I Tenerumi, il ristorante vegetale del Therasia Resort Sea&Spa, rappresenta una dimensione unica in cui le materie prime della Sicilia, mantenendo la loro genuinità e autenticità, incontrano le tecniche di cottura internazionali e innovative diventando “esperienza” di questo connubio. Qui infatti è possibile vivere un’esperienza immersiva e coinvolgente: la cena si svolge su un rigoglioso prato dove il cielo stellato e l’intero arcipelago eoliano fanno da cornice, per godersi momenti di relax e sapore a contatto diretto con la natura. I tre capisaldi della filosofia del ristorante sono la sostenibilità delle materie prime, sapientemente coltivate nell’orto privato, il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente lungo tutta la filiera. Attraverso il suo menu degustazione lo chef Davide Guidara guida i suoi commensali in un percorso interamente vegetale, in cui spiccano audacia e originalità. Fondamenta di tutte le sue creazioni è un’attenta ricerca che lo ha portato a stilare un “Manifesto di Nuova Cucina Vegetale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: Isola di Vulcano
98050 Vulcanello (ME)
Telefono: 0909852555
Email: [email protected]

In primo piano

Il deus ex machina del ristorante Tenerumi è l’imprenditore ischitano Luigi Polito, proprietario del tour operator Imperatore Travel che offre mète soprattutto nel sud Italia. Oltre ad esso, Polito possiede anche quattro hotel ad Ischia – nell’isola sono presenti il Botania Relais e Spa, il Costa del Capitano, Il Manzi ed il Parco Maria, che riaprirà nel 2025 dopo i lavori di ristrutturazione – ed uno in Sicilia, sull’isola di Vulcano, ossia proprio il Therasia Resort che ospita Tenerumi.

Il punto forte

Tra i piatti iconici del ristorante siciliano non manca il cardoncello alla brace e scapece alla paprika: il fungo viene prima cotto sotto pressione, per poi essere lasciato macerare per tre giorni insieme ad aromi e a un vino prodotto da funghi. Successivamente viene affumicato per un’ulteriore notte e infine grigliato. Viene infine ultimato con una pasta di funghi shiitake ossidati.

Contenuto precedente
Contenuto successivo