Seguici su
Forbes Italia 2 Luglio, 2020 @ 5:33

Anche il più grande franchisee di Pizza Hut deve fare i conti con la bancarotta

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
(Photo by Shannon O’Hara/Getty Images for Pizza Hut)

Articolo di Karen Robinson-Jacobs apparso su Forbes.com

La fame dei consumatori di cibo da asporto e a domicilio non è stata abbastanza forte da salvare Npc International, il più grande franchisor di ristoranti Pizza Hut negli Stati Uniti, che ha presentato istanza fallimentare mercoledì, dopo che i problemi per il lockdown legati al coronavirus si sono aggiunti a un calo di popolarità del marchio.

Aspetti principali

-Confermando le voci che avevano erano circolate questa settimana, Npc International, che ha sede in Kansas, ha dichiarato di aver stipulato un accordo di supporto alla ristrutturazione con i suoi finanziatori per “ridurre sostanzialmente il debito a lungo termine e rafforzare la struttura del capitale della società”.

-La società ha debiti per 903 milioni di dollari e, come riporta Bloomberg, ha pre-negoziato un accordo di ristrutturazione con circa il 90% dei suoi istituti di credito e il 17% di altri finanziatori. Il piano mira a ridurre il debito della società, con istituti di credito di primo livello che parteciperanno a una nuova iniezione di liquidità. Nel piano anche la vendita di almeno una parte dei ristoranti dell’azienda.

-L’aumento dei costi delle materie prime e un “livello più elevato di leva finanziaria” sono le sfide per l’operatore della ristorazione, secondo le dichiarazioni Jon Weber, amministratore delegato e presidente della divisione Pizza Hut di Npc.

-Npc possiede 1.225 negozi con insegna Pizza Hut, 385 ristoranti di Wendy, ha 7.500 dipendenti a tempo pieno, circa 28.500 lavoratori part time e opera in 30 Stati e a Washington Dc, secondo la società che ha dichiarato di voler mantenere i suoi locali aperti e continuare a pagare i lavoratori.

-In una nota, Pizza Hut ha detto che spera che la ristrutturazione aiuterà “i ristoranti Pizza Hut gestiti da Npc a generare lo stesso slancio che stiamo vedendo in tutto il business di Pizza Hut negli Stati Uniti”, che a maggio ha registrato una media di vendite effettuate in delivery più alte degli ultimi otto anni.

-Ma Pizza Hut come marchio ha affrontato per anni sfide legate all’aumento della concorrenza. Quando i risultati trimestrali al 31 marzo per la casa madre del marchio, Yum Brands, sono stati pubblicati alla fine di aprile, le vendite in tutto il mondo sono diminuite del 2% per il marchio gemello Kfc e sono diminuite del 9% per Pizza Hut, con il cali parzialmente compensati dalla crescita delle vendite del 4% di Taco Bell.

Dichiarazione chiave

“Queste sfide sono state ingigantite di recente dall’impatto e dall’incertezza del Covid-19”.
Jon Weber, amministratore delegato e presidente della divisione Pizza Hut di Npc.

Contesto di fondo

Npc International è il più grande franchisee per numero di location di qualsiasi altro ristorante negli Stati Uniti. Con sede a Leawood, nel Kansas, la società è stata a lungo la spina dorsale della comunità di franchising di Pizza Hut. Ma anche prima della pandemia, secondo Bloomberg, la compagnia ha cercato aiuto dai consulenti per ristrutturare il debito. I ristoranti in tutto il paese sono stati duramente colpiti dalle chiusure obbligatorie mentre la nazione cerca di frenare la diffusione di Covid-19.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!