Grande Depressione e recessione da Coronavirus: cosa cambia e cosa no

Wall Street nel novembre 1929 (Hulton Archive/Getty Images)
Share
Wall Street nel novembre 1929 (Hulton Archive/Getty Images)

di Sarah Hansen per Forbes.com

Mentre gli Stati Uniti si avviano sul territorio di una recessione e gli investitori salutano un “mercato toro” durato 11 anni, i confronti con la Grande Depressione – la peggiore recessione economica della storia americana – sono inevitabili, ma come si inquadra effettivamente questo confronto?

Disoccupazione

  • Al suo picco la disoccupazione raggiunse durante la Grande Depressione  l’incredibile cifra del 24,9% nel 1933, secondo l’Ufficio delle statistiche del lavoro ; nel 1929, solo quattro anni prima, la disoccupazione era solo del 3,2% .
  • Lo scorso febbraio, il tasso di disoccupazione era del 3,5%, secondo il Bureau of Labor Statistics (il numero non tiene conto dei licenziamenti legati al coronavirus che sono aumentati questo mese).
  • La disoccupazione non è salita al di sopra del 4% da febbraio 2018.
  • Il presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis, James Bullard, ha detto a Bloomberg che il tasso di disoccupazione negli Usa potrebbe raggiungere il 30% il prossimo trimestre, mentre la scorsa settimana, il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha commentato che il tasso di disoccupazione potrebbe raggiungere il 20% se i legislatori non riuscissero ad approvare una legge di sostegno, dicendo: ” non lasceremo che ciò accada “.

Pil

  • Nel 1930, il prodotto interno lordo degli Stati Uniti – il valore di tutti i beni e servizi prodotti dal paese – si è ridotto dell’8,5% a causa della contrazione dell’economia; ha perso un altro 6,4% nel 1931 e un altro 12,9% nel 1932.
  • Non tornò di nuovo in positivo fino al 1934, l’anno successivo all’entrata in vigore del New Deal.
  • Il prossimo trimestre, Bullard prevede un calo del 50% del Pil a seguito dell’epidemia.
  • Anche le previsioni di Wall Street sono state desolanti, anche se leggermente meno terribili di quelle di Bullard: la scorsa settimana Goldman Sachs ha previsto un calo del 24% nel prossimo trimestre, mentre JPMorgan ha stimato il 14%.
  • Ieri Morgan Stanley ha dichiarato che prevede un calo del 30,1% del Pil nel prossimo trimestre, che sarebbe la peggiore performance trimestrale degli ultimi 74 anni, secondo Politico.

Azioni

  • Gli Stati Uniti impiegarono più di tre anni a riprendersi dal devastante crollo del mercato azionario del 1929.
  • Nel pieno della Grande Depressione, nel 1931, l’indice Dow Jones Industrial Average ha perso poco più del 30% nel corso di un mese, secondo i dati di Morningstar Direct.
  • Da quando l’attuale sell-off è iniziato, alla fine del mese scorso, il Dow ha perso il 24,5%.
  • Secondo Bespoke Investment Group, il calo del 34% dell’S&P nell’ultimo mese è la flessione più forte del mercato su un periodo di un mese a partire dal 1931 (lo stesso S&P 500 non esisteva prima del 1957).

Scenario di fondo: “Questo è uno tsunami economico”, ha dichiarato Mark Zandi, capo economista di Moody’s Analytics, a Ezra Klein di Vox . “Stiamo per vedere un vertiginoso declino dell’attività economica”, ha detto. “Non c’è nulla di analogo a questo nell’era moderna.” L’economia americana era relativamente in salute prima dell’attuale crisi, e per quanto riguarda le conseguenze, “nessuno sa quanto profonda sarà la recessione economica”, scrive Bespoke.

A cosa guardare: le politiche del New Deal del presidente Roosevelt, come la creazione della Social Security Administration (ente che si occupa della previdenza sociale negli Usa, ndt) e una serie di nuovi regolamenti bancari, sono ampiamente considerati i fattori alla base della ripartenza dell’economia negli anni ’30. Ora tutti gli occhi sono puntati su un disegno di legge bipartisan di stimolo economico multimiliardario in discussione al Senato. Sia la proposta repubblicana che quella democratica fornirebbero misure di stimolo direttamente ai contribuenti, ritarderebbero la scadenza dell’imposta federale sul reddito e fornirebbero assistenza alle piccole imprese.