Leonardo DiCaprio Wolf of Wall Street Penny Stock
Investimenti

I lupi di Wall Street sono tornati: come difendersi dalla nuova ondata di penny stock

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Nel sottobosco delle rischiose penny stock, le fusioni inverse non ci sono più e le offerte pubbliche iniziali sono tornate di moda. Investitore, stai attento.

A circa un’ora di treno rapido a nord-ovest di Shanghai, in Cina, a Changzhou (5,2 milioni di abitanti), si trovano gli uffici di Jin Medical International, un produttore di sedie a rotelle ‘di fascia alta’. Le sedie a rotelle di Jin, istituita nel gennaio 2020 alle Isole Cayman, sono note per essere ergonomiche e leggere. Recentemente l’azienda ha iniziato a produrre modelli elettrici e adatti allo sci.

A marzo dell’anno scorso, con l’aiuto di un poco conosciuto sottoscrittore con sede a New York, Prime Number Capital Llc, Jin Medical ha effettuato un’Ipo sul Nasdaq, raccogliendo 8 milioni di dollari a 40 centesimi per azione su base frazionata corretta. Mentre l’indice Nasdaq 100, che comprende star del mercato come Nvidia, è cresciuto del 40% negli ultimi 12 mesi circa, le azioni di Jin sono salite a 14 dollari, registrando un aumento di quasi il 3.000% e una capitalizzazione di mercato di 1,73 miliardi di dollari. Sebbene la società non abbia presentato alcun rendiconto finanziario alla Sec dall’agosto 2023, all’epoca i suoi ricavi ammontavano a circa 20 milioni di dollari all’anno, con profitti di circa 3,5 milioni, il che le conferisce un rapporto utile per azione superiore a 500.

La notizia più importante rilasciata da Jin Medical è arrivata a dicembre 2023, quando ha annunciato una potenziale acquisizione di Jiangsu Zhongjin Kanglu Information Technology, un’azienda di apparecchiature mediche esperta nello “sfruttare la propria esperienza produttiva e la tecnologia di analisi dei big data” per noleggiare o condividere sedie a rotelle tra 1.600 persone negli ospedali in Cina. Sono stati forniti pochi altri dettagli, tranne che i negoziati seri sarebbero iniziati a marzo 2024.

La storia della penny stock Jin Medical

La storia di Jin Medical è il tipo di storia che i broker, addestrati al metodo di Jordan Belfort (protagonista nel film The Wolf of Wall Street, in cui è intepretato da Leonardo DiCaprio, ndr), sognano. Aggiungete il rapido invecchiamento della popolazione cinese – oltre un miliardo di persone -, con il conseguente aumento della domanda di sedie a rotelle ergonomiche e leggere, e poi cospargetela di big data e ‘sharing di sedie a rotelle’ alimentata dall’intelligenza artificiale, e otterrete un titolo che è salito da meno di 1,50 dollari di due mesi fa a un recente massimo di 16 dollari.

Quindici anni fa Jin Medical avrebbe probabilmente scelto una fusione inversa per il suo debutto sul mercato. In quel caso, una società privata si fonde con una società ‘di comodo’ già quotata, evitando il processo formale di Ipo che in genere coinvolge avvocati e sottoscrittori, e costi considerevoli. Gli involucri dormienti per società quotate sono numerosi, quindi le fusioni inverse tendono a essere più economiche e non necessitano del consenso del sottoscrittore o del buy-in dei broker.

Sembra una soluzione ideale, ma le fusioni inverse, soprattutto quelle che coinvolgono società cinesi, sono ora considerate dagli investitori merce contaminata, quindi gli ‘spacciatori’ di titoli a microcapitalizzazione le hanno evitate. Nel 2013 McKinsey ha stimato che le fusioni inverse sospese e cancellate che coinvolgono società cinesi sono costate agli investitori fino a 40 miliardi di dollari solo nel 2011 e nel 2012.

LEGGI ANCHE: “Chi è Carl Icahn, l’investitore miliardario accusato di schema Ponzi”

Dalle fusioni inverse alle recenti Ipo

A gennaio la Sec, la Consob americana, ha annunciato un inasprimento delle norme sulle fusioni inverse e sulle Spac, compresa una comunicazione più rigorosa dei conflitti di interessi, dei compensi degli sponsor e della diluizione degli azionisti. Con la diminuzione dei vantaggi di accedere ai mercati pubblici tramite una fusione inversa, le piccole aziende come Jin Medical scelgono sempre più le offerte pubbliche iniziali, incoraggiate da un gruppo crescente di sottoscrittori di penny stock, dai broker e da una legione di trader giornalieri che cercano di sfruttarle per un rapido profitto. Tra il 2010 e il 2023, secondo dati FactSet, gli Stati Uniti hanno assistito a una media di 104 fusioni inverse ogni anno, comprese le transazioni de-SPAC. Nel 2023 il numero è sceso a soli 40, il più basso dal 2012, che ne aveva registrati 71.

Kyle Asman, socio amministratore di Backswing Ventures, un fondo di venture capital con sede a Orlando, in Florida, ritiene che le fusioni inverse abbiano sofferto perché da qualche tempo le small cap non sono molto considerate. Oggi anche gli investitori retail alle prime armi si rendono conto che il semplice investimento in fondi indicizzati a larga capitalizzazione, come l’S&P 500, si è rivelata una strategia facile e vincente.

“Sono i primi 20 titoli a guidare la crescita del mercato azionario”, afferma Asman. “Queste aziende più giovani non ottengono i multipli di prima. Se si fa una fusione inversa e il titolo non decolla, è la fine”.

LEGGI ANCHE: “La nuova “Grande Scommessa” di Michael Burry: punta 1,6 miliardi di dollari sul crollo di Wall Street”

Il ritorno delle penny stock

Le fusioni inverse potrebbero non essere più di moda, ma le piccole offerte pubbliche iniziali sono tornate. Secondo i dati raccolti da Jay Ritter, professore di finanza dell’Università della Florida, lo scorso anno ci sono state 47 Ipo di penny stock, per un totale di 120 dal 2021 al 2023. Dal 2000 al 2020 ci sono state solo 108 operazioni di questo tipo. “Negli ultimi due anni si è verificato un numero insolitamente elevato di Ipo di microcap e penny stock”, afferma Ritter.

Le Ipo, a differenza delle fusioni inverse, portano con sé uno scarso stigma. E rispetto alle fusioni inverse, sono più sexy. Tradizionalmente, chi voleva acquistare al momento dell’Ipo doveva essere essere ricco e avere buone connessioni. È qui che entrano in gioco gli intermediari fai da te adatti agli investitori, come Webull di New York. Sul sito web, Webull pubblicizza un calendario Ipo di azioni che i loro clienti hanno la possibilità di acquistare. L’elenco, che attualmente ha circa 20 offerte disponibili nel prossimo mese, è pieno di penny stock. Molte di loro operano in Asia, tra cui Mingteng International, un produttore cinese di stampi automobilistici per veicoli elettrici che ha registrato ricavi per 8 milioni di dollari nel 2022, e Zerospo, che raggiunge circa 13 milioni di dollari di vendite annuali gestendo una catena di saloni relax in tutto il Giappone.

Webull, la Robinhood delle penny stock

Fondata nel 2017 da Wang Anquan, ex di Alibaba e Xiaomi (il terzo produttore di smartphone al mondo), Webull è in qualche modo un clone di Robinhood. La sua piattaforma di trading a commissione zero vanta, secondo un comunicato stampa di maggio 2023, oltre 17 milioni di utenti in tutto il mondo. Secondo un database Finra, 86 broker registrati lavorano sparsi negli uffici di New York, San Pietroburgo, Florida e Changsha, in Cina. E anche se potrebbe non essere un nome familiare come Robinhood, gli appassionati di sport probabilmente riconoscono Webull perché paga 30 milioni di dollari all’anno per avere il suo logo sulle maglie dei Brooklyn Nets.

Ma sono i legami finanziari di Webull con Xiaomi, società che è stata tra i primi sui sostenitori, a suscitare qualche perplessità negli ambienti politici. Un’indagine di Forbes del 2020 su come Xiaomi avesse raccolto e archiviato i dati dei suoi utenti ha fatto scattare allarmi sulla privacy per i ricercatori di sicurezza informatica. Poi, tre anni dopo, negli ultimi giorni dell’amministrazione Trump, Xiaomi è finita nella lista nera del Dipartimento di Difesa degli Stati Uniti, segnalata per i suoi presunti legami con l’Esercito popolare di liberazione (accusa che l’azienda ha negato). Tuttavia, non durò a lungo. A maggio 2021 il Pentagono (sotto Biden) ha annullato la decisione, in risposta a una causa intentata dalla società. Ma ciò non ha fugato le preoccupazioni.

L’ex membro repubblicano del Congresso Lee Zeldin ha espresso i suoi dubbi sulla sicurezza dei dati di Webull considerando la sua connessione con Xiaomi in un editoriale sul Washington Times del 2023. Zeldin ha sottolineato che la legge cinese potrebbe costringere aziende come Webull a cedere dati al Partito comunista cinese, compromettendo potenzialmente le informazioni personali degli utenti americani. Secondo Zeldin questo lascerebbe le operazioni di Webull e la sicurezza dei dati degli investitori americani fuori dalla portata normativa degli Stati Uniti, gettando un’ombra sull’affidabilità della piattaforma.

Webull non ha risposto alle richieste di commento.

I rischi delle Ipo a microcapitalizzazione

Sebbene titoli allettanti come Jin Medical possano raggiungere valutazioni che sfidano la logica finanziaria, i rischi di manipolazione e di volatilità estrema nelle microcapitalizzazioni scarsamente negoziate sono elevati. “Follow the money. Fondamentalmente, sono necessari almeno due gruppi per far funzionare una di queste cose: i sottoscrittori e gli emittenti”, afferma James Angel, professore alla McDonough School of Business della Georgetown University. “Queste Ipo di penny stock sono piuttosto piccole, ma a quanto pare i sottoscrittori hanno trovato il modo di commercializzarle”. Webull è un rivenditore attivo, ma è in buona compagnia. Boustead Securities di Irvine, California, è un sottoscrittore noto per le sue Ipo “calde”, secondo il sito web Ipo Warriors.

La lunga storia di investimenti in Ipo di penny stock da parte degli investitori retail non è buona. In un recente studio intitolato Lawful But Awful di Otc Markets Group, una società che gestisce una versione elettronica di quelli che un tempo erano conosciuti come pink sheet (dal nome del foglio su cui venivano stampate, ndr), le 91 quotazioni a microcapitalizzazione del 2022 avevano registrato un calo medio del 65% ad agosto 2023. Non è un’anomalia. Nel 2022 Bloomberg ha scritto che anche le quotazioni Ipo di Robinhood hanno avuto prestazioni deludenti. Delle 23 Ipo offerte, inclusa quella di Robinhood, tutte registravano un ribasso a doppia cifra al momento della stesura di questo articolo.

“Sospetto che siamo davanti a un caso di applicazione della cosiddetta greater fool theory”, dice Angel di Georgetown. “Gli investitori decidono di immischiarsi in una di queste cose losche, e i manipolatori fanno i loro giochi. Quando uno di questi titoli con flottante limitato decolla, gli index provider sono obbligati ad acquistare a prezzi gonfiati. Le persone che si fanno male quando il titolo inevitabilmente crolla sono gli spettatori innocenti dei fondi indicizzati”. Alcune di queste Ipo a microcapitalizzazione hanno trovato posto in Etf ad ampio spettro come Oneq, fondo da 6 miliardi di dollari di Fidelity che replica il Nasdaq Composite, e Itot, fondo da 50 miliardi di dollari di iShares sulle quotazioni del Nasdaq e del Nyse.

I flop di Prime Number Capital, il sottoscrittore sconosciuto

Prime Number Capital, il sottoscrittore dietro la frizzante offerta di azioni di Jin Medical, è stata fondata nel 2018 da Xiaoyan Jiang, un ex dirigente di Bnp Paribas la cui società vanta credenziali blue chip a Wall Street da luoghi come Goldman Sachs, Morgan Stanley e Merrill Lynch. Sul suo sito web, Prime Number dice di aver completato 19 offerte pubbliche iniziali, raccogliendo un totale di 1,6 miliardi di dollari. L’azienda vantava anche un elegante ufficio a Manhattan, al 1345 Avenue of the Americas, con “favolose viste su Central Park”. Ma una ricerca su Google rivela che il secondo piano, dove affermavano si trovasse il loro ufficio, è in realtà uno spazio di coworking.

Jin Medical, con il suo recente aumento del 3.000%, ha segnato un trionfo per Prime Number. Praticamente tutte le altre sue offerte sono state in perdita, con un rendimento medio negativo del 65%. Solo uno dei suoi 19 titoli Ipo, oltre a Jin, una società di vaporizzatori con sede a Los Angeles chiamata Ispire Technology, è attualmente scambiato al di sopra del prezzo di chiusura del primo giorno. Cinque delle ultime sei offerte di azioni di Prime Number sono entrate nel calendario Ipo di Webull, sebbene Jin Medical non sia una di queste.

Prime Number Capital non ha risposto alle richieste di commento e il ceo Xiaoyan Jiang non ha risposto alle domande inviatele tramite LinkedIn.

Jin Medical potrebbe non essere ancora per molto una brillante eccezione. A dicembre, il Nasdaq ha notificato alla società un avviso di delisting. Nonostante l’aumento delle sue azioni e una capitalizzazione di mercato di 1,73 miliardi di dollari, le azioni della società sono concentrate tra così pochi detentori che non riescono a soddisfare il requisito della Borsa di un minimo di 300 azionisti pubblici che possiedano almeno 100 azioni ciascuno. Jin perorerà la sua causa al Nasdaq a marzo.

(Nota: Jin Medical ha subito un frazionamento azionario di 20 a 1 l’8 febbraio. I prezzi nell’articolo sono stati aggiornati per riflettere il cambiamento.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .