Guida de L'Espresso
Food & Beverages

Quali sono i migliori ristoranti d’Italia secondo la nuova Guida L’Espresso

Più di 1.200 persone sono accorse ieri sera a Milano al Teatro Nazionale CheBanca! per la presentazione della nuova Guida de L’Espresso: I 1000 Ristoranti d’Italia 2024. La guida è stata curata da Andrea Grignaffini che, coadiuvato dal vicedirettore Alberto Cauzzi e da un fidato gruppo di ispettori, hanno recensito, valutato e selezionato i migliori 1.000 ristoranti d’Italia.

Il direttore de L’Espresso e delle Guide de L’Espresso, Alessandro Mauro Rossi ha dato il via ad una vera e propria rivoluzione editoriale nel mondo delle guide enogastronomiche, già peraltro iniziata con la Guida dei Vini presentata lo scorso giugno. “Abbiamo 1000 ristoranti che non sono tanti rispetto alle altre guide ma che sono di grandissima qualità“, sottolinea Rossi che continua “e il fatto di esserci rappresenta una scelta precisa di premiare le eccellenze assolute della ristorazione, inoltre abbiamo costruito attorno alla guida un vero e proprio sistema, con un sito, un app, i social e un magazine settimanale, il weekly enjoy, tutti completamente gratuiti”

La Guida, di oltre 900 pagine completamente a colori, comprende la scheda completa di oltre mille ristoranti con descrizione, foto del ristorante, foto dei piatti migliori, la valutazione. Una guida che nasce dal passato ma che guarda al futuro come ha sintetizzato il curatore Andrea GrignaffiniAbbiamo realizzato questa Guida con passione e impegno con l’intento recuperare dal passato le peculiarità storiche e anche estetiche della guida dagli oltre otto lustri di storia rendendola più esclusiva nel concetto del numero chiuso

Durante la serata sono stati 24 i premi speciali conferiti da altrettanti sponsor: 

Premiante Categoria Premiato
Domori Miglior dolce Lido 84 – Gardone Riviera
Felicetti Miglior piatto di pasta Villa Elena – Bergamo
Tenuta Sette Ponti Miglior abbinamento vino/piatto Krèsios – Telese Terme
Riso Buono Miglior Risotto Cascina Vittoria – Pavia
Orto Brà Miglior proposta vegetariana/vegana Nove – Alassio
Gin Mare Miglior ospitalità Da Vittorio – Brusaporto
Bacio della Luna Ristorante col format più originale Ferdy Wild – Lenna
Inspatime Miglior locale etnico Iyo Omakase – Milano
Frantoio Sant’Agata Ristorante Sostenibile Dalla Gioconda – Gabicce Monte
Castello di Albola Miglior cuoco italiano all’estero Chef Giuliano Sperandio
Partesa Miglior Pranzo / Cappello di Platino Osteria Francescana – Modena
Bertani Miglior giovane chef Chef Andrea Antonini
Masottina Miglior locale con il servizio spumeggiante Caffè quadri – Venezia
Bellavista Miglior Sommelier Manuele Pirovano
Intrecci Miglior Team di Sala Il Pagliaccio – Roma
Kettmeier Migliore Carta dei Vini La Stua de Michil – Corvara
Barilla Migliore Esperienza degli ispettori Chef Mattia Pecis
Prosciutto San Daniele Miglior locale di materia prima Villa Maiella – Guardiagrele
Kon Miglior pane al ristorante Mammaròssa – Avezzano
Sagna Miglior carrello dei distillati Villa Crespi – Orta san Giulio
Classy Miglior piatto Reale – Castel di Sangro
San Bernardo Miglior trattoria dell’anno Ai cacciatori – Cartosio
Voiello That’s Amore Da Paolino – Capri
Nero Lifestyle Miglior esperienza al ristorante La Tana Gourmet – Asiago

Tutti i 1000 ristoranti in Guida hanno avuto la targa di riconoscimento di eccellenza della ristorazione italiana 2024 de Le Guide de L’Espresso.  Inoltre, 500 ristoranti hanno ottenuto anche una valutazione e gli sono stati assegnati, come da tradizione, un punteggio da uno a cinque cappelli. Sono 178 i ristoranti che hanno avuto un cappello, 191 quelli con due, 96 quelli con tre.

I 4 cappelli (30) sono andati a:

Acquerello – Fagnano Olona
Antica Corona Reale – Cervere
Bros’ – Lecce
Contraste – Milano
DaGorini – Bagno di Romagna
Dalla Gioconda – Gabicce Mare
Dina – Gussago
Krèsios – Telese Terme
La Pergola – Roma
La Rei Natura by Michelangelo Mammoliti – Serralunga d’Alba
La Tana Gourmet – Asiago
L’Argine a Venco’ – Dolegna del Collio
Materia – Cernobbio
Venissa – Venezia
Atelier Moessmer Norbert Niederkofler – Brunico
Cracco – Milano
Da Vittorio – Brusaporto
Danì Maison – Ischia
Del Cambio – Torino
D’O – Cornaredo
Duomo – Ragusa
Enoteca Pinchiorri – Firenze
Enrico Bartolini – Milano
Il Pagliaccio – Roma
La Peca – Lonigo
Lido 84 – Gardone Riviera
Madonnina del Pescatore – Senigallia
Seta by Antonio Guida – Milano
Villa Crespi – Orta San Giulio
Villa Feltrinelli – Gargnano

I 5 cappelli sono stati conferiti a:

Piazza Duomo – Alba
Le Calandre – Rubano
Osteria Francescana – Modena
Uliassi – Senigallia
Reale – Castel di Sangro

Per finire sono stati assegnati 5 cappelli d’oro a quei ristoranti che si sono distinti nella storia della cucina italiana:

Dal Pescatore – Canneto sull’oglio
Antica Corona Reale – Cervere
Casa Vissani – Baschi
La Pergola – Roma
Da Vittorio – Brusaporto

La regione che ha ottenuto più riconoscimenti è stata la Lombardia con ben 178 ristoranti di cui 105 con cappelli e 73 senza (105+73), seguita da Piemonte con 93 (48+45), Toscana con 91 (51+40), Emilia-Romagna con 77 e il Lazio a chiudere la top five con 74 (41+33).

La Guida sarà disponibile da dicembre nelle migliori librerie e su Amazon a soli € 19,90. L’app è disponibile gratuitamente sugli store Apple e Android.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .