Lifestyle

10 locali a Milano dove ascoltare musica dal vivo e gustare drink dei migliori mixologist

Il volto della Milano da bere, quello che ha definito alcuni ambienti sociali della città durante gli anni ’80, è cambiato ormai da tempo. Lontana da una visione elitaria degli eventi, la città si è democratizzata e la sua proposta di eventi, locali notturni e ristoranti riflette questa inversione di tendenza, con un’offerta diversificata e adatta a tutte le tasche senza rinunciare allo stile.

In attesa del Salone del Mobile appuntamento per eccellenza che quest’anno animerà il capoluogo lombardo dal 16 al 21 aprile, ecco una selezione di 10 locali dove assaporare piatti particolari, godere della buona musica e gustare un drink preparato da mixologist creativi.

Ronin (Via Vittorio Alfieri, 17)

    Ronin
    Ronin
    Ronin
    Ronin

Spirit de Milan (Via Bovisasca, 57/59)

    Spirit de Milan
    Spirit de Milan

Atmosfere decisamente diverse allo Spirit de Milan dove se vuoi ridere, ballare, bere, mangiare o fare nuove amicizie, questo è il posto adatto.

Lo dice anche la loro bio di Instagram: nato nelle ex cristallerie Livellara in via Bovisasca, lo Spirit de Milan è un locale che si presta sia per l’aperitivo informale, sia per cena e dopocena, con un menù dedicato alla cucina tradizionale milanese.

Il suo pezzo forte è però la musica, che inizia dopo le ore 22 con serate a tema per ogni giorno della settimana. Aperto dal martedì alla domenica dalle 19:30, tutte le sere lo Spirit propone serate con musica dal vivo.

Il venerdì è dedicata alla musica anni ’60-’70-’80 e il sabato allo swing. Infine, sono previste anche serate speciali con band internazionali. Il mercoledì invece si balla il tango.

Apollo (Via Giosuè Borsi, 9/2)

    Apollo
    Apollo
    Apollo

L’Apollo nasce da un’idea di Tiberio Carcano e Marcellina Di Chio, co-fondatori di un party milanese ormai noto: la serata elettro-indie Rollover Milano. Il locale, cocktail bar, bistrot & club nel cuore dei Navigli di Milano,
è un punto di riferimento per artisti, modaioli e amanti della musica.

L’Apollo propone infatti live show con musica jazz, clubbing con party house techno, talk show, eventi privati e shooting fotografici.

Il locale dispone anche di una gaming room dove si possono trascorrere i pomeriggi giocando ai videogames, ping pong e flipper.

Alla voce “aperitivi con vista panoramica” c’è sicuramente l’Hyatt Centric Milan Centrale.

Situato nel nuovo distretto finanziario di Milano, l’hotel gode di una vista incredibile sullo skyline della città e il Bosco Verticale. Ideale per aperitivi o dopo cena soprattutto con l’arrivo della stagione calda, questa struttura a pochi passi da Piazza Gae Aulenti è meta di chi rincorre le ultime tendenze, specie nei periodi di fashion week e design week.

Dal punto di vista della ristorazione, Hyatt Centric Milan Centrale offre tre alternative: Rivington Cucina New York, Intermezzo e Organics SkyGarden. Interessare per chi vuole fare le ore piccole è l’Organics SkyGarden @Cielo, giungla urbana che si eleva 40 metri sopra le vivaci strade milanesi, che offre cocktail esclusivi, appetitosi stuzzichini e musica dal vivo.

El Porteño Prohibido (Via Macedonio Melloni, 9)

    El Porteño Prohibido
    El Porteño Prohibido
    El Porteño Prohibido

El Porteño è un format ideato dalla holding Dorrego Company con Fabio Acampora, Sebastian Bernardez e Alejandro Bernardez. Che dopo il primo El Porteño e poi El Porteño Arena, a settembre 2019 hanno portato a Milano la formula de El Porteño Prohibido.

Qui è il tango il protagonista assoluto: durante la cena, infatti, gli ospiti possono ammirare i ballerini della Zotto Tango Accademy sulle note delle più famose canzoni di tango argentine. Uno show che accompagna la cena, naturalmente ispirata ai piatti della tradizione culinaria locale.

La stagione eventi 2023-2024 si suddivide infatti tra spettacoli di tango firmato dal coreografo Miguel Angel Zotto. Ma la vera novità di quest’anno è che grazie a Zotto sono stati coinvolti quattro ballerini di folklore argentino direttamente dall’Argentina. Sul palco, preparatevi quindi al vero malambo, con ballerini che si destreggiano sul palco con le bolas e suonano il bombos (tamburi).

Casa Tobago (Viale Umbria, 120)

Casa Tobago è il nuovo ristorante e cocktail bar che si trova negli spazi dell’ex Plastic di Milano. Il locale ricorda un vecchio gentleman’s club all’inglese e si estende su una superficie di 450 metri quadrati (oltre a 200 di giardino per la stagione estiva) dove domina la brace per la carne, un forno per la pizza e un cocktail bar d’autore fino alle 2 di notte. L’executive chef è Tommaso Croci.

Chi vuole fare più tardi potrà invece provare i cocktail creati da Alberto Corvi, food & beverage manager.

Il progetto è stato concepito da due volti noti dell’hospitality milanese: Alessandro Cesario e Christian Brigliadoro, già mente del The Yard (ora Aethos) e The Doping Bar.

Après-coup (Via Privata della Braida, 5)

    Après-coup
    Après-coup

Après-coup è un bistrot in Porta Romana, che dall’aperitivo fino al dopo cena offre la possibilità di godere della programmazione teatrale del proscenio, della musica jazz live, di presentazioni di libri, conferenze e serate di storytelling.

Ricca l’offerta per gli spettacoli teatrali, e lo stesso vale per la musica con artisti internazionali che portano sul palco musica anni ‘40 e ‘50, e riporta in auge le atmosfere dei bistrot della Parigi degli anni ’30, unendo swing americano, folklore gitano, romantiche ballad, valzer, bosse e boleri.

1930 Speakeasy (indirizzo segreto)

1930 Speakeasy

Nel 2020 era stato inserito tra i 50 migliori bar del mondo. Nato nel 2013, il 1930 è lo speakeasy più famoso di tutta Milano, concepito da un’idea di Flavio Angiolillo e Marco Russo, gestito da Fabio Cavagna e appartenente a Farmily group (che conta i locali Iter, Backdoor43, Mag Cafè I Navigli, Mag Cafè La Pusterla e il brand Farmily Spirits).

Il suo indirizzo è noto ai pochi eletti che, dopo aver instaurato un rapporto d’amicizia con lo staff del Mag Cafè, sono riusciti a scoprire come accedervi.

All’interno del 1930 si respira un’atmosfera vintage, curata nei minimi dettagli. 

Moebius (Via Alfredo cappellini, 25)

    Moebius
    Moebius

Moebius è tante cose: tapa bistrot, cocktail bar, ristorante sperimentale e record store tanto per cominciare, come si legge dal loro sito.

I suoi punti forti sono tanti, dai profumatissimi cocktail e miscele dai sapori inaspettati, dalla mattina fino a tarda sera questo locale intrattiene gli amanti del glamour e della buona musica.

Ogni lunedì e domenica, dalle ore 20 alle ore 22, note jazz, blues, swing e bossa nova animeranno il palco di questo locale. Ogni giovedì, invece, Dj set dalle 21 a 00:30. Qui la proposta musicale completa.

Kilburn (Via Panfilo Castaldi, 25)

    Kilburn
    Kilburn

Ultimo ma non per importanza è Kilburn, elegante locale situato nel cuore di Porta Venezia, che ricorda lo stile della Londra degli anni ’50.

Dedicato a chi ama degustare cocktail ricercati di ottima qualità ed esplorare nuovi sapori attraverso whiskey e rum selezionati, il locale nasce da un progetto di Ennio Lettera, graphic designer e fotografo, che va a Londra per imparare l’inglese e si avvicina col tempo al mondo della mixology. A volte si può godere di musica dal vivo con il duo chitarra/voce formato da Christian Francioni e Federica Zeta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .