Ogni due giorni nel mondo c’è un nuovo miliardario

vista della marina di Dubai
La marina di Dubai (Shutterstock)
Share
vista della marina di Dubai
La marina di Dubai (Shutterstock)

È l’epoca della disuguaglianza. Le ricchezze delle persone più abbienti del mondo continuano a crescere a ritmi sempre più veloci e contemporaneamente i più poveri vedono ulteriormente scendere la loro ricchezza. Sono i risultati del rapporto Oxfam “Bene pubblico o ricchezza privata” pubblicato oggi alla vigilia del World Economic Forum di Davos.

La ricchezza dei miliardari è cresciuta nell’ultimo anno del 12%, pari a 2,5 miliardi di dollari al giorno, mentre 3,8 miliardi di persone, che rappresentano la metà più povera del pianeta hanno visto il loro grado di benessere diminuire dell’11%. In un anno la ricchezza dei paperoni è cresciuta di 900 miliardi di dollari. E si tratta di una ricchezza sempre più concentrata, tanto che i soldi di metà della popolazione mondiale sono nelle mani di 26 singole persone.

Questa accelerazione delle disuguaglianze – secondo il report – sta mettendo a repentaglio la lotta alla povertà, danneggiando le economie e buttando benzina sul fuoco della rabbia popolare nel mondo. I governi in particolare agirebbero nella direzione di un incremento delle disuguaglianze riducendo i fondi dedicati ai servizi pubblici come sanità ed educazione, allentando al tempo stesso la tassazione sulle imprese e le persone più ricche.

Il report rivela inoltre che il numero di miliardari è quasi raddoppiato dall’inizio della crisi finanziaria nel 2008, con un nuovo miliardario ogni due giorni tra il 2017 e il 2018.

Il rapporto spiega anche alcuni correttivi che potrebbero essere applicati. Ad esempio aumentare le tasse sui più ricchi di solo lo 0,5% permetterebbe di raccogliere sufficiente denaro per fornire educazione a 262 milioni di bambini che attualmente non frequentano le scuole o di dare copertura sanitaria a 3,3 milioni di persone.

Le disuguaglianze non sono solo di censo ma anche di genere. Gli uomini possiedono a livello globale – dice l’Oxfam – il 50% in più della ricchezza rispetto alle donne, ma queste ultime sono anche quelle che risentono maggiormente di una riduzione dei servizi pubblici erogati.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!