Federico Marchetti lascia la guida di Ynap. Così ha inventato il fashion online

Federico Marchetti
Federico Marchetti (Foto Shutterstock)
Share
Federico Marchetti
Federico Marchetti (Foto Shutterstock)

Federico Marchetti lascia la guida di Ynap Group che avvia il percorso verso la successione. Come comunicato ai dipendenti e nel frattempo trapelato sulle riviste di settore, da WWD a Vogue Business, il ceo di Yoox Net-a-Porter (Ynap Group dopo l’acquisizione da parte della holding finanziaria Richemont nel 2018) lascerà l’incarico non appena sarà individuato il suo successore. Marchetti ha un contratto che scade nel 2021 ma resterà comunque presidente del gruppo.

Fondata nel 2000, quattro anni prima della nascita di Facebook e del boom degli smartphone, Yoox si è fusa nel 2015 con Net-a-Porter ed è oggi più di un portale di vendite online specializzato in capi di moda e lusso esclusivi e ricercati: è un ambiente digitale, un insieme di properties che spazia dallo store ai social network passando per la produzione di contenuti.

In vent’anni la società fondata da Marchetti è passata dall’essere una startup dell’ecommerce a prezzi da outlet fino a diventare un mega store multi brand e di tendenza con 3 milioni di clienti in 180 Paesi, quasi 5 mila dipendenti e quasi 2,5 miliardi di fatturato. Di questi oltre 1 miliardo proviene da device mobili così come un miliardo sono le visite su Yoox e Net-a-Porter. “Se in questo istante un cliente sta facendo shopping di lusso online, con buona probabilità sta comprando da uno dei nostri siti”, commenta Marchetti nel post su Instagram in cui annuncia il piano di successione.

Forbes ottobre 2018
La copertina del secondo numero di Forbes

“L’inventore del fashion online”, come viene ritratto nell’intervista di Forbes Italia dell’ottobre 2018, era già da ragazzo un visionario, anzi un “immaginifico”, così lo ritraggono i suoi professori. “Sin da bambino avevo questa passione per le invenzioni, come creare una cosa nuova”, diceva di sé. “Dai 19 ai 29 anni ho deliberatamente deciso di voler imparare a fare l’imprenditore” e aggiunge: “avevo un piano e l’ho eseguito: Università alla Bocconi, esperienza in Lehman Brothers, Master alla Columbia University, e alla fine mi aspettavo la folgorazione”.

La folgorazione è arrivata come ricorda sempre nel post su Instagram: “Ho avuto l’intuizione che la moda si sarebbe spostata sul web. Ho seguito il mio istinto e contro ogni probabilità ho aperto le porte del mio primo sito prima di Facebook, di Instagram e dell’iPhone”. Dopo vent’anni è pronto a lasciare che la sua creatura cammini da sola ma rimane con il ruolo di presidente per “assicurare una transizione graduale e creare tutte le condizioni per il successo del futuro amministratore delegato”.