Louis Vuitton, l’iconica tela Monogram diventa extralarge

persone borse volti
(Courtesy Louis Vuitton)
Share
persone borse volti
(Courtesy Louis Vuitton)
L’iconico Monogram di Louis Vuitton assume una nuova veste con Monogram Giant, una versione extra-large del logo LV, rivisitazione contemporanea dell’iconica tela della maison.
Gli esclusivi modelli della collezione si distinguono per la combinazione di due motivi diversi: il Monogram Giant e il Monogram Reverse. E anche in questo caso, sono i dettagli a fare la differenza. Come i pratici manici Toron e la lunga tracolla in vacchetta naturale o in pelle nera a contrasto, ad esempio.
    Monogram Giant
    Monogram Giant
    Monogram Giant
    Monogram Giant
La storia di Louis Vuitton, e del suo iconico logo è iconica quasi quanto il marchio parigino. Era il 1837 quando il sedicenne Louis Vuitton giunse a piedi fino a Parigi e iniziò a lavorare come apprendista di Monsieur Maréchal. All’epoca, i principali mezzi di trasporto erano le carrozze e i bagagli venivano maneggiati con scarsa delicatezza. L’immediato successo ottenuto dall’artigiano lo portò ad espandere la sua attività e ad inaugurare, nel 1859, il suo primo Atelier ad Asnières, a nord-est di Parigi.
Il motivo a monogramma LV compare per la prima volta nel 1896 ma è nell’era del jet set anni ’50 e ’60 che i bauli Louis Vuitton raggiungono la fama grazie a personaggi come l’attrice Anna Magnani che ne portò con sé un’intera schiera durante un viaggio a Parigi. Negli anni, la tela Monogram è diventata l’elemento distintivo di Vuitton, diventando oggetto di numerose interpretazioni di stilisti come Marc Jacobs, Virgil Abloh, Nicolas Ghesquière e Kim Jones.