I dettagli del nuovo BTP Italia con premio fedeltà raddoppiato

Trading: immagine di Trader
Un trader in una sala operativa di Londra (Carl Court/Getty Images)
Share
Un trader in una sala operativa di Londra (Carl Court/Getty Images)

Il ministero dell’Economia ha presentato le caratteristiche del nuovo BTP Italia pensato per il risparmiatore retail e per contribuire alla copertura delle spese relative all’emergenza Covid-19.

L’emissione, che avrà luogo dal 18 al 21 maggio 2020, e che per i primi tre giorni sarà interamente dedicata al retail, prevede una scadenza per la prima volta a 5 anni e un premio fedeltà pari all’8 per mille (il doppio rispetto alle precedenti emissioni) per coloro che acquistano il titolo all’emissione e lo detengono fino a scadenza, nel 2025.

Il nuovo BTP Italia, per il resto, presenta le stesse caratteristiche dei precedenti collocamenti: cedole semestrali indicizzate al FOI (Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi), a cui si aggiunge il pagamento del recupero dell’inflazione maturata nel semestre (con la previsione di un floor in caso di deflazione, che garantisce che le cedole effettivamente pagate non siano comunque inferiori al tasso reale garantito definitivo), rimborso unico a scadenza.

Il titolo sarà collocato sul mercato, attraverso la piattaforma elettronica MOT di Borsa Italiana, in due fasi: la prima fase si svolgerà in tre giornate, da lunedì 18 a mercoledì 20 maggio e sarà riservata ai risparmiatori individuali ed altri affini; la seconda fase, che si svolgerà nella sola mattinata del 21 maggio, sarà riservata agli investitori istituzionali. Per i piccoli risparmiatori non sarà applicato alcun tetto massimo, assicurando la completa soddisfazione degli ordini, come in tutte le precedenti emissioni.

Il tasso reale annuo minimo garantito per questa nuova emissione sarà comunicato al pubblico venerdì 15 maggio, mentre il tasso reale annuo definitivo verrà comunicato nella mattinata del 21 maggio, prima dell’apertura della seconda fase.

Al sottoscrittore all’emissione, come in passato, non verranno applicate commissioni di collocamento mentre sul rendimento del titolo si continuerà ad applicare l’usuale tassazione agevolata sui titoli di Stato pari al 12,5%.