Il miliardario Jack Ma dona 1 milione di mascherine all’Italia

Jack Ma
Jack Ma (Photo by Andrew Burton/Getty Images)
Share
Jack Ma
Jack Ma (Photo by Andrew Burton/Getty Images)

La Fondazione Alibaba e la Fondazione Jack Ma, creata dal fondatore della società tecnologica Alibaba Group, Jack Ma, hanno donato 1 milione di mascherine e 100.000 kit di rilevamento al popolo Italiano per il tramite della Croce Rossa Italiana, per sostenere l’Italia nella lotta contro il Covid-19.

Ne dà notizia una comunicazione congiunta tra le due Fondazioni e la Croce Rossa in cui si legge che il carico è arrivato con una dedica speciale stampata sulle scatole, ovvero un estratto del Nessun Dorma, l’aria più nota dell’opera Turandot di Giacomo Puccini: “Dilegua, o notte! Tramontate, stelle! Tramontate, stelle! All’alba vincerò! Vincerò! Vincerò!”- un messaggio di speranza e resilienza inviato da Jack Ma agli Italiani.

La spedizione delle mascherine con lo speciale messaggio per il popolo italiano (Courtesy Fondazione Alibaba e Croce Rossa Italiana)

L’aereo con la prima spedizione di dispositivi sanitari è partito dall’aeroporto di Hangzhou Xiaoshan, in Cina, ed è arrivato all’aeroporto di Liegi (Belgio), proseguendo poi per Roma. Il primo lotto di mezzo milione di mascherine chirurgiche di vario tipo è stato consegnato al CONE (Centro Operativo Nazionale Emergenze) della Croce Rossa Italiana, a Roma il 17 marzo, mentre è previsto che le restanti 500.000 mascherine e 100.000 kit di rilevamento raggiungano l’Italia entro la fine di questa settimana.

La donazione all’Italia fa parte di numerose iniziative analoghe che Fondazione Alibaba e Fondazione Jack Ma hanno promosso per supportare le aree nel mondo maggiormente colpite dall’epidemia di Covid-19, procurando e inviando  forniture mediche di vario tipo a Cina, Giappone, Corea del Sud, Stati Uniti, Spagna e Belgio, oltre che a fondi per la ricerca di trattamenti per il coronavirus stanziati in Cina e al Peter Doherty Institute for Infection and Immunity (Australia) e alla Columbia University (USA). Ulteriori donazioni verranno annunciate nelle prossime settimane.