Seguici su
Business 22 Marzo, 2020 @ 1:30

Gli ingegneri italiani che stampano in 3D i componenti per i respiratori degli ospedali

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Il team di Isinnova, azienda guidata da Christian Fracassi, secondo da destra nella prima fila (Immagine tratta dal profilo Facebook dell’azienda)

di Amy Feldman per Forbes.com

Christian Fracassi, fondatore e ceo di Isinnova, una startup italiana di ingegneria, ha ascoltato la richiesta di aiuto venerdì scorso. L’ospedale di Chiari, nella zona di Brescia, nel nord Italia, dove la pandemia di coronavirus ha colpito duramente, aveva urgentemente bisogno di valvole per i suoi respiratori per mantenere in vita i pazienti che necessitavano di ossigeno. Il produttore non è stato in grado di fornirli abbastanza rapidamente e l’ospedale era disperato.

Fracassi ha iniziato immediatamente ad armeggiare con i suoi ingegneri per decodificare una versione stampata in 3D del componente tradizionale. Chiamata valvola Venturi, si collega alla maschera facciale di un paziente per erogare ossigeno a concentrazione fissa. Le valvole devono essere sostituite per ciascun paziente.

Sabato sera Fracassi aveva un prototipo e, il giorno successivo, lo ha portato all’ospedale di Chiari per un test. “Ci hanno detto: ‘Va bene. Funziona. Ne abbiamo bisogno di 100 “, afferma Fracassi, che ha 36 anni e ha un dottorato di ricerca in scienza dei materiali con particolare attenzione ai polimeri. “Ne abbiamo stampate 100 di domenica e abbiamo consegnato tutti i pezzi all’ospedale. Stanno lavorando molto bene. ”

Mentre il coronavirus si diffonde a livello globale, la carenza di forniture mediche è diventata un grave problema. I produttori semplicemente non possono avviare la loro produzione di dispositivi medici salvavita abbastanza velocemente. La maggiore crisi di approvvigionamento è con i ventilatori, ma le parti di respiratori come quelle realizzate in Italia e anche i semplici tamponi rinofaringei per i test sono altrettanto scarsi. Nel frattempo, la tecnologia di stampa 3D, che consente la progettazione digitale di parti e la “stampa” di una macchina che le crea strato per strato, è ideale per la produzione di emergenza perché è veloce, economica e può essere eseguita senza grandi fabbriche.

Ma solleva problemi, che vanno dalla qualità dei prodotti nell’utilizzo medico, ai brevetti detenuti dai produttori del dispositivo originale. In genere, le nuove parti stampate in 3D devono essere certificate. In Italia, afferma Fracassi, le norme di emergenza durante la pandemia di coronavirus hanno permesso di rinunciare a tale requisito. “Hanno detto: ‘Sappiamo che il prodotto che porterai non sarà mai lo stesso”, afferma Alessandro Romaioli, ingegnere di Isinnova, che ha progettato le valvole stampate in 3D. Isinnova ha offerto gratuitamente all’ospedale di Chiari le valvole; Fracassi afferma che il costo per stamparli è di due o tre euro ciascuno. Isinnova ora ha la capacità di produrre circa 100 parti al giorno e sta parlando con un secondo ospedale in Italia per inviare anche le valvole lì.

Tuttavia, potenziali problemi legali e medici hanno impedito a Fracassi di distribuire il file di progettazione digitale in modo più ampio, nonostante abbiano ricevuto centinaia di richieste per le valvole stampate in 3D. Ci sono complessità perché gli ospedali usano una vasta gamma di respiratori, ognuno dei quali ha specifiche tecniche leggermente diverse e richiederebbe valvole leggermente diverse. Inoltre, c’è la minaccia di potenziali contenziosi sui brevetti, come sollevato per la prima volta da Techdirt. “Non sappiamo se qualcosa è brevettato. Speriamo solo che la fabbrica possa chiudere gli occhi perché non possono produrla in tempo”, afferma Fracassi. “È solo per le emergenze.”

Tuttavia, di fronte alla pandemia di coronavirus, la stampa 3D offre almeno una soluzione intelligente per frenare le carenze. Davide Sher, l’analista della stampa 3D che ha scritto per primo la  storia di Isinnova  per la pubblicazione su 3D Printing Media Network, ha successivamente creato un forum di emergenza online  per aiutare gli ospedali, le aziende di stampa 3D e gli inventori a condividere idee nella lotta contro COVID-19. Come scrive sul forum: “Mentre ci sono sia problemi di copyright che problemi medici che devono essere presi in considerazione quando si stampa in 3D qualsiasi prodotto medico, e uno critico come una valvola Venturi in particolare, questo caso ha dimostrato che casi di vita o di morte potrebbero giustificare l’uso di una replica stampabile in 3D. ”

Fracassi afferma che Isinnova sta lavorando per progettare altri prodotti medici di cui gli ospedali hanno bisogno durante la pandemia di coronavirus. La prima è una maschera. La startup ha creato un prototipo all’inizio di questa settimana e lo ha inviato in ospedale per test, afferma. “Stiamo aspettando una risposta e, se funziona, siamo pronti”, afferma Fracassi. “Poi ogni ospedale potrà realizzare le proprie maschere.”

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!