Mazzalùa
Food & Drink

Mazzalùa arriverà in esclusiva in Italia grazie a Domori del Polo del Gusto

Sarà Domori del Polo del Gusto, già distributore affermato di eccellenze dal mondo food&beverage, a distribuire Mazzalùa, la bevanda denominata Alcohol Free Sparkling. Una bevanda innovativa, creata da una sapiente combinazione di aceto di vino naturalmente invecchiato e mosto da uve bianche. Dal 20 gennaio, Domori curerà in esclusiva la distribuzione in tutta Italia; mentre si comincia a guardare già all’estero, dove il mercato alochol-free è una realtà ormai consolidata e dalla forte capacità di attrazione, soprattutto tra le generazioni più giovani.

Mazzalùa: l’arrivo in Italia grazie a Domori

Dalle bollicine vivaci e un corredo aromatico complesso, Mazzalùa si inserisce in un mercato decisamente in crescita rispetto alle nuove esigenze salutistiche, ma non tralascia l’aspetto sensoriale, unico e inimitabile.

Alle spalle di questo prodotto c’è un team di competenze diverse, riunite nella nuova società Poska 1820. Il nome, Poska, richiama l’antica bevanda dell’età romana, Posca, a base di aceto e perfezionata da miscele di erbe aromatiche e spezie. Ne fanno parte: Ela Kristancic, presidente di Poska; Rossana Bettini, giornalista, esperta di analisi sensoriale, responsabile delle relazioni esterne e comunicazione, Lan Kristancic, vignaiolo e Francesco Razzetti, capo progetto, esperto del mondo delle produzioni agroalimentari, Cacciatore di Aceto.

Il progetto Mazzalùa nasce per incontrare una nuova sensibilità contemporanea, che si sta affermando ovunque nel mondo, e in maniera trasversale, sia dal punto di vista delle geografie e che delle generazioni. Mazzalùa, dunque, è dedicato a tutti coloro che scelgono di non consumare alcol o che non possono consumare alcol, per i motivi più svariati, offrendo un prodotto fresco, gradevole, raffinato e spumeggiante, e rigorosamente senza alcol. “Mazzalùa è un progetto autenticamente contemporaneo: un prodotto di assoluta qualità, realizzato con ingredienti pregiati e naturali, che risponde a un’esigenza oggi diffusa e intergenerazionale. La spumeggiante gradevolezza di Mazzalùa interpreta con rigore e innovazione la ricerca di una bevanda priva di alcol, ma strutturata, complessa in termini di aromi  e gusto”, racconta Rossana Bettini.

Note aromatiche ed elementi distintivi

Il bouquet in Mazzalùa è completamente naturale e deriva da una sapiente miscelazione fra l’aceto di vini naturalmente invecchiati e il mosto d’uva. Mazzalùa si esprime con una nota gustativa gentilmente acida, un tocco di fruttato accarezzato da un complemento naturalmente morbido, percepibile nella dolcezza del mosto d’uva. A completamento della bevanda, anche un tratto di anidride carbonica (CO2) utile sia in qualità di conservante naturale, sia come elemento di gioia.

Insieme al prezioso mosto d’uva, l’aceto di vino naturale invecchiato è elemento imprescindibile nella ricetta segreta di Mazzalùa. In determinate condizioni di temperatura e di ossigenazione, un vino può venire attaccato da batteri che trasformano l’alcol, appunto, in aceto. Perché questo processo avvenga spontaneamente, senza aggiunta di batteri selezionati e senza inserimento di altri aceti già formati, occorrono periodi molto lunghi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .