Seguici su
Investimenti 2 Aprile, 2020 @ 2:50

Le 10 azioni che hanno tenuto testa al peggior trimestre delle Borse dal 1987

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Il nyse di new york (migliori titoli in Borsa durante il coronavirus)
Il floor del New York Stock Exchange (Photo by Drew Angerer – Getty Images)

di Sergei Klebnikov per Forbes.com

Il coronavirus ha causato un calo molto grave sui mercati finanziari durante i primi tre mesi del 2020 (il Dow Jones per esempio ha riportato una perdita del 23%, ossia il suo peggior trimestre dal 1987, mentre l’S&P 500 è è andato incontro a un crollo del 20%, la sua più grande perdita trimestrale dal 2008). Nonostante il sell-off legato alla pandemia, ci sono alcune aziende che hanno sovraperformato nel massacro del mercato azionario.

Statistica cruciale: solo 31 titoli nell’intero S&P 500 — poco più del 6% dell’indice – hanno riportato guadagni netti per il primo trimestre 2020. I restanti 469 titoli sono tutti in rosso, secondo i dati Bloomberg per il trimestre conclusosi il 31 marzo.

Coronavirus, i 10 migliori titoli in Borsa

Regeneron Pharmaceuticals: +30%

Il titolo dell’azienda Regeneron Pharmaceuticals è quello più performante nel primo trimestre. Esso, infatti, ha riportato un rialzo del 30%. La società americana di biotecnologie è in prima linea negli sforzi per sviluppare un trattamento per il coronavirus e recentemente ha avviato una sperimentazione clinica per un nuovo farmaco per curare la malattia.

Citrix Systems: +27,6%

Al secondo posto di questa particolare classifica dei migliori titoli che hanno guadagnato di più in Borsa in questi tre mesi del 2020 vi è la società di cloud computing e software Citrix Systems. Grazie al fatto di aver beneficiato di un numero maggiore di persone costrette a lavorare in smartworking, il suo titolo in Borsa  ha riportato da inizio anno un incremento del 27,6%. 

NortonLifeLock: +27%

L’economia del lavoro da casa sta rendendo la sicurezza informatica più importante che mai e NortonLifeLock ne sta beneficiando. La società, leader mondiale nella sicurezza informatica dei consumatori, ha visto crescere il suo titolo in Borsa di quasi il 27% negli ultimi tre mesi.

Netflix: +16%

La quarantena e le conseguenti direttive di rimanere a casa stanno costringendo molti a cercare intrattenimento a casa. Non sorprende quindi che Netflix sia molto richiesto e che i suoi investitori stiano godendo dei premi: il titolo è andato incontro a un rally del 16% nel primo trimestre.

Digital Realty Trust: +16%

A differenza della maggior parte dei suoi competitor nel settore immobiliare, Digital Realty Trust ha visto le sue azioni crescere del 16% nonostante la volatilità del coronavirus, grazie alla maggiore sicurezza dei dividendi rispetto ai suoi concorrenti.

Gilead Sciences: +15%

Anche un’altra azienda biotecnologica all’avanguardia nello sviluppo di un trattamento per COVID-19 è in lista: Gilead Sciences. Il titolo della società, negli ultimi tre mesi, ha visto crescere le sue azioni del 15% rispetto alle perdite diffuse del mercato.

Clorox: +13%

Anche Clorox, produttore di salviette disinfettanti, continua a essere un titolo caldo. I prodotti dell’azienda, infatti,  rimangono molto richiesti durante la pandemia da coronavirus. Da inizio anno, le sue azioni hanno fatto segnare un incremento di quasi il 13%.

Nvidia: +12%

Il produttore di chip grafici Nvidia ha anche resistito alla recessione del mercato. Le sue azioni, nel primo trimestre del 2020, hanno fatto registrare una crescita del 12%, grazie al fatto che l’azienda sta da una parte mostrando segnali di forte crescita e dall’altra che le sue azioni si sono dimostrate resistenti.

SBA communications: +12%

Sulla stessa scia di Nvidia anche SBA Communications. Prorietario dell’infrastruttura wireless e operatore, l’azienda nei primi tre mesi dell’anno ha riportato una crescita in Borsa del 12%.

MSCI: +11,9%

A completare i dieci migliori titoli in Borsa del primo trimestre 2020 troviamo MSCI. Il fornitore globale di indici azionari, obbligazionari e azionari, ha infatti fatto registrare un aumento dell’11,9%.

Da segnalare anche le performance positive di T-Mobile (+7%), di The JM Smucker Co (+6,6%) e di Amazon (+5,5%)

I 10 peggiori titoli dell’S&P500

I dieci peggiori titoli, dal punto vista della performance, dell’S&P500 includono, ovviamente, tre operatori crocieristici e sette compagnie energetiche: entrambi i settori sono stati colpiti in modo particolarmente duro negli ultimi mesi.

Il titolo peggiore dell’indice di riferimento nel primo trimestre è stato Apache Corp., in calo dell’83,7%. La guerra dei prezzi del petrolio ha portato a uno shock di domanda e offerta per il settore energetico, provocando una serie di società che hanno visto i loro corsi azionari precipitare in parallelo con il calo dei prezzi del greggio.

Negli ultimi tre mesi si sono accumulate altre riserve energetiche: Marathon Oil è sceso del 75,9%, Energia nobile del 75,7%, Devon Energy Corp. del 73,4%, Halliburton Co. del 72%, Occidental Petroleum del 71,9% e Diamondback Energy del 71,8 %.

Tre operatori di crociere completano i primi dieci principali titoli peggiori di Borsa dell’S & P 500 mentre l’industria viene colpita da una forte riduzione dei viaggi e del turismo globali: Norwegian Cruise Line è precipitata dell’81,2%, Royal Carribean del 75,9% e Carnival del 74,1%. È importante segnalare che ogni volta che l’S&P500 è sceso di oltre il 10% nel primo trimestre, l’indice guadagna una media del 40% durante il resto dell’anno, secondo l’analisi dei dati storici di LPL Financial.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!