La “Amazon delle auto” fondata da padre e figlio è esplosa a Wall Street. Ecco perché

Una vending machine di Carvana a Gaithersburg, nel Maryland (Gettyimages)
Share

 

Una vending machine di Carvana a Gaithersburg, nel Maryland (Gettyimages)

Articolo di Jonathan Ponciano apparso su Forbes.com

In controtendenza rispetto ad uno dei peggiori mesi di sempre per le vendite di auto nuove, le azioni di Carvana, un rivenditore online di auto usate, hanno avuto un’incredibile accelerazione. Le azioni sono salite del 30% la scorsa settimana, chiudendo venerdì vicino al massimo storico registrato alla fine dello scorso febbraio.

Spinto dal crescente fascino acquisito dallo shopping online di auto e da uno slancio di ottimismo nel sentiment degli analisti, il rapido rimbalzo di Carvana ha fatto impennare di oltre 2 miliardi di dollari  anche le fortune miliardarie dei due fondatori, padre e figlio, che hanno creato l’azienda otto anni fa.

Ernest Garcia II, azionista di maggioranza di Carvana ha chiuso la settimana con un patrimonio netto di 6,7 miliardi di dollari, in crescita di 1,5 miliardi di dollari rispetto a una settimana prima. Nel frattempo, suo figlio Ernest Garcia III, presidente e ceo di Carvana, ora ha un patrimonio di 2,8 miliardi di dollari, con un aumento di 700 milioni di dollari nello stesso periodo. I due possiedono rispettivamente circa il 38% e il 18% delle azioni di Carvana.

Dopo il crollo delle azioni di oltre il 70% registrato da metà febbraio a metà marzo, Carvana è in risalita. Ma mercoledì dopo la chiusura dei mercati, la società aveva registrato una perdita riferita al primo trimestre superiore alle attese, pari a 184 milioni di dollari. Le azioni erano così crollate nel trading after-hour, aprendo giovedì in calo del 7%. Quella stessa mattina, tuttavia, Carvana ha annunciato che avrebbe dato il via al suo servizio di “consegna a domicilio il giorno dopo” in altre 100 città di 24 Stati. E le azioni sono rapidamente risalite, recuperando tutte le loro perdite entro mezzogiorno e concludendo la giornata con un più 10 per cento.

Mercoledì scorso, durante la presentazione dei risultati finanziari, Garcia III ha illustrato in dettaglio l’andamento da montagne russe seguito dalle vendite dell’azienda conseguentemente alla pandemia di coronavirus. Ha detto che Carvana ha visto un calo significativo delle vendite nella seconda metà di marzo, che è continuato all’inizio di aprile, con ricavi nel periodo in calo del 30% anno su anno. Ma subito dopo si è registrata un’inversione, con le vendite che sono aumentate nelle settimane successive, superando le cifre dello scorso anno di ben il 30%, secondo il ceo.

“È difficile avere una visione chiara di come il settore si sia comportato nel corso delle ultime settimane, ma tutto indica che Carvana ha sovraperformato il settore in modo abbastanza significativo e ha aumentato di conseguenza la quota di mercato in questo periodo”, ha affermato Garcia III durante l’aggiornamento sugli utili. “Non sappiamo ancora quanto saranno volatili questi cambiamenti nelle preferenze dei clienti, ma siamo ottimisti”.

Garcia III ha lanciato Carvana nel 2012, inizialmente concependola come una filiale della concessionaria per la rivendita di auto usate di suo padre, la DriveTime. Promuovendola come “l’Amazon delle automobili“, il giovane Garcia ha reso indipendente Carvana da DriveTime nel 2017 attraverso una IPO che ha raccolto 225 milioni di dollari. Il valore delle sue quote è aumentato di dieci volte da allora.

Non è chiaro se il sentiment fiducioso degli investitori durerà – soprattutto quando i concorrenti rafforzeranno i loro sforzi nella vendita online. Carvana ha raccolto con successo 600 milioni di dollari il 1 aprile, nel tentativo di sostenere il proprio bilancio mentre le entrate crollavano. Ha anche ridotto le ore dei dipendenti per ridurre i costi (i dirigenti hanno devoluto i loro stipendi per compensare i salari persi). L’analista di Bloomberg Intelligence Kevin Tynan ha scritto in una nota dopo la presentazione degli utili trimestrali dell’azienda che “le basi finanziarie ancora deboli di Carvana probabilmente lo diventeranno ancora di più” mentre la domanda di auto rimane bassa. Nessun rappresentante di Carvana ha risposto a una richiesta di commento venerdì.

La maggior parte degli analisti, tuttavia, sembra rispecchiare l’ottimismo di Garcia. Intervistati da Bloomberg, la metà dei 22 analisti che coprono il titolo ha emesso un rating buy sulle sue azioni e tutti, tranne due, raccomandano che gli investitori mantengano le proprie posizioni.

L’analista di Needham Brad Erickson ha scritto in una nota di ricerca del 28 aprile che “i dati dei rivenditori indicano come Carvana sia meglio del resto del settore”,  ribadendo un rating buy sulle azioni Carvana. L’analista ha scritto che l’impresa, che offre anche finanziamenti ai suoi clienti, beneficia di una scarsità diffusa di prestiti per auto usate, come del fatto che i consumatori cercano sempre più opzioni di acquisto online. “Prevediamo numeri difficili per il secondo trimestre, ma quando il mondo ricomincerà ad avvicinarsi di nuovo alla normalità, ci aspettiamo che la quota di mercato di Carvana possa mostrare progressi significativi”.