Banco Desio

Share

Banco di Desio e della Brianza ha chiuso il primo semestre dell’anno 2021 con un utile netto consolidato di 36,8 milioni, e sul fronte della solidità patrimoniale, commenta l’amministratore delegato e direttore generale, Alessandro Decio, il coefficiente Cet1 è salito al 15,52% a livello di gruppo. Il gruppo ha centododici anni di storia B e una presenza in 10 regioni, dalla Lombardia all’Umbria, con oltre 230 filiali. Essere banca del territorio, sottolinea Decio, “porta il contatto di prossimità con le piccole e medie imprese e con il cliente, attraverso valori di dialogo e trasparenza per supportare al meglio lo sviluppo delle loro attività”. Banco Desio cerca di coniugare la fisicità della filiale con i nuovi strumenti digitali per essere più vicino alle esigenze dei clienti. Con il Piano Industriale del triennio, il gruppo prevede uno sviluppo tecnologico dedicato all’accelerazione dei processi informatici e operativi, con una forte attenzione al fattore umano e con un continuo dialogo col personale. 

CONTATTI

Via E. Rovagnati 1 - Desio (MB)
Tel. 0362 6131

Personaggi ed interpreti

Giovanni De Santis è responsabile della direzione risorse del gruppo Banco di Desio e della Brianza, dopo la laurea in Giurisprudenza si dedica all’ attività forense per poi iniziare nel gruppo Bper la carriera nel settore delle risorse umane. Dopo le esperienze in Federchimica e in Creval, dal dicembre 2019 arriva in Banco Desio con il ruolo di responsabile sviluppo e gestione risorse, per diventare nel maggio 2021 il direttore risorse del gruppo. La direzione ha il compito di valorizzare il capitale umano della Banca in termini di gestione, sviluppo, formazione, amministrazione e della gestione delle politiche del lavoro con le parti sociali.

Il punto forte

Primario obiettivo di Banco Desio è investire sulle persone, programmando percorsi professionali specifici e formativi sia per chi già opera che per i nuovi assunti. La banca punta sull’innovazione e sulla sostenibilità, per migliorare i rapporti fra le varie funzioni e per consentire risposte veloci e funzionali riducendo la burocrazia dei processi decisionali. Due gli obiettivi che l’istituto mette in cima alle priorità: il necessario ponte generazionale con l’innesto di giovani talenti e la parità di genere per supportare le donne nel loro percorso di crescita, sia in termini di ruolo sia in termini di carriera.

Share
Contenuto precedente
Contenuto successivo