Erg

Erg, tra le 100 eccellenze Forbes in Energia
Share

Erg, da oltre 80 anni nel mondo dell’energia, 70 dei quali nel business del petrolio, dal 2008 ha intrapreso un processo di cambiamento che l’ha portata a essere primario operatore europeo nel settore rinnovabili, primo in Italia e tra i primi dieci in Europa nella produzione di energia da fonte eolica on-shore. Oltre all’Italia opera in sei paesi europei: Francia, Germania, Regno Unito, Polonia, Romania e Bulgaria.

In prima linea sul fronte della transizione energetica, la società dispone oggi di una capacità installata complessiva di 3.115 mw, di cui 1.967 nell’eolico, 141 nel solare, 527 nell’idroelettrico e 480 nel termoelettrico cogenerativo ad alto rendimento a gas naturale. Un portafoglio produttivo col quale Erg ha ridotto del 90% il suo Carbon Index, la quantità di Co2 emessa per ciascun kWh prodotto. Con il repowering dei parchi eolici, ovvero la sostituzione di turbine obsolete con altre più evolute tecnologicamente, operazione che consente di quadruplicare la produzione di energia verde a parità di suolo occupato e dimezzando il numero di aerogeneratori, Erg fornirà un contributo importante agli obiettivi del Piano nazionale energia e clima. Erg è stata inserita dal Corporate Knights Index fra i 50 gruppi al mondo più attenti alla sostenibilità. 

CONTATTI

Contatti: Torre WTC Via De Marini, 1 16149 Genova – Italia; Tel: +39 010 2401665;
Email: [email protected]
Web: https://www.erg.eu/it/sostenibilita

OBIETTIVI
Obiettivo 4
Obiettivo 6
Obiettivo 7
Obiettivo 8
Obiettivo 15
Luca Bettonte di Erg tra le 100 eccellenze Forbes nella CSR
Personaggi ed interpreti

Luca Bettonte, ad di Erg e vicepresidente di Elettricità Futura, dichiara: “La transizione energetica è un’evoluzione molto ampia e complessa che porta con sé anche una trasformazione dal punto di vista sociale, visti gli enormi investimenti collegati alla decarbonizzazione, le potenziali implicazioni sull’occupazione, sulle competenze professionali e in generale sui comportamenti individuali. Un percorso difficile e importante ma anche molto affascinante”.

Share
Contenuto precedente
Contenuto successivo