Al primo Super Bowl in 4K si sfidano Bloomberg e Trump, Amazon e Walmart

(Ronald Martinez/Getty Images)
Share
(Ronald Martinez/Getty Images)

E’ la notte dei grandi numeri. E’ la notte dei grandi soldi. Questa è la notte del Super Bowl 54. Che si tiene nello stadio dei Miami Gardens e vedrà lo scontro muscolare tra San Francisco e Kansas City Chiefs. Per la prima volta nella storia dell’evento la rete tv Fox Sport trasmetterà le immagini in qualità 4K UHD che significa una qualità quattro volte superiore al Full HD. Un salto tecnologico che permetterà a milioni di americani di vedere come non mai ogni singola goccia di sudore stillante dai caschi, ogni zolla staccata dal prato da passi molto pesanti. Nemmeno la politica questa notte dormirà, un evento che raggiunge oltre 100 milioni di cittadini non può essere ignorato dai candidati. Donald Trump sarà in onda con uno spot di 30” al costo di 5,6 milioni di dollari per un solo ed unico passaggio in cui si annuncia che “il bello deve ancora venire”. Con un investimento di 10 milioni di dollari passerà anche lo spot di Michael Bloomberg che narra la tragedia di una madre che ha perso il figlio ventenne in una sparatoria, a Houston, Texas. Il messaggio è contro la violenza e le armi così capillarmente diffuse nella società americana. La NFL che organizza il tutto non offre dati sul giro d’affari ma una stima dell’Istituto IEG parla di 1,39 miliardi tutti in una notte escludendo l’indotto creati con i consumi degli americani in attesa e durante l’evento. La National Retail Association prevede che tale indotto sarà di 17,2 miliardi provenienti da food, bevande e gadget marchiati.

Dai diritti televisivi concessi a Fox Sport, CBS, NBC arriveranno 3 miliardi di dollari e l’esercito degli sponsor conta sui grandi nomi dell’industria. C’è Walmart che vuole convincere i telespettatori a scegliere i suoi nuovi metodi di consegna a domicilio per rispondere allo spot di Amazon che da vari anni compra i suoi 30” sul Super Bowl, mentre per Walmart si tratta di un esordio. Ci sono le auto, in massa, da Hyundai a Kia a Porsche fino a Toyota e Audi, ci sono le immancabili bollicine di Coca Cola e Budweiser, ci sono gli esilaranti spot di Doritos e c’è anche Avocados from Mexico che potrebbe andare di traverso a Trump.

Un posto a sedere al Miami Gardens costa tra 1000 e 5000 dollari e gli spettatori paganti sono oltre 65.000. Quando diciamo un’audience di 100 milioni dobbiamo aggiungere l’effetto trascinamento dei social media che negli ultimi anni è cresciuto in maniera esponenziale. E siccome lo sport è parente stretto dello show in attesa del big match saranno in onda Shakira e Jennifer Lopez.