Skin

Carlin Petrini, fondatore di Slow Food, già all’inizio degli anni ’80 ebbe a dichiarare che “la famiglia Franceschini fa parte della storia della ristorazione italiana”. Sì, perché tanta storia è passata dai tavoli del suo ristorante. Era il 15 aprile del 1966 quando il 22enne Romano Franceschini e la fidanzata Franca aprirono il ristorante omonimo. Da allora, una coppia nella vita e nel lavoro. La prossima primavera saranno 55 anni, con lei in cucina fino a cinque anni fa e Romano tuttora in sala a prendere le ordinazioni, coadiuvato dal figlio Roberto. Un ristorante simbolo della cucina italiana di mare e del pesce freschissimo. Tanto che si accorse di loro la Guida Michelin già nel 1985, con la prima stella, che il ristorante ha sempre mantenuto, grazie a piatti-icona come i calamaretti al forno ripieni di crostacei e verdure o gli sparnocchi al miele con carciofi fritti. 55 anni di vita e lavoro che sono un monumento all’impresa italiana familiare. Da quest’anno, la cucina è diretta dallo chef Nicola Gronchi, saggio traghettatore dei piatti della tradizione da lui magistralmente reinterpretati con piccoli accorgimenti, dalla materia prima alla tecnica di cottura, alla presentazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Via Mazzini 120 - Viareggio (Lucca) - Tel. 0584 31382
www.romanoristorante.it

In primo piano

Romano è da 55 anni in sala e due volte al giorno al mercato del pesce di Viareggio. Il figlio Roberto, campione italiano sommelier, cura la straordinaria cantina di vini dove propone un’accurata e vasta selezione di etichette nazionali e internazionali, frutto di una sua ricerca personale, anche poco conosciute. Straordinaria la proposta di distillati rari. Oggi la brigata di cucina è composta da uno staff giovane e preparato, guidato da Nicola Gronchi, 36 anni, di Carrara.

Il punto forte

I piatti oggi portano la firma chiara e già riconoscibile dello chef Nicola Gronchi. Da non perdere: composizione di aragosta e crostacei al vapore con verdure fresche, pappardelle con garmugia lucchese e canocchie, zuppa di pesci crudi con salsa come un cacciucco.

Contenuto precedente
Contenuto successivo