Seguici su
Business 9 Maggio, 2020 @ 1:30

Tesla dice agli operai di prepararsi a riprendere la produzione, ma le autorità non sono d’accordo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Elon Musk Ad Tesla
Elon Musk (Win McNamee/Getty Images)

Articolo di Alan Ohnsman apparso su Forbes.com

Sembrerebbe che i lavoratori di Tesla si stiano preparando a tornare nell’impianto di assemblaggio per la produzione di auto elettriche della Bay Area di San Francisco. Questo dopo che il ceo Elon Musk ha dichiarato che l’allentamento delle restrizioni dovute al coronavirus da parte dello Stato della California permetterà di riavviare la produzione dopo un fermo di sei settimane e mezzo. Un funzionario locale ha tuttavia precisato che questo non può ancora avvenire.

Valerie Capers Workman, responsabile delle risorse umane di Musk e Tesla, ha inviato una email ai dipendenti durante la notte di giovedì per avvisarli del piano dell’azienda, secondo quanto risulta da copie dei messaggi di cui Forbes è entrato in possesso. Workman ha affermato che i turni nello stabilimento di Fremont avranno solo “il 30% del nostro normale numero di presenze”, e Musk ha detto che si unirà ai lavoratori nelle sue linee di produzione.

“Alla luce della dichiarazione del Governatore Gavin Newsom di oggi che approva la produzione in California, mireremo a riavviare la produzione a Fremont domani pomeriggio”, ha detto Musk. “Sarò sulla linea di produzione personalmente, aiutando ovunque possibile. Tuttavia, se ti senti a disagio a tornare al lavoro in questo momento, ti preghiamo di non sentirti obbligato a farlo”.

A marzo, quando le infezioni di Covid-19 iniziarono ad aumentare, Musk inizialmente resistette all’invito di fermare il lavoro nella fabbrica principale di Tesla, prima di chiuderla il 23 marzo 2020. Da allora ha dimostrato un continuo fastidio verso l’ordine di permanenza nelle proprie abitazioni in California, definendo le linee guida pubbliche sulla salute “fasciste” , ha condannato i post su Twitter di figure mediatiche marginali accusate di diffondere false affermazioni sui dati della mortalità da coronavirus e pubblicato una serie di tweet imprevedibili, inclusi i testi di “The Star-Spangled Banner”.

Tesla non ha risposto a una richiesta di commento sui piani di ripartenza.

Le intenzioni dell’azienda sono in contrasto con le disposizioni della contea di Alameda, che la scorsa settimana ha esteso le sue linee guida per rimanere a casa fino al 31 maggio 2020 . Erica Pan, ufficiale sanitario ad interim del dipartimento di sanità pubblica della contea di Alameda, ha detto venerdì che la società non può ancora riaprire. “Non abbiamo dato il via libera. Abbiamo lavorato con loro per esaminare alcuni dei loro piani di sicurezza. Ma no, non abbiamo detto che è opportuno riprendere”, ha detto Pan, secondo CNBC .

Le azioni di Tesla sono aumentate del 5% nelle negoziazioni sul Nasdaq fino a raggiungere 819,42 dollari, presumibilmente perché gli investitori sono soddisfatti del piano di ripartenza. Le azioni sono più che raddoppiate dai minimi di metà marzo, sostenute dai risultati positivi del primo trimestre della casa automobilistica. Il rally, avvenuto nonostante la crisi sanitaria in atto, la grave recessione economica e la disoccupazione negli Stati Uniti che si avvicina al 15%, sembra prematuro poiché è probabile che le vendite subiranno un nuovo calo nel secondo e nel terzo trimestre a causa della diminuzione della domanda dei consumatori di beni di lusso.

Il governatore Newsom giovedì ha pubblicato le linee guida per la riapertura delle industrie a basso rischio, tra cui “produzione e logistica”. Per ottemperare alle regole, i produttori devono chiudere i locali di sosta e creare “aree all’aperto con posti a sedere fisicamente distanti”.

Separatamente, i media hanno riportato che il nuovo impianto di Shanghai di Tesla, che è stato aperto a gennaio e che ha continuato a costruire auto elettriche Model 3 per gran parte della crisi sanitaria, ha temporaneamente sospeso la produzione a causa della carenza di componenti. La società ha comunicato agli operai questa settimana che la pausa di cinque giorni per la Festa del Lavoro in Cina sarebbe stata estesa fino al 9 maggio, ha riferito Bloomberg, citando persone che hanno chiesto di non essere menzionate.

La chiusura di Fremont ha portato Tesla ad attuare tagli retributivi generalizzati per tutti i dipendenti in aprile, così come avvenuto per migliaia di operai statunitensi ai quali è stata data istruzione di presentare domanda di disoccupazione. Nel frattempo, Musk questa settimana sembra aver ottenuto i requisiti per incassare il suo premio del valore di oltre $ 700 milioni di dollari, come risultato del raggiungimento degli obiettivi operativi e di capitalizzazione di mercato previsti dall’accordo.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!