Comal

Share

La storia del gruppo Comal inizia nel 1989, quando viene fondato da un team di tecnici provenienti da importanti esperienze maturate nel settore impiantistico-industriale. L’attività ha inizio nel settore meccanico-impiantistico, attraverso la partecipazione alla costruzione di impianti di produzione di energia da fonti convenzionali. Nel 2001 viene fondata Comal Impianti, ma è nel 2008 che avviene la svolta: a seguito della crisi impiantistica che ha riguardato anche il settore di produzione energia, viene attuata una completa ristrutturazione aziendale e la diversificazione del business. Da allora, Comal si inserisce nel settore delle energie rinnovabili, realizzando impianti fotovoltaici di grande potenza con formula Epc-m (engeneering, procurement, costruction management) e Operation & Maintenance, occupandosi della progettazione, costruzione di componenti strutturali e robotici, installazione dell’impianto, collaudo, commissioning e manutenzione e avendo realizzato più di 40 impianti fotovoltaici installati in Italia e Sud Africa, con una capacità energetica pari a oltre 600 megawatt.

CONTATTI

Zona Industriale “2 Pini”,
S.S. Aurelia km113
Montalto di Castro (Vt)
Tel. 0766 879718
Email: [email protected]

Personaggi ed interpreti

Alfredo Balletti è ceo di Comal dal 2007. Dopo la laurea in Ingegneria Meccanica entra nel mondo del lavoro ricoprendo fin da subito incarichi di responsabilità presso Co.Ge.Mi, Marconi e Selex Es (Leonardo), con 35 anni di esperienza professionale di alto livello. Recentemente ha affermato: “Il covid ci ha insegnato che non possiamo continuare a sfruttare il pianeta, perciò l’energia solare e in generale tutte le forme di energia rinnovabile registreranno una crescita notevole, anche perché alla luce dell’attuale rapporto costi/benefici l’investimento in fonti rinnovabili è molto attraente”.

Il punto forte

Comal offre soluzioni ingegneristiche tecnologicamente avanzate con tempi di realizzazione ridotti rispetto a quelle dei competitor. Grazie ai significativi investimenti in ricerca e sviluppo, l’azienda ha potuto realizzare un innovativo sistema di tracker sul quale sono installati i moduli fotovoltaici e per il quale ha avviato la procedura per l’ottenimento del brevetto. L’hardware e il software sviluppati in Comal e di cui è equipaggiato il sistema consentono la mobilità dei pannelli e l’inseguimento solare, incrementando la resa produttiva dell’impianto.

Share
Contenuto precedente
Contenuto successivo