Seguici su
Innovazione 25 Giugno, 2020 @ 2:50

La app di grafica Canva raddoppia: ora vale 6 miliardi di dollari

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Da sinistra: Cliff Obrecht, Melanie Perkins (ceo) e Cameron Adams, co-fondatori di Canva (Fonte immagine: Canva.com)

Articolo di Alex Konrad apparso su Forbes.com

Grazie al suo software di progettazione grafica, che ha avuto un vero e proprio boom durante i mesi di smartworking durante la pandemia, Canva ha raccolto nuovi finanziamenti che hanno portato la valutazione della startup a 6 miliardi di dollari.

Canva ha annunciato lunedì di aver raccolto $ 60 milioni in nuovi investimenti guidati da Blackbird e Sequoia China, con la partecipazione di altri investitori precedenti quali Bond, Felicis e General Catalyst. Il finanziamento valuta Canva $ 6 miliardi, quasi il doppio rispetto alla precedente valutazione di $ 3,2 miliardi fissata a ottobre 2019.

In un’intervista, il co-fondatore Cliff Obrecht ha affermato che i nuovi capitali consentiranno a Canva di continuare a espandere i suoi tool collaborativi, di lanciare un ufficio a Austin, in Texas, che fungerà da hub aziendale negli Stati Uniti, e di considerare potenziali acquisizioni. I soldi saranno anche utilizzati per fornire a Canva più riserve di liquidità allo scopo di fronteggiare l’incertezza della pandemia da Covid-19.

Con sede a Sydney, in Australia, Canva ha scelto di raccogliere fondi dagli investitori precedenti forti della fiducia della società in tali rapporti, afferma Obrecht, e non perché l’Unicorno avrebbe potuto affrontare condizioni peggiori se ne avesse cercati di nuovi. “Con la quantità di capitale che abbiamo raccolto, abbiamo avuto richieste di sottoscrizioni ben dieci volte maggiore”, afferma Obrecht. “Avremmo potuto raccogliere $ 2 miliardi, ma penso che sarebbe stata una cosa davvero stupida da fare”.

La società afferma che rimane redditizia e che sta raddoppiando la sua base di utenti paganti, che ha superato le 500.000 aziende e 1,5 milioni di abbonati all’account Canva Pro. In generale, più di 30 milioni di persone ogni mese usano Canva, che opera secondo un modello “freemium”, consentendo a molti utenti di accedere gratuitamente al suo software. Canva dice che oggi è utilizzato anche da 90.000 scuole e università, 55.000 enti e società no profit e vanta alcuni clienti di maggiori dimensioni tra cui American Airlines, Hubspot e Warner Music.

Le origini di Canva risalgono al 2007, quando il ceo Melanie Perkins e il suo fidanzato Obrecht hanno avviato un’attività di progettazione di annuari nella loro nativa Perth, sulla costa occidentale dell’Australia. Un terzo co-fondatore, Cameron Adams, si è unito alla coppia nel 2012 mentre spostavano l’attenzione su una nuova attività, focalizzata sull’uso del software per rendere gli strumenti di progettazione grafica e digitale accessibili ai non professionisti, fornendo modelli per la produzione di prodotti fisici come menu e volantini, ma anche quelli digitali per Instagram, Facebook e altre campagne di social media. Forbes ha analizzato l’ascesa di Canva inserendola tra le aziende più promettenti e apprezzate nel settore della tecnologia dedicando una storia di copertina a dicembre 2019.

Mentre continua a investire in prodotti di design fisico – ha recentemente annunciato anche una partnership con FedEx – Obrecht afferma che Canva ha visto il passaggio a una maggiore creazione di risorse per il design digitale. Secondo quanto riporta la società, la creazione e la condivisione di grafiche su Canva sono aumentate di oltre il 50% dall’inizio di Covid-19.

Quando la pandemia si è diffusa a livello globale e gli uffici sono stati chiusi all’inizio del 2020, Canva inizialmente non era certa se il suo software avrebbe visto un impulso o un fallimento. “Per usare l’analogia della nave, non avevamo idea di quale tempesta stesse arrivando”, dice Obrecht. La società ha chiuso i suoi uffici ma ha continuato a pagare appaltatori e addetti alle pulizie e ha iniziato a consegnare pranzi in scatola al personale; seppure le assunzioni siano rallentate, Canva non ha licenziato nessuno. Alcuni clienti hanno chiesto sconti o la sospensione degli abbonamenti, racconta Obrecht, e le vendite di prodotti di stampa sono temporaneamente diminuite del 75%.

Ma il business complessivo di Canva ha resistito in un mondo di smart working, in particolare quando l’utilizzo dei suoi strumenti video e tool collaborativi sono saliti alle stelle e le piccole imprese hanno iniziato a realizzare grafiche per poter tenersi in contatto con i clienti sui social media. “Questo ci ha portato a dire:” Ehi, la collaborazione è una cosa reale”, dice Obrecht. “‘Dovremmo puntare a questo”.

Raggiunti i 6 miliardi di dollari, Canva ha una valutazione vicina a quella di Dropbox, sebbene abbia ancora molta strada da fare a confronto con il leader di mercato dei software di grafica, Adobe. Tutto ciò con ricavi previsti a dicembre intorno ai $ 200 milioni per il 2019 e che dovrebbero raddoppiare nel 2020. Obrecht afferma che, visti i numeri di crescita e la redditività dell’azienda, la nuova valutazione di Canva è addirittura modesta rispetto ai multipli di cui le società di cloud computing quotate godono attualmente. “È una valutazione che probabilmente abbiamo già superato”, dice. “Mi preoccuperei piuttosto di essere sottovalutato”.

I fondatori di Canva probabilmente non sono troppo turbati. A dicembre, secondo le stime di Forbes, Perkins avrebbe il 15% di Canva e Obrecht un po’ meno. Supponendo una leggera diluizione derivante da questa nuova raccolta di fondi, la partecipazione di Perkins in Canva varrebbe più di $ 800 milioni e le quote di Perkins e Obrecht in Canva insieme ammonterebbero a circa $ 1,5 miliardi.

“Non abbiamo mai la sensazione di essere dove dobbiamo essere”, afferma Obrecht. “La conquista sblocca maggiori ambizioni e c’è sempre molto di più che puoi fare. Non credo che smetteremo mai di cercare di offrire il massimo valore possibile ai nostri clienti”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!