Seguici su
Leader 14 novembre, 2018 @ 1:30

Forbes ha scelto i nuovi Under 30 che stanno cambiando il mondo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Camila Cabello fa parte della Forbes 30 Under 30 nella categoria Music. (Emma McIntyre/Getty Images For dcp)

di Alexandra Wilson e Steven Bertoni per Forbes.com

Torniamo alle vecchie abitudini con l’edizione 2019 del Forbes 30 Under 30, la nostra lista annuale che racconta gli imprenditori più avventurosi negli Stati Uniti e in Canada. Dalla creazione di latte senza mucche a camion senza conducente, questi innovatori stanno scuotendo alcune delle industrie più difficili del mondo. Con una ventina di settori diversi, la nostra collezione di 600 giovani leader e imprenditori incarna il modo in cui una visione fresca, una tecnologia potente e un ottimismo incrollabile possono combinarsi in società e movimenti dirompenti. Dalla finanza al cibo, dalla moda alla filantropia, questi amanti del rischio stanno cambiando per sempre il modo in cui l’America fa affari.

Come sempre, la nostra lista definitiva dei game-changer Under 30 favorisce gli imprenditori: il 55% dei premiati nel 2019 sono dei fondatori di aziende. I membri della lista provengono da tutto il mondo – quasi il 20% sono immigrati e circa il 40% sono americani di prima generazione.

I nomi famosi abbondano. La star dei Detroit Pistons Blake Griffin si muove fuori dal campo come un magnate dei media, musicisti come Billie Eilish e Camila Cabello stanno facendo il loro debutto con spettacoli da tutto esaurito, e attori come Timothee Chalamet e Rachel Brosnahan stanno trasformando ruoli rischiosi in celebrità di Hollywood.

Gli Under30 stanno cambiando il modo in cui mangiamo, ci muoviamo e guariamo. Ryan Pandya (Perfect Day) e Maya French (Koia) hanno raccolto milioni di dollari per sviluppare un caseificio senza l’aiuto delle mucche. Alex Rodrigues (Embark) sta inventando camion che non hanno bisogno di driver. Gregory Rockson, che è venuto dal Ghana negli Stati Uniti per studiare medicina, ha lanciato mPharma per costruire un software che ottiene farmaci salvavita in comunità lontane in Africa.

La copertina di Forbes dedicata agli Under 30 con Blake Griffin.

Nel frattempo, i gemelli fondatori di Mars Reel, Brandon e Bradley Deyo, stanno sviluppando un ESPN per gli sport delle scuole superiori. La fondatrice di PlayVs Delane Parnell vuole installare una squadra di Esports in ogni scuola americana. La fondatrice di Ibellus Rebecca Kantar intende sostituire i test standardizzati con le sue simulazioni di vita reale basate su computer.

Questi sono solo una manciata di pionieri che si uniscono a una comunità di leader precoci da 5.000 membri, tra cui Daniel Ek di Spotify, il vincitore del premio Nobel Malala Yousafzai, l’imprenditrice di cosmetici Emily Weiss e il regista hollywoodiano Ryan Coogler.

La scelta di questi premiati tra migliaia di candidati è un lungo e scoraggiante processo a tre strati che si basa sulla conoscenza e sull’autorità della nostra comunità di vasta portata, di giornalisti e di esperti giudici. Quest’anno i redattori hanno lavorato a stretto contatto con una giuria particolarmente accorta per valutare le 20 categorie, tra cui Tory Burch (Art&Style), Craig Newmark (Education), Padma Lakshmi (Food&Drink), Jim Hackett e Eren Ozmen (Manufacturing&Industry), David Axelrod (Law & Policy), Kirsten Green (Retail & Ecommerce), Thomas Tull (Sport), Arlan Hamilton e Alexis Ohanian (Venture Capital).

Il risultato è una selezione dinamica di leader diversi che condividono lo stesso obiettivo audace: cambiare il mondo. Il futuro sembra luminoso, dai un’occhiata.

30 Under 30 2019 in cifre:

L’età media è 26,8;
Più del 55% sono fondatori o cofondatori;
Il 19% sono immigrati provenienti da 57 paesi;
È stato raccolto ben oltre 1 miliardo di dollari di finanziamenti;
Il 38% si identifica come americano di prima generazione;
Lavorano in media 67 ore settimanali;
Il 77% dei premiati considera che avere meno di 30 anni sia un vantaggio nella propria carriera;
L’89% è ottimista sull’economia degli Stati Uniti per le startup;
Il 31% ha deciso in cosa volevano fare carriera durante l’università, il 22% l’ha deciso da bambino, il 10% lo sta ancora decidendo;
I college che producono il maggior numero di membri della lista (in ordine): Stanford University, Harvard University, MIT, University of Pennsylvania, UC Berkeley, NYU;
Le aziende che ammirano di più (in ordine): Amazon, Alphabet (Google), Apple, Tesla, Patagonia, Stripe;
Il mentore ideale numero uno (nell’ordine): Elon Musk, Jeff Bezos, Bill Gates, Barack Obama, Richard Branson, Sheryl Sandberg (nessuno ha menzionato l’attuale presidente americano);
La caratteristica più importante per un imprenditori: grinta (41%); passione (19%); visione (16%).

Vuoi ricevere le liste di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!