Vaccino Covid-19: l’Ue compra 300 milioni di dosi da Pfizer e Biontech. E altri 3 contratti sono già firmati

vaccino covid-19, accordo ue, pfizer, biontech
(Shutterstock)
Share
vaccino covid-19, accordo ue, pfizer, biontech
(Shutterstock)

Arrivano ulteriori novità sul promettente vaccino contro il Covid-19 realizzato in collaborazione da Pfizer e Biontech. Dopo la pubblicazione degli ultimi studi, che dimostrano un’efficacia superiore al 90% del vaccino – la Commissione europea ha firmato, proprio nella giornata odierna, un contratto di acquisto con le due aziende produttrici che “prevede la fornitura di 200 milioni di dosi e un’opzione per richiederne altre 100 milioni”.

A darne notizia, sono le stesse Pfizer e Biontech (che all’indomani della pubblicazione degli studi ha arricchito ulteriormente i patrimoni dei suoi tre uomini di spicco) attraverso un comunicato stampa congiunto, il quale rivela “che le consegne, soggette ad approvazione normativa, dovrebbero essere previste entro la fine del 2020″. 

Anche se non è chiaro come sarà garantita la distribuzione all’interno dei Paesi membri, in particolar modo quale saranno le dosi di vaccino previste per ogni singolo stato, tuttavia Pfizer e Biontech hanno chiarito che “la fornitura di vaccini per l’Ue sarà prodotta dai siti di produzione di Biontech in Germania e dal sito di produzione di Pfizer in Belgio e, sulla base delle proiezioni attuali, le aziende prevedono di produrre a livello globale fino a 1,3 miliardi di dosi nel 2021″.

“L’accordo di fornitura finalizzato oggi con la Commissione europea rappresenta il più grande ordine iniziale di dosi di vaccino per Pfizer e Biontech fino ad oggi e un passo importante verso il nostro obiettivo condiviso di rendere un vaccino Covid-19 disponibile per le popolazioni vulnerabili”, dichiara Albert Bourla, Presidente e ceo di Pfizer. Soddisfatto anche Ugur Sahin, ceo e co-fondatore di Biontech: “In qualità di azienda fondata nel cuore dell’Europa, non vediamo l’ora di fornire milioni di persone previa approvazione normativa. Vorremmo ringraziare la Commissione e gli Stati membri per il loro sostegno e la fiducia nel nostro candidato vaccino Covid-19″.

Vaccino Covid-19: l’accordo dell’Ue con Pfizer e Biontech non è l’unico

Anche se l’accordo tra l’Ue, la Pfizer e la Biontech era stato preannunciato nella giornata di ieri dalla stessa Ursula Von Der Leyen sul suo profilo Twitter, va ricordato – come ha tenuto a precisare la stessa presidente della Commissione europea – che non è l’unico stipulato in questi mesi dall’Ue nella lotta al Covid-19:Una volta che questo vaccino sarà disponibile, il nostro piano è di distribuirlo rapidamente, ovunque in Europa. Questo sarà il quarto contratto con un’azienda farmaceutica per l’acquisto di vaccini. E ne arriveranno altri. Perché abbiamo bisogno di un ampio portafoglio di vaccini basati su diverse tecnologie”.

  • il 27 agosto 2020 la Commissione europea, come si legge in una nota ufficiale, ha firmato il suo primo accordo per la fornitura di un vaccino contro il Covid-19. E riguarda quello realizzato da Astrazeneca, in collaborazione con l’università di Oxford, le cui dosi saranno prodotte in Italia dalla società Irbm di Pomezia. Si tratta, in questo caso, di un accordo che prevede l’acquisto, da parte degli stati membri, di 300 milioni di dosi, con un’opzione per ulteriori 100 milioni di dosi.
  • Il 18 settembre, l’organo europeo ha stipulato con Sanofi e GSK un altro accordo di acquisto anticipato per la fornitura fino a 300 milioni di dosi del vaccino contro il Covid-19 sviluppato proprio dalle due aziende.
  • l’8 ottobre, la Commissione ha stipulato un terzo accordo anche con la casa farmaceutica, Janssen Pharmaceutica NV, una delle società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson, per la fornitura di 200 milioni di dosi del suo potenziale vaccino, con opzione di poterne acquisire altre 200 milioni di dosi.