Più che una pizzeria, può essere considerato un autentico laboratorio permanente dedicato alla sperimentazione nel campo dell’arte bianca. Ristrutturata nel 2023 per aumentare gli spazi e ottimizzare il servizio, La Fenice Pizzeria Contemporanea a Pistoia – creata nel 2019 da Manuel Maiorano e Cristiano Tirico – affianca all’offerta più classica una serie di proposte innovative legate al mondo dei lievitati di qualità. Se da un lato lo chef ha trasformato la pizza in una serie di “spicchi d’aria” al contempo leggeri e croccanti, dall’altro ha inventato la Uramaki fusion pizza: cercando ispirazione nelle cucine degli altri Paesi, Manuel si è appassionato alla cultura e ai sapori orientali e ha trovato un modo di renderli compatibili con il mondo dei lievitati, abbinando la focaccia al vapore con l’immagine e l’estetica del sushi. Nel giro di appena tre anni dall’apertura, la pizzeria si impone come uno dei locali di maggior prestigio in Toscana e ottiene grandi riconoscimenti: i Due spicchi del Gambero Rosso, la presenza stabile nella classifica di 50 Top Pizza e il premio di miglior pizzeria della Toscana 2022 del Forchettiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: via Dalmazia 73,
51100 Pistoia
Telefono: 057321167
Email: [email protected]

In primo piano

La Fenice Pizzeria Contemporanea è il frutto dell’incontro tra due soci, l’imprenditore pistoiese Cristiano Tirico e il pizzaiolo Manuel Maiorano, con quest’ultimo che ha iniziano a muovere i primi passi nel 2014 proprio nel locale della famiglia di Cristiano. Tanto forte è la passione di Manuel per i lievitati che nell’inverno 2023 inventa, dopo un anno di ricerche e sperimentazioni, un panettone salato realizzato con cinta senese Dop e pecorino di grotta che lo porta all’attenzione dei media nazionali.

Il punto forte

Tra le proposte più innovative della Fenice c’è sicuramente la Uramaki fusion pizza, ossia una versione che omaggia uno dei prodotti della tradizione culinaria giapponese. Questa variante mantiene la scelta di ingredienti e topping ricercati, cui però aggiunge una forma inedita. Qualche esempio? Gli uramaki con battuta di fassona, cipolla croccante, fonduta di pecorino, salsa teriyaki e gocce di sriracha, oppure il sashimi di tonno marinato in salsa di soia, alga wakame, sesamo e mayo all’erba cipollina.

Contenuto precedente
Contenuto successivo