Coronavirus: c’è il primo vaccino sperimentale. Ora partono i test

(Shutterstock)
Share
(Shutterstock)

Arriva una prima speranza per il trattamento del Coronavirus.
Moderna, una società biotecnologica con sede nel Massachusetts ha annunciato questa notte l’avvio dei test di fase 1 per un vaccino contro il coronavirus. Si tratta del mRNA-1273, un vaccino il cui primo lotto clinico era stato completato a partire dal 7 febbraio 2020. Le fiale sono ora state spedite per i test al National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) statunitense.

Si tratta di un vaccino della famiglia mRNA. Questi vaccini, realizzati con RNA messaggero, sono più veloci ed economici da produrre rispetto ai vaccini tradizionali. Moderna utilizzerà il vaccino mRNA per colpire una proteina sulla superficie del coronavirus che attiverà anche il sistema immunitario.

“Voglio ringraziare l’intero team di Moderna per il loro straordinario sforzo nel rispondere a questa emergenza sanitaria globale con una velocità record. La collaborazione attraversoModerna, con NIAID e CEPI ci ha permesso di consegnare un lotto clinico in 42 giorni dall’identificazione della sequenza “, ha affermato Juan Andres, Chief Technical Operations and Quality Officer presso Moderna.

Con sede a Cambridge, Massachusetts, Moderna attualmente ha alleanze strategiche per programmi di sviluppo con AstraZeneca, eMerck, così come con l’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata sulla difesa (DARPA), un’agenzia del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Moderna, che è quotata sul mercato Nasdaq di New York ha visto i suoi titoli salire del 15,6% nella seduta after hour di ieri sera.

Restano comunque ancora incerti i tempi di una eventuale approvazione del vaccino per il suo utilizzo sull’uomo.