Seguici su
Business 25 ottobre, 2018 @ 8:25

Questo 25enne ha appena venduto la sua startup per oltre 16 milioni di dollari

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Mads Olesen è il più giovane director di una delle maggiori compagnie energetiche danesi.

Heather Farmbrough per Forbes.com

Mads Andreas Olesen ha sempre avuto sia una vena imprenditoriale che una manuale. Da bambino, quando andava ai matrimoni, barricava gli ingressi dei bagni e chiedeva un ticket d’ingresso. Per gestire sua nonna che fumava sigarette al tavolo della cucina, costruì un mulino a vento con il Lego – dopotutto era in Danimarca – alimentandolo con una batteria elettrica per soffiare via il fumo.

In seguito abbandonò la scuola per lanciare una serie di startup infruttuose prima di raggiungere la formula vincente con il fornitore di energia rinnovabile Blue Energy, ora venduta alla New Nordic Advisors, che ha base a Londra, per oltre 100 milioni di corone danesi (DKK), circa a 16 milioni di dollari. Olesen e i suoi due soci co-fondatori Allan Flindt e Christopher Olesen ci rimarranno per almeno tre anni.

L’idea alla base di Blue Energy è semplice: fornire elettricità ai consumatori e alle piccole imprese aiutandoli a ridurre le bollette consumando meno, in linea con gli sforzi di raggiungere i target di consumo dell’UE del 27% di energie rinnovabili entro il 2030, o l’obiettivo della Danimarca del 50%.

“Tradizionalmente, i fornitori di elettricità applicano un margine fisso sulle vendite ai clienti sul costo di un chilowattora”. Che è come comprare una Coca Cola a un dollaro e venderla poi a 2 dollari”, spiega Olesen. “Semplice imprenditorialità”. Continua: “Il modo in cui funziona un contratto energetico tradizionale è ‘meno consumo = meno profitti’, ma il modo in cui funzionano i nostri contratti è ‘meno consumo = maggiore profitto’, ed è migliore per l’ambiente”.

L’elettricità rappresenta la più alta tassa sull’energia in Danimarca. I clienti hanno un prezzo forfettario con Blue Energy. Quando un cliente consuma meno elettricità, si pagano meno tasse e così Blue Energy aumenta il suo margine. L’azienda investe una quota proporzionale in energia alternativa come quella solare, idroelettrica ed eolica per ogni acquisto di elettricità, che si è rivelata una formula popolare con i clienti.

La cosa insolita di Blue Energy è che non si aspetta che il consumatore sia l’agente proattivo. Olesen ne spiega la logica:

“Non crediamo in un’app che ti dice quando lavare i tuoi vestiti, perché una notifica push da un’app non ti aiuterà a lasciare il lavoro e andare a casa a lavare i vestiti nel bel mezzo della giornata – o a saltare fuori dal letto e lavarli nel mezzo della notte. Riteniamo che i maggiori balzi in avanti deriveranno dall’automazione e dall’innovazione”.

Ad esempio, Blue Energy ha fornito ai clienti oltre 30.000 LED per contribuire a ridurre le bollette dell’elettricità e sta valutando come utilizzare al meglio l’Internet of Things che potrebbe contribuire a ridurre i consumi.

Nell’ultimo anno finanziario, Blue Energy ha generato oltre 100.000.000 DKK di entrate (16 milioni di dollari), con oltre 100 dipendenti in 3 sedi. Di recente ha introdotto le vendite a banda larga e assicurative dalla stessa piattaforma. Con l’iniezione di liquidità dalla vendita a New Nordic Advisers, Blue Energy punta a passare alla tecnologia educativa e ai servizi finanziari aggiuntivi, oltre che all’espansione oltreoceano.

Come è riuscito? Fin dall’inizio, Olesen non ha avuto paura di correre un rischio. All’inizio, lui, Flindt e Christopher Olesen (nessuna parentela) hanno richiesto più prestiti che potevano. E se Flindt e Christopher Olesen, con carriere di successo nel settore energetico, avevano probabilmente molto più da perdere, per Olesen, invece, è stato semplice:

“Quando non hai niente, devi rischiare tutto. Non avevo titoli di studio formali, non avevo niente su cui contare. In quella situazione, ti senti con le spalle al muro, quindi quando si presenta un’opportunità, faresti meglio ad afferrarla e tenerla stretta. Per andare contro player dominanti nel settore energetico, devi essere disposto a eliminarli in maniera legale”.

Olesen ha anche avuto la fortuna di avere accesso a buoni consigli, in particolare dai membri del consiglio di amministrazione come Lars Therkildsen, director di Hofor, il più grande fornitore di acqua ed energia in Danimarca. Essendo un piccolo fornitore di energia, Blue Energy poteva essere agile, ma con la sua crescita era inevitabile che ne avrebbe persa un po’.

Olesen sapeva ci sarebbe stata la tentazione di svendersi man mano che la compagnia diventava redditizia. Tuttavia, aggiunge, “il problema con le exit è che non si sa mai quando è il momento giusto per vendere. Sapevamo che man mano che crescevamo, dovevamo fare qualcosa per non svendere troppo presto quando i nostri concorrenti bussavano alla porta”.

Ora Olesen, la cui madre è un’insegnante, è tornato a scuola. Sta studiando alla Copenhagen Business School, frequentando la sua laurea in due anni anziché in quattro, e tecnologia energetica presso KEA, la Scuola di Design e tecnologia di Copenaghen, dove ha finito un corso di tre anni in 18 mesi.

Mi cita la teoria della relatività di Einstein al contrario quando dico che deve essere molto impegnato. Non c’è alcun sostituto per la pura fatica, e dice:

“Il talento è sexy ma per come la vedo io, è solo qualcosa di statico. Sono le ore che ci metti a fare da amplificatore e il numero di ore è uguale alla fortuna. C’è una causalità”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!