Seguici su
Business 28 Ottobre, 2020 @ 12:52

Harvard e MIT in un fondo d’investimento per le tecnologie che cambieranno il mondo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Harvard University
Harvard University. (Getty Images)

Articolo di David Jeans apparso su Forbes.com

In un anno in cui le società di venture capital hanno messo nel mirino più che mai il settore del software e startup di intelligenza artificiale, l’Università di Harvard si unisce al MIT per investire in aziende meno sexy ma che mirano a risolvere problemi “esistenziali”.

Harvard investirà 25 milioni di dollari come socio in un nuovo fondo lanciato da The Engine, una società di venture capital guidata dal MIT che opera come acceleratore e fornisce spazi di coworking alle sue aziende. Il fondo, che ha raccolto 230 milioni di dollari dei 250 milioni di dollari previsti, di cui 35 milioni dal MIT, sarà il più grande fondo di venture capital a guida universitaria nel paese, ha detto a Forbes Katie Rae, ceo e managing partner di The Engine.

Con assegni che vanno da $ 1 milione a $ 3 milioni, il nuovo fondo di investimento si rivolgerà alle aziende che stanno realizzando ciò che The Engine considera “tough tech” (tecnologia solida, ndr) per invertire il cambiamento climatico e decarbonizzare le industrie, affrontare il futuro della salute umana e dell’agricoltura, e  su sistemi informatici avanzati come l’esplorazione dello spazio, il calcolo quantistico e i semiconduttori. “Questi sono progetti con tempi [di investimento] spesso più lunghi”, afferma Rae. “Sono stati quasi sempre sostenuti dalla ricerca condotta dal governo e ora sono pronti per essere tradotti in aziende”.

La mossa di Harvard, che sovrintende alla più grande sovvenzione universitaria del mondo (del valore di $ 41 miliardi), arriva mentre le università assumono un ruolo sempre più visibile nel sostenere le startup. È anche chiaramente una tendenza che sta dando i suoi frutti: secondo il 2019 NACUBO-TIAA Study of Endowments, i dati disponibili più recenti, il finanziamento del capitale di rischio è diventata l’asset class più performante per le sovvenzioni universitarie, con il 13,4% di rendimento, generando più del private equity e delle azioni statunitensi.

I colloqui per la raccolta per il secondo fondo di The Engine sono iniziati a marzo, afferma Rae, aggiungendo che è anche sostenuto dal Board of Regents dell’Università della California. Altri soci includono family office e fondi pensione, che Rae ha rifiutato di nominare.

The Engine è nato come acceleratore di startup al MIT prima di essere lanciato nel 2017. Rae, che in precedenza ha guidato Techstars Boston, un altro acceleratore, ha guidato il primo fondo da $ 200 milioni di The Engine e da allora ha effettuato 27 investimenti. Mentre gli investimenti hanno mirato principalmente a progetti cresciuti nelle università, il fondo si è anche concentrato sul portare la diversità al centro del suo portafoglio: l’80% delle sue startup sono guidate da fondatori appartenenti a minoranze.

Tra questi c’è BioBot, una società che produce robot per testare campioni di acque reflue nelle fognature. Un’altra scommessa ambiziosa è Form Energy, che ha raccolto 49 milioni di dollari e sta costruendo sistemi di accumulo di energia a basso costo e di lunga durata. Forse la società più promettente di The Engine è Commonwealth Fusion, una società che sta cercando di sviluppare una centrale elettrica “a fusione” dalla durata illimitata e che ha raccolto $ 200 milioni.

Man mano che tali scommesse del primo fondo di The Engine prendono forma, l’azienda si prepara ad annunciare, nelle prossime settimane, gli investimenti del nuovo fondo sostenuto da Harvard. Sebbene gli accordi siano ancora in fase di definizione, Rae ha rifiutato di rivelare quali società stanno ricevendo assegni. “Non investiremmo in nessuno dei verticali se non pensassimo che ci fosse un ritorno sociale”, dice Rae, “o un ritorno sull’investimento”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!