Seguici su
Innovazione 30 Aprile, 2020 @ 2:30

Perché il Remdesivir di Gilead offre sempre più speranze contro Covid-19, ma non certezze

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

 

Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases statunitense (Alex Wong/Getty Images)

Articolo di Alex KnappForbes e Leah Rosenbaum apparso su Forbes.com

I risultati di due diversi studi pubblicati mercoledì sull’uso del trattamento antivirale Remdesivir di Gilead Sciences (GILD) hanno fornito ulteriori prove del fatto che potrebbe essere efficace come trattamento per i casi gravi di COVID-19, anche se uno studio meno esteso pubblicato lo stesso giorno suggerisce che potrebbe non essere più efficace di un placebo.

Mercoledì, in un comunicato stampa e durante un briefing, l’Istituto statunitense per le allergie e le malattie infettive (NIAID) ha affermato che i dati preliminari di uno studio su 1.063 pazienti hanno mostrato che il trattamento con Remdesivir ha ridotto i tempi di recupero da COVID-19 a una media di 11 giorni, rispetto a una media di 15 giorni per i pazienti che assumono un placebo.

“I dati mostrano che il Remdesivir ha un chiaro e significativo effetto positivo nel ridurre i tempi di recupero”, ha dichiarato il dott. Anthony Fauci, capo del NIAID. I dati preliminari suggeriscono inoltre che il Remdesivir ha ridotto il tasso di mortalità dei casi gravi della malattia a circa l’8%, rispetto all’11,6% dei pazienti che hanno ricevuto un placebo. Fauci ha avvertito, tuttavia, che questa scoperta non è statisticamente significativa e che sono necessarie ulteriori analisi.

“Tra i lati positivi, i risultati preliminari suggeriscono tempi di recupero più rapidi per le persone che hanno ricevuto il Remdesivir”, ha detto a Forbes in una e-mail Steffanie Strathdee, ricercatrice di malattie infettive presso il Global Health Science Institute della UCSD. “Il lato negativo è che il beneficio di sopravvivenza è marginale, sebbene tendesse nella giusta direzione”.

Vale anche la pena notare che il NIAID non ha ancora rilasciato l’intera serie di dati, e che l’analisi non è stata sottoposta a revisione. Per il rilascio dei dati mancano ancora pochi giorni. Tuttavia, Fauci ha affermato che i dati preliminari sarebbero stati rilasciati mercoledì per motivi di etica medica. “Ogni volta che si hanno prove chiare del funzionamento di un farmaco, si ha l’obbligo etico di informare immediatamente le persone del gruppo placebo, così ora loro lo sanno”.

Fauci ha affermato che questa serie di dati stabilirà anche lo standard di cura del NIAID per i futuri studi farmacologici contro COVID-19. Sperimentazioni di futuri trattamenti contro il coronavirus, ha affermato, saranno giudicate in parte dal fatto che concedano ai pazienti un tempo di recupero più breve rispetto ai pazienti che assumono Remdesivir.

Mentre una riduzione dei tempi di recupero potrebbe non sembrare un grande beneficio, Strathdee osserva che ciò potrebbe migliorare la capacità degli ospedali di prendersi cura dei pazienti. “Anche se questo non è un farmaco miracoloso, se alleggerisce l’onere per gli ospedali che stanno cedendo sotto l’impatto di COVID-19, può fare una differenza significativa nella risposta”.

In una conferenza stampa di mercoledì, al presidente Trump è stato chiesto se la FDA avrebbe rilasciato un’autorizzazione all’uso di emergenza di Remdesivir come trattamento per COVID-19. Il Presidente ha risposto: “Ci piacerebbe vedere approvazioni molto rapide, specialmente per cose che funzionano”.

Oltre allo studio NIAID, Gilead ha divulgato i propri dati riferiti a uno studio clinicoche era orientato a esaminare se una cura a base di Remdesivir della durata di 10 giorni fornisse risultati superiori a un cura della durata di 5 giorni. Tali dati, ha affermato la società, hanno mostrato risultati leggermente diversi e saranno sottoposti a una revisione.

“Lo studio dimostra il potenziale positivo dell’essere trattati con un regime di 5 giorni per alcuni pazienti “, ha dichiarato in una nota il responsabile medico di Gilead, Merdad Parsey. “Il che potrebbe far crescere significativamente il numero di pazienti che potrebbero essere trattati con la nostra attuale scorta di Remdesivir”.

Questa notizia mercoledì mattina ha causato una temporanea impennata degli scambi sul mercato delle azioni di Gilead, che ha subito un forte aumento dell’attenzione mediatica. Ha chiuso la seduta (di ieri) a $ 83,14, in rialzo di circa il 5,7%.

“Siamo propensi a credere che il farmaco sia probabilmente uno strumento utile per COVID-19”, hanno detto gli analisti specializzati in biotecnologie della società di investimento Needham in una nota di ricerca. Ma quegli analisti hanno anche avvertito che il potenziale di guadagno del farmaco è ancora poco chiaro e hanno pertanto mantenuto un rating Hold per il titolo.

A complicare la buona notizia per il farmaco di Gilead c’è stato un terzo studio cinese, pubblicato su The Lancet, che non ha riscontrato alcun miglioramento statisticamente significativo nei tempi di recupero su 237 pazienti COVID-19. Tuttavia, questo studio è stato interrotto a causa della mancanza di sufficienti pazienti idonei e ha mostrato un beneficio in termini numerici che è stato sufficiente per i ricercatori a raccomandare ulteriori studi sul farmaco.

In un commento pubblicato a margine di quello studio, il ricercatore medico John David Norrie ha osservato che questo ostacolo potrebbe ripresentarsi durante la pandemia, e che “mettere insieme dati provenienti da diversi studi sottodimensionati ma di alta qualità sembra il modo migliore per ottenere una visione approfondita”.

Detto questo, poiché la sperimentazione del NIAID era molto più estesa di quella pubblicata su The Lancet, Strathdee afferma che è “cautamente ottimista” ma che preferisce non  commentare ulteriormente fino a quando non saranno rilasciati i dati completi. Ciò che la rende ottimista, tuttavia, non è necessariamente il risultato dello studio, ma il processo seguito.

“Ciò che mi colpisce davvero è la velocità con cui la scienza collaborativa sta progredendo durante questa pandemia”, ha detto. “Penso che la registrazione a questo studio sia terminata una settimana fa con oltre 1.000 pazienti. È davvero incredibile.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!