Seguici su
Innovazione 4 Agosto, 2020 @ 8:05

Richard Branson costruirà con Rolls-Royce il Concorde del futuro

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

 

Come dovrebbe apparire il nuovo velivolo progettato da Virgin Galactic (Fonte immagine: www.virgin.com)

Articolo di David Dawkins apparso su Forbes.com

Virgin Galactic, il braccio operante nel turismo spaziale dell’impero del miliardario Richard Branson, lavorerà con il produttore di motori Rolls-Royce per sviluppare un velivolo in grado di viaggiare a circa tre volte la velocità del suono.

Virgin Galactic ha annunciato lunedì che “The Spaceship Company” – una consociata di Virgin Galactic – ha firmato un accordo con Rolls-Royce “per collaborare alla progettazione e allo sviluppo della tecnologia di propulsione di un motore per velivoli commerciali ad alta velocità”.

Virgin ha fatto sapere che il nuovo velivolo avrà ala a delta, sarà certificato Mach 3, con capacità da 9 a 19 persone e che potrà volare a un’altitudine superiore a 60.000 piedi. George Whitesides, chief space officer di Virgin Galactic, ha affermato che il nuovo velivolo permetterà “viaggi commerciali sicuri e affidabili” e che Virgin continuerà a lavorare con i regolatori “per garantire che i nostri progetti possano avere un impatto pratico sin dall’inizio”. Aggiungendo, “non vediamo l’ora di aprire una nuova frontiera nei viaggi ad alta velocità”.

Leggi anche: Come creare un’azienda di successo: 6 consigli da Richard Branson

Tom Bell, presidente di Rolls-Royce North America, ha afferma che la sua azienda “porta una storia unica nella propulsione ad alta velocità, a partire dal Concorde, e offre capacità tecniche di livello mondiale per sviluppare e mettere in campo i sistemi di propulsione avanzati necessari ad alimentare voli commerciali ad alto Mach”.

Virgin afferma di aver già dimostrato che il suo concetto di design “può soddisfare i requisiti e gli obiettivi di alto livello della missione”. Il ritorno al volo super-sonico avverrebbe per la prima volta dal 2003, dopo che gli aerei Concorde sono stati dismessi.

Le azioni quotate alla borsa di New York della Virgin Galactic sono aumentate del 5% lunedì ma sono ancora lontane dal massimo di $ 37,35 toccato a metà febbraio.

Come dovrebbe apparire il nuovo velivolo progettato da Virgin Galactic (Fonte immagine: www.virgin.com)

Branson In Space 

A giugno, Richard Branson ha venduto circa $ 500 milioni di azioni Virgin Galactic mentre la pandemia minacciava la sua compagnia aerea e il suo impero commerciale. Ora sta avanzando con i suoi piani nel turismo spaziale e nei piccoli satelliti.

Branson ha investito una parte significativa dei fondi raccolti dalla vendita di azioni Virgin Galactic da maggio a giugno per investire in Virgin Orbit, un piccolo operatore di lanci satellitari, secondo un insider dell’azienda.

Virgin Orbit, società consociata della Virgin Galactic, ha fatto notizia lo scorso maggio dopo che i suoi tentativi di lanciare un razzo sull’Oceano Pacifico sono falliti. Il piano di lanciare un razzo da sotto l’ala di un 747, noto come Cosmic Girl, dal Mojave Air e Space Port a nord di Los Angeles, si è “concluso in sicurezza” dopo che il razzo LauncherOne “si è acceso” ma non è riuscito a salire in orbita.

Tuttavia, il lancio non è stato visto come un grave fallimento all’interno di Orbit, con un insider che ha detto a Forbes che il lancio “ha dimostrato” che lanciare il razzo dall’ala di un aereo “potrebbe funzionare”.

A seguito di un’indagine, Orbit ha confermato lunedì che il lancio del razzo è fallito a causa di una rottura in una linea ad alta pressione che trasportava ossigeno liquido criogenico nella camera di combustione del primo stadio. Il motore ha presto smesso di fornire spinta, facendo così abortire il lancio dimostrativo.

Mentre la corsa allo spazio ha preso il via, Mark Boggett, ceo di Seraphim Capital, ha detto a Forbes che sebbene Branson sia un po’ indietro rispetto alla SpaceX di Elon Musk e alla Blue Origin di Jeff Bezos, Branson ha un netto vantaggio nella sua capacità di far andare in orbita i satelliti praticamente da qualsiasi aeroporto del mondo, oltre ai siti appositamente costruiti in un deserto. Boggett ha aggiunto che non è stata una “sorpresa” che, dopo l’incertezza della pandemia, Branson si concentri sullo spazio per creare valore aziendale negli anni a venire.

L’annuncio di ieri ha anche confermato che il prossimo lancio di Virgin Orbit porterà in orbita 11 piccoli satelliti con la missione Launch Demo 2 di Orbit, prevista per la fine dell’anno.

Il ceo di Virgin Orbit, Dan Hart, ha dichiarato: “Siamo così onorati di supportare la NASA pilotando questi carichi nella nostra prossima missione. La missione della NASA, unita all’opportunità di fornire una spinta allo spazio per gli studenti universitari, è incredibilmente stimolante per tutto il nostro team. Si allinea perfettamente con il nostro tema centrale: aprire lo spazio per tutti.

“Il team di Virgin Orbit è al lavoro per dare gli ultimi ritocchi al nostro prossimo razzo e fare tutto il possibile per assicurare un volo sicuro e di successo.”

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!