Seguici su
Life 12 settembre, 2019 @ 4:36

Lo yacht da 295 milioni appartenuto a Paul Allen è in vendita

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Quella di Paul Allen è stata una delle figure più visionarie dei nostri tempi. Scomparso all’età di 65 anni, a causa di un tumore, è stato cofondatore di Microsoft, ma anche un grande investitore e filantropo. Tra le sue passioni c’era quella dell’esplorazione degli oceani con il suo yacht Octopus, varato nel 2003. Negli ultimi giorni l’imbarcazione è stata messa in vendita, in una versione ristrutturata, dal sito specializzato Burges al prezzo di 295 milioni di euro.

L’explorer può ospitare 26 persone in 13 cabine, mentre i 63 membri dell’equipaggio si dividono altre 30 cabine. Tra i viaggi più importanti effettuati da Octopus c’è l’esplorazione della costa dell’Antartide, la traversata del Passaggio a nord-ovest e il recupero della campana dell’incrociatore da battaglia HMS Hood, effettuato insieme alla marina militare inglese.

A bordo il futuro proprietario potrà disporre di un deck privato, che include un bar, una jacuzzi e una zona pranzo all’aperto. Lo yacht ha due ascensori: uno è dedicato all’uso esclusivo del proprietario per viaggiare attraverso lo yacht con discrezione e facilità.

Sul ponte sottostante, gli ospiti hanno un’area per l’intrattenimento con una piscina a poppa, una sala da pranzo all’aperto, un bar e un forno per la pizza. Appena sotto il ponte c’è un altro spazio dove gli ospiti possono godere di una vasta gamma di servizi tra cui un centro benessere, biblioteca e bar, cinema, palestra, sale multiple e un campo da basket.

Oltre a sette tender, due zattere di salvataggio, Octupus è in grado di ospitare un SUV e due elicotteri nel garage e due sottomarini, un ROV e  un sottomarino che ospita otto ospiti e due membri dell’equipaggio capace di immergersi per un massimo di otto ore. A bordo sono presenti anche un centro immersioni e una camera iperbarica, oltre a un beach club con bar.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!