Seguici su
Innovazione 18 Giugno, 2019 @ 8:11

La criptovaluta di Facebook che sconvolgerà le banche, vista da una banca

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
(Shutterstock)

Oggi Facebook dovrebbe togliere il velo alla sua criptovaluta conosciuta finora con il nome di GlobalCoin o di Libra. Il progetto ha coagulato attorno a sé diversi grandi operatori commerciali, tecnologici e del mondo delle carte di credito che, secondo il Wall Street Journal gestiranno la blockchain su cui girerà la criptovaluta, per la quale è previsto l’aggancio a un paniere di valute internazionali.

La valuta digitale di Facebook vale il clamore mediatico che ha sollevato? Ha provato a rispondere una banca, ING Bank, tra le tante che secondo alcuni osservatori potrebbero vedersi progressivamente disintermediate proprio partendo da ciò che annuncerà oggi Facebook.

Teunis Brosens e Carlo Cocuzzo di ING Bank sono gli autori di una nota di analisi che prova a fare chiarezza su alcuni punti. Vediamoli di seguito.

“È importante chiarire due malintesi” scrivono i due analisti. In senso stretto, le criptovalute sono decentralizzate. Questo significa che la massa monetaria e l’infrastruttura sono gestite da una base di utenti collettiva, che in pratica è rappresentato da gruppi di interesse come minatori, sviluppatori ed exchange. D’altra parte, con la moneta di Facebook, c’è una parte centralizzata che emette e gestisce la moneta sulla propria piattaforma. Facebook potrebbe anche gestire il tasso di cambio della sua moneta con monete tradizionali, come l’euro e il dollaro. Quindi riferirsi a GlobalCoin come a una criptovaluta è sbagliato, o nel migliore dei casi irrilevante.
In secondo luogo, GlobalCoin come valuta non è una novità. Molti player hanno avuto le loro valute virtuali per molto tempo. Le carte telefoniche prepagate ne sono un esempio. Conosciamo anche queste valute dal mondo non digitale. Ad un concerto, devi spesso farlo compra monete personalizzate per pagare la birra. Quindi niente di veramente nuovo. E dato che le valute virtuali non sono un fenomeno nuovo, sono soggette a regolamenti esistenti ben stabiliti. Infatti, Facebook ha acquisito una licenza per “istituto di moneta elettronica” in Irlanda alla fine del 2016 ed è autorizzata a emettere e gestire valute virtuali in tutta l’UE utilizzando tale licenza”.

Niente di nuovo sotto il sole quindi? La valuta digitale di Facebook sarebbe condannata all’irrilevanza? Non proprio.

“Anche se il progetto valutario di Facebook non è nulla di nuovo in sé, la scala che la moneta di Facebook potrebbe raggiungere è qualcosa con cui fare i conti. È chiaro anche da dove arriva l’ispirazione di Facebook. L’app cinese WeChat è stata soprannominata “app per tutto”. Include una funzionalità di pagamento, il che significa che gli utenti possono fondamentalmente fare tutto sulla piattaforma e nell’app. Per Facebook, l’aggiunta della propria valuta fornirebbe un potente incentivo per i suoi utenti per rimanere sulla piattaforma e per effettuare transazioni con i fornitori, pagandoli in modo virtuale su Facebook moneta. Questo, a sua volta, incentiverebbe la presenza di rivenditori grandi e piccoli sulla piattaforma di Facebook, che ne accetterebbero le monete per evitare di perdere una parte significativa dei loro clienti.

Quindi, mentre le banche potrebbero ritrovarsi disintermediate, i fornitori di business potrebbero invece essere legato alla piattaforma di Facebook. Le autorità della concorrenza di tutto il mondo stanno quindi probabilmente guardando le mosse di Facebook da vicino. Così come le banche centrali.

L’avvio di valute virtuali su una scala modesta hanno un impatto trascurabile sulla politica monetaria e sulla stabilità finanziaria. Ma se molte transazioni finiscono per essere gestite da ciò che è, in effetti, una valuta straniera (nella misura in cui il suo tasso di cambio è gestito nei confronti di un paniere di valute), le banche centrali potrebbero voler ancora del tempo per pensarci”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!