Seguici su
Leader 4 Settembre, 2020 @ 2:33

Il vaccino per Covid richiederà miliardi di flaconi di vetro e questa famiglia italiana le sta producendo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Da sinistra Marco Stevanato, Vice presidente Stevanato Group, Sergio Stevanato, Presidente Stevanato Group e Franco Stevanato, a.d. Stevanato Group (Courtesy Gruppo Stevanato)

Articolo di Giacomo Tognini apparso su Forbes.com

Nel mese di aprile in Italia, al culmine del lockdown, le fabbriche sono state chiuse in tutto il Paese. Ma a Piombino Dese, un piccolo paese a circa 32 km da Venezia, le enormi macchine per la formatura da tubo vetro del gruppo Stevanato continuavano a ronzare, sputando fuori milioni di flaconi e siringhe. Centinaia di dipendenti hanno indossato mascherine per lavorare 24 ore su 24 in tre turni giornalieri, sette giorni su sette, producendo di tutto, dalle cartucce di penne per insulina ai flaconcini di vetro in miniatura e, cosa più urgente, milioni di minuscoli flaconi sterili, ognuna più piccola di 20 ml di fluido, che un giorno ospiteranno le dosi di un vaccino contro Covid-19.

“Ogni sabato e domenica, anche a Pasqua, andavo a lavorare al fianco dei miei dipendenti per dimostrare che eravamo in trincea”, racconta Franco Stevanato, 46 ​​anni, ceo del gruppo e nipote del suo fondatore Giovanni.

I vaccini, come la maggior parte dei farmaci iniettabili, devono essere confezionati in vetro sterile. Il vetro è essenzialmente impermeabile ai gas corruttivi come l’ossigeno, mentre anche la plastica di alta qualità lascia entrare aria. Fare questi flaconi era un grande business anche prima che il Covid-19 facesse la sua comparsa a gennaio. L’anno scorso, l’industria farmaceutica globale ha acquistato circa 12 miliardi di flaconi. Il gruppo Stevanato, un’azienda familiare di 71 anni, ne ha forniti oltre 2 miliardi (l’azienda è anche il più grande produttore mondiale di cartucce per penne per insulina). Un vaccino Covid-19, che probabilmente dovrà essere somministrato in due iniezioni separate, richiederà miliardi di flaconi aggiuntive. Stevanato prevede che la pandemia aumenterà la domanda per i suoi flaconi di vetro del 20% nei prossimi due anni.

“Abbiamo iniziato in modo proattivo a fornire ai nostri clienti tutto ciò che volevano [per combattere] il Covid 19″, afferma Franco. “Non c’era nessuna strategia magica. Abbiamo cercato di muoverci velocemente e di correre rischi enormi anticipando alcuni investimenti, perché era il momento giusto per farlo”.

Eccetto la produzione del vetro vero e proprio, che comprano da grandi gruppi come Corning e Schott, Stevanato fa tutto. Progetta i flaconi. Realizza le macchine che fabbricano e sterilizzano i contenitori. Lavora con le autorità di controllo medico in 150 diversi mercati in tutto il mondo. E poi molti dei loro clienti utilizzano macchine prodotte da Stevanato per imballare i farmaci prima di spedirli a farmacie e ospedali.

Quelle macchine sono un elemento chiave di differenziazione. Nel 2007, quando il colosso farmaceutico francese Sanofi ha avuto bisogno di una fornitura di siringhe sterili che potesse essere immessa rapidamente sul mercato, Stevanato ha sviluppato una siringa pronta per l’uso che non richiedeva alcuna sterilizzazione aggiuntiva. Stevanato ha costruito le proprie macchine per lavare e sterilizzare le siringhe e ha brevettato l’intero processo, dando vita a una linea di prodotti che oggi è una delle maggiori entrate dell’azienda.

“Apprezzano davvero la qualità e connettono le esigenze dei clienti ai loro prodotti”, afferma Ron Verkleeren, che gestisce la divisione scienze biologiche a Corning e lavora con Stevanato dal 2011. “Questo li distingue davvero dalla concorrenza”.

È un business solido, anche se non spettacolare. Nel 2019 Stevanato ha incassato 47 milioni di dollari su 675 milioni di dollari di vendite. Forbes stima che Sergio Stevanato , il 77enne presidente dell’azienda e figlio del fondatore, possieda una quota del 68% dell’azienda, del valore di 1,8 miliardi di dollari. I figli di Sergio, Franco (l’amministratore delegato) e Marco, il vicepresidente di 47 anni, dirigono ora questa realtà. Ognuno possiede il 16%, per un valore di oltre 400 milioni di dollari ciascuno.

Grandi cambiamenti sono in corso. A giugno, il gruppo ha raccolto 59 milioni di dollari in un collocamento di debito privato, è la prima volta che la società cerca finanziamenti esterni. Il denaro sarà utilizzato per sviluppare dispositivi medici indossabili e macchine per assemblarli automaticamente. E la famiglia ha in programma di quotare l’azienda entro i prossimi tre anni.

“Le banche con le quali lavoriamo vogliono che ci quotiamo prima, ma voglio farlo quando ne sarò sicuro, indipendentemente dal Covid 19”, dice Franco.

—————————————————————————————————————————–

Stevanato si sta preparando per l’arrivo di un vaccino Covid-19 da mesi. L’azienda ha assunto più di 580 nuovi lavoratori nei primi sei mesi del 2020. Alla fine di giugno, Stevanato ha firmato un accordo con la Coalition for Epidemic Preparedness and Innovations (CEPI) norvegese, un gruppo sostenuto dalla Fondazione Gates che sta assistendo nove diversi progetti di vaccini contro il Covid-19 compresi gli sforzi dell’azienda biotech Moderna di Boston e dell’Università di Oxford – per fornire 100 milioni di flaconi di vetro borosilicato per un massimo di 2 miliardi di dosi di vaccino.

Il vetro borosilicato può resistere a temperature molto più elevate rispetto ad altri tipi di vetro ed è più resistente alle sostanze chimiche esterne, rendendolo la scelta migliore per medicinali sensibili come i vaccini. Stevanato sta anche agendo da fornitore per  molti altri gruppi attivi nello sforzo di trovare un vaccino di cui attualmente non può parlare. Complessivamente, contribuiscono a più di un quinto del totale dei 176 vaccini in lavorazione in tutto il mondo.

“Abbiamo parlato con tutti i produttori di vetro e il Gruppo Stevanato era l’unico gruppo che aveva ancora una capacità di produzione di vetro non impegnata [produzione di flaconi]”, afferma Jim Robinson, vicepresidente del comitato consultivo scientifico di CEPI. “Avevano ciò che tutti avremmo voluto possedere”.

I vaccini devono seguire previsioni normative molto più rigide rispetto alla maggior parte degli altri medicinali e devono essere conservati in flaconi e siringhe di vetro sterili, afferma Verkleeren di Corning. “Molte medicine si degradano in presenza di ossigeno. Ci vogliono milioni di anni prima che una molecola di ossigeno riesca a permeare il vetro mentre bastano pochi minuti prima che attraversi la plastica”, afferma. “La qualità e la sterilità sono davvero, davvero importanti, perché se una fiala non è sterile, o presenta un problema di qualità, potrebbe essere iniettato qualcosa nel corpo che può essere molto pericoloso”.

—————————————————————————————————————————–

Il Gruppo Stevanato nasce alle porte di Venezia, città con una lunga tradizione nella soffiatura del vetro, nel 1949 per produrre bottiglie per vino e profumo. L’azienda, originariamente chiamata Soffieria Stella, è cresciuta con il boom dell’economia italiana del dopoguerra. Nel 1959, avevano bisogno di più spazio così si trasferirono a Piombino Dese, una città industriale situata alla confluenza di cinque fiumi.

Quando i produttori alimentari iniziarono a passare alla plastica negli anni ’60, Giovanni Stevanato si mise a rischio e raddoppiò sul vetro, sviluppando una macchina in grado di produrre rapidamente contenitori di vetro su larga scala. La macchina 3BS, intitolata a Stevanato e ai suoi tre co-inventori – Bormioli, Bottaro e Bardelli – ha permesso all’azienda di raddoppiare la produzione e puntare a un nuovo mercato: l’industria farmaceutica in crescita. All’inizio degli anni ’70, la famiglia chiude completamente la Soffieria Stella, cementando il suo impegno sul packaging in vetro medicale.

“I primi decenni sono stati molto difficili”, afferma Franco, soprattutto perché la famiglia ha evitato gli investimenti esterni. Ma hanno fatto progressi. “Realizzando le nostre macchine, potremmo produrre dal 50% al 60% in più rispetto ai nostri concorrenti. Poiché mio padre ha reinvestito tutti i nostri profitti nell’azienda, abbiamo potuto far progredire la nostra tecnologia più velocemente degli altri. [I concorrenti] comprerebbero la loro tecnologia in Germania, tuttavia così potrebbero raddoppiare la loro produzione con lo stesso numero di dipendenti”.

Franco e Marco sono entrati nell’azienda di famiglia nel 1998, poco più che ventenni, due anni dopo la morte di Giovanni. Il primo ordine del giorno: rifiutare una serie di offerte di acquisizione da concorrenti più grandi. Il secondo ordine: espandere l’azienda all’estero. Nel 2008, la famiglia ha aperto il suo primo stabilimento all’estero, a Monterrey, in Messico, per rivolgersi al mercato nordamericano. Stevanato ha ora una rete di 12 stabilimenti in quattro continenti. Nel 2016 il gruppo è entrato per la prima volta negli Stati Uniti, tramite l’acquisizione della società tedesca di imballaggi in plastica Balda per 112 milioni di dollari, che ha due stabilimenti nel sud della California.

Un vantaggio del fornire contenitori complessi e appositamente progettati è che sono brevettate e incluse nel processo di approvazione normativa per nuovi farmaci, il che significa che le società farmaceutiche devono utilizzare l’imballaggio dell’azienda per la durata del prodotto. Secondo Aaron DeGagne, analista sanitario di Morningstar, ciò blocca effettivamente l’attività per decenni, perché i produttori di farmaci spesso continuano a utilizzare la stessa confezione, anche dopo che il brevetto del medicinale è scaduto e diventa un farmaco generico.

Facendo girare tra le dita un’elegante penna per insulina prodotta da Stevanato durante un’intervista video, Franco racconta un futuro in cui la sua azienda di famiglia si espande in prodotti più complessi. “Ora abbiamo penne [per insulina] e domani i dispositivi saranno più auto-medicanti, analizzeranno … e saranno molto più evoluti”, spiega. Ad esempio, un malato di cancro potrà essere in grado di auto-somministrarsi infusioni di farmaci a casa. “Questa è la grande sfida in cui vogliamo immergerci nei prossimi 10, 20 anni”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!