Seguici su
Style 7 marzo, 2019 @ 4:34

La nuova eleganza à la garçonne del marchio milanese BLAZÉ MILANO

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda e tutto ciò che le gravita attorno.Leggi di più dell'autore
Nata in Sicilia, si trasferisce a Milano per studiare giurisprudenza ma soprattutto per inseguire la sua più grande passione: la scrittura. In precedenza ha collaborato con il quotidiano di Class editori MFFashion occupandosi di moda e finanza. Appassionata di romanzi gialli, musica jazz e cinema. chiudi
bianco nero persone
Le fondatrici del marchio (Courtesy BLAZÉ MILANO)
Eleganza sofisticata, da esibire con la dovuta nonchalance. Nasce in parte da questa filosofia la quintessenza del marchio BLAZÉ  MILANO, frutto dell’inventiva di tre milanesi doc: Delfina Pinardi, Corrada Rodriguez d’Acri e Sole Torlonia. Un background formativo comune, la moda, e l’obiettivo, altrettanto comune, di dare al blazer femminile “la stessa attenzione che i grandi sarti danno agli abiti da uomo nei dettagli, nei materiali e nella realizzazione”. Il blazer, infatti, come rivela il nome è il core business del brand italiano, presente in 70 negozi nel mondo e oggi molto amato da star e influencer, che ha deciso di raccontarsi a Forbes.it.

Domanda:
Come è nata l’idea di fondare il marchio?

Sole: Tutte e tre veniamo dal mondo della moda, quindi il nostro interesse è stato quello di creare qualcosa di nostro in questo settore. Una volta individuato l’obbiettivo, abbiamo eseguito un’accurata ricerca di mercato notando che nessun brand aveva concentrato l’attenzione su un prodotto unico come il blazer.

modelli giacca jenas
(Courtesy BLAZÉ MILANO)

D: Il nome del brand ricorda chiaramente il suo core business: il blazer. Perché avete scelto di puntare su questo capo in particolare?

Delfina: E’ stata una sfida. Non volevamo dimenticare le radici del blazer: l’ambiente marinière, da dove proviene questo capo, e mantenere un allure nè troppo maschile nè troppo femminile. Sempre un equilibrio tra le due attitudini che una donna può avere insomma.

Corrada: Non esiste più quell’ossessione di “appartenere” ad un marchio head-to-toe, si è in cerca di nuovo della propria identità con pochi pezzi, duraturi nel tempo e speciali, fatti su misura.

D: BLAZÉ  MILANO è amato ormai non solo in Europa ma anche all’estero. Qual è, secondo voi, il suo “X factor”?

Sole: Facciamo un prodotto classico, ma rivisitato. La verità è che, evidentemente, il nostro gusto personale piace e viene capito.

D: Quali sono secondo voi le influencer che possono rappresentare il vostro DNA?

Delfina: Amiamo molto lo stile di Caroline de Maigret, la nostra musa sin dal primo giorno.

D: Cosa non deve assolutamente mancare nel guardaroba femminile?

R: Un golf maschile, una camicia maschile oversize, che funzioni anche come vestito, e dei 501 Levi’s.

modelli giacca jenas
(Courtesy BLAZÉ MILANO)

D: Nell’ultima collezione avete deciso di introdurre nuovi capi come abiti e camicie. Come mai? Ci dobbiamo attendere nuove sorprese?

Corrada: Ci piaceva l’idea di qualche pezzo da inserire a completamento del blazer e dei nostri capi in generale. I pantaloni sono stati creati su richiesta delle nostre clienti. Abbiamo inserito poi piccoli pezzi, come gonne lunghe e camicie, realizzate con gli stessi tessuti del blazer, quasi fossero un’estensione di questi ultimi.

D: A cosa vi ispirate quando create? Un film, un’icona del passato?

Delfina: Alle icone di stile che tutte noi amiamo: Lauren Hutton, Katharine Hepburn, Bianca Jagger.

D: Quali sono gli stilisti che apprezzate di più?

Corrada: Isabel Marant, Clare Waight Keller, Yves Saint Laurent. Mi sento molto vicina al loro gusto, amo le loro creazioni e sono fonte di ispirazione.

Sole: La mia designer preferita è Phoebe Philo. I suoi modelli sono vere e proprie opere d’arte. In particolare Clare Waight Keller, che con i suoi abiti mi fa sentire femminile senza cadere mai nel banale.

Delfina Pinardi: ACNE per i tessuti e le forme, Giambattista Valli per la femminilità dei suoi abiti.