potrebbe raddoppiare con questa operazione”.

Una storia simile a quella della Nationsbank

L’espansione della famiglia Holding nel settore bancario ricorda l’ascesa di un’altra banca regionale della Carolina del Nord, la Ncnb, sotto la guida di Hugh McColl Jr, un ex marine che ha effettuato centinaia di acquisizioni negli anni Ottanta e Novanta.

La Ncnb è stata ribattezzata Nationsbank nel 1991 e alla fine ha acquisito la Bank of America di San Francisco, facendo crescere le attività da 12 miliardi di dollari nel 1983 a oltre 640 miliardi di dollari alla fine del mandato di McColl nel 2000.

“Gli esponenti della famiglia Holding sono state persone molto intelligenti per 100 anni”, afferma McColl, 87 anni, oggi cofondatore e presidente emerito della società di private equity Falfurrias Capital. “Hanno fatto i loro primi investimenti durante la Depressione e subito dopo, e sono sempre stati intelligenti nel raccogliere le cose in tempi difficili”.

Gli inizi della First Citizens

First Citizens è stata fondata nel 1898 come Banca di Smithfield, al servizio degli agricoltori della contea di Johnston, nella Carolina del Nord. Il nonno di Frank Jr. Robert Powell Holding arrivò come dipendente nel 1918 e divenne presidente nel 1935.

Suo figlio Lewis Holding divenne ad per mezzo secolo dopo la morte del patriarca, avvenuta nel 1957, mentre Frank Holding Sr. ricopriva il ruolo di dirigente a fianco del fratello.

Frank Holding Jr., 61 anni, che ha studiato all’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill e ha conseguito un Mba alla Wharton School dell’Università della Pennsylvania, ha trascorso tutta la sua carriera professionale nella banca, diventandone presidente nel 1994 e assumendo la carica di ceo dallo zio Lewis nel 2008.

Hope Bryant, sorella di Holding, è la vicepresidente di First Citizens e suo cognato Peter Bristow ne è il presidente. Bryant fa anche parte del consiglio di amministrazione della Southern Bancshares di Mount Olive, con un patrimonio di 4,8 miliardi di dollari, e della Fidelity Bancshares di Fuquay Varina, con un patrimonio di 4 miliardi di dollari, altre due banche del North Carolina di cui la famiglia Holding è azionista di controllo.

L’influenza nella Carolina del Nord

Alla fine del 2022, il 54% dei depositi della Southern e il 35% di quelli della Fidelity non erano assicurati. L’influenza della famiglia Holding nella Carolina del Nord va oltre il settore bancario.

Frank è il presidente del consiglio di amministrazione di Blue Cross and Blue Shield of North Carolina, la più grande assicurazione sanitaria dello Stato, e fa parte del consiglio di amministrazione della Mount Olive Pickle Company, la più grande azienda indipendente di sottaceti degli Stati Uniti, con sede nella città di Mount Olive, un’ora a sud-est di Raleigh.

Suo cugino George Holding è stato deputato repubblicano per quattro mandati dal 2013 al 2021 e le sue sorelle Hope Bryant e Olivia Holding sono elencate come direttori o proprietari principali di società della Carolina del Nord, tra cui Twin States Farming e E&F Properties, che possiedono migliaia di acri di terreno.

Research Triangle Park: un polo in crescita 

La crescita di First Citizens è stata favorita dalla sua posizione in una delle regioni americane a più rapida crescita. Il Research Triangle Park, tra Raleigh e Durham, ospita più di 300 aziende. Google ha recentemente aperto un grande ufficio a Durham, mentre Apple sta costruendo un nuovo campus da un miliardo di dollari nell’area.

In una telefonata con gli investitori, lunedì mattina, Holding ha citato lo status di Raleigh come polo in crescita per le startup tecnologiche e il suo desiderio di rendere First Citizens la loro banca di riferimento.

“Questa transazione si basa sulle nostre capacità nei settori dell’innovazione e della tecnologia”, ha dichiarato Holding. “Riteniamo che ci siano venti di coda secolari a lungo termine a sostegno delle attività tecnologiche e sanitarie che continueranno a guidare la crescita in futuro”.

Le previsioni di crescita

Negli ultimi anni First Citizens si è affermata anche in California e nel Nord-Est, e l’acquisizione di Svb accelererà questa crescita. Molti dei soci della Silicon con esperienza nel settore bancario e tecnologico entreranno a far parte della banca combinata.

“Il capital call lending, ovvero i prestiti concessi soprattutto alle società di private equity, è una parte importante di ciò che si sta acquisendo. Si tratta di circa 40 miliardi di dollari su 110. Si adatta perfettamente a ciò che stanno già facendo a Raleigh”, afferma Gailey. “Penso che, man mano che un maggior numero di investitori si renderà conto dei meriti di questa operazione, il titolo salirà ancora molto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .