Nel 2022 il numero dei milionari è diminuito. Ma la ricchezza globale aumenterà del 38% nei prossimi cinque anni

global-wealth-report
Share

La ricchezza globale – secondo il Global Wealth Report di Ubs e Credit Suisse – aumenterà del 38% nei prossimi cinque anni e raggiungerà 629mila miliardi di dollari entro il 2027. Il rapporto stima che la ricchezza per adulto raggiungerà i 110.270 dollari, con un aumento del numero dei milionari a 86 milioni e del numero di persone con un patrimonio molto alto a 372mila.

Nel 2022, però, la ricchezza è diminuita. Stando ai dati emersi dallo studio, la ricchezza privata netta è diminuita di 11.300 miliardi di dollari (-2,4%), assestandosi a 454.400 miliardi alla fine del 2022. Anche la ricchezza per adulto è calata di 3.198 dollari (-3,6%), arrivando a 84.718.

I milionari diminuiscono

“Gran parte del calo è stato determinato dall’alta inflazione e dall’apprezzamento del dollaro statunitense rispetto a molte altre valute”, ha commentato Anthony Shorrocks, economista e autore del rapporto. Nello stesso anno anche la ricchezza dell’1% di popolazione più ricca al mondo è scesa del 44,5%. Il numero di milionari a livello mondiale è diminuito di 3,5 milioni, passando a 59,4 milioni.

“L’evoluzione della ricchezza “, afferma Nannette Hechler-Fayd’herbe, chief investment officer della regione Emea e global head of economics research di Credit Suisse, “si è dimostrata resiliente durante l’era Covid-19 e nel 2021 è cresciuta a un ritmo record, ma l’inflazione, l’aumento dei tassi d’interesse e il deprezzamento della valuta hanno causato un’inversione di tendenza nel 2022″.

La ricchezza media globale è aumentata del 3%

In contrasto con la ricchezza per adulto (in calo del 3,6%), la ricchezza media globale è aumentata del 3%. Anche a causa della crescita della Cina, la ricchezza media mondiale è aumentata di cinque volte in questo secolo, a un ritmo circa doppio rispetto alla ricchezza per adulto.

“Se i tassi di cambio fossero stati mantenuti costanti a quelli del 2021, la ricchezza totale sarebbe aumentata del 3,4% e quella per adulto del 2,2% nel 2022”, spiega Shorrocks. “Si tratta comunque dell’aumento più lento della ricchezza a tassi di cambio costanti dal 2008. Mantenendo costanti i tassi di cambio, ma tenendo conto degli effetti dell’inflazione, si ottiene una perdita di ricchezza reale del 2,6% nel 2022. Allo stesso modo, le attività finanziarie hanno contribuito di più al calo della ricchezza, mentre quelle non finanziarie (soprattutto real estate) hanno mantenuto una certa resistenza, nonostante il rapido aumento dei tassi di interesse. Tuttavia, il contributo relativo delle attività finanziarie e non finanziarie potrebbe invertirsi nel 2023, se i prezzi delle case dovessero diminuire in risposta all’aumento dei tassi d’interesse”.

I paesi che hanno perso e guadagnato di più nel 2022

In testa alla classifica dei paesi che hanno perso di più nel 2022 ci sono gli Stati Uniti, seguiti da Giappone, Cina, Canada e Australia. La perdita di ricchezza globale si è concentrata, infatti, nelle regioni più ricch,e come il Nord America e l’Europa, che insieme hanno perso 10.900 miliardi di dollari. L’Asia ha registrato perdite per 2.100 miliardi di dollari.

I maggiori aumenti di ricchezza sono stati registrati in Brasile, India, Messico e Russia. In America Latina, grazie a un apprezzamento medio della valuta del 6% rispetto al dollaro statunitense,  è stato registrato un aumento della ricchezza totale di 2.400 miliardi di dollari,

“Il Global Wealth Report di quest’anno”, afferma Iqbal Khan, presidente di Ubs Global Wealth Management, “rivela preziosi spunti di riflessione sullo stato della nostra economia e della nostra società, nonché sul cambiamento del significato e del potenziale della prosperità. Inoltre, getta lo sguardo sulle tendenze future, aiutandoci a definire le aspettative, a comprendere la natura in continua evoluzione della creazione di ricchezza e a comprenderne meglio il potere di creare benefici alla nostra società”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.