Risposta immunitaria fino a 6 mesi dall’infezione da Covid. Lo rivela uno studio inglese

Share
coronavirus: covid-19
(Shutterstock.com)

Articolo di Robert Hart apparso su Forbes.com

Un nuovo studio ha trovato evidenze di una “robusta memoria cellulare” contro il Covid-19 che dura per almeno sei mesi dopo l’infezione, rinvigorendo la questione se l’infezione naturale con il virus possa garantire un’immunità duratura, dopo che uno studio della scorsa settimana ha mostrato un rapido declino negli anticorpi protettivi nei mesi successivi all’infezione.

Fatti chiave

  • La ricerca, che non è stata sottoposta a peer review, è stata condotta su 100 individui che erano risultati positivi al Covid-19 con sintomi assenti o lievi, e ha trovato sei mesi dopo l’infezione prove di immunità dei linfociti T, un tipo di globulo che attacca le cellule infettato dal virus.
  • Lo studio, che è stato condotto nell’ambito del Coronavirus Immunology Consortium del Regno Unito, ha scoperto che coloro che avevano sintomi hanno suscitato una maggiore risposta immunitaria dopo sei mesi, rafforzando l’ipotesi che gli individui sintomatici fossero meglio protetti dalle reinfezioni in futuro.
  • Non è ancora chiaro se una maggiore risposta dei linfociti T significherà una maggiore protezione dal virus se dovesse essere incontrato di nuovo in futuro, e il professor Paul Moss, un ricercatore coinvolto nello studio dell’Università di Birmingham, ha sottolineato che questo è “solo un pezzo del puzzle.”
  • Detto questo, il collega ricercatore di Moss, il dottor Shamez Ladhani, un consulente epidemiologo presso la Public Health England, ha detto che l’immunità cellulare è un pezzo complesso “ma potenzialmente molto significativo del puzzle Covid-19”, soprattutto alla luce di studi recenti che mostrano un rapido calo anticorpi, un’altra parte importante del sistema immunitario, nel tempo.
  • Sapere che le risposte immunitarie cellulari sopravvivono alla risposta anticorpale iniziale “potrebbe avere un impatto significativo sullo sviluppo del vaccino Covid e sulla ricerca sull’immunità”, dice Ladhani.
  • La professoressa Fiona Watt, presidente esecutivo del Consiglio per la ricerca medica del Regno Unito, ha affermato che i risultati sono “notizie promettenti: se l’infezione naturale con il virus può suscitare una risposta robusta dei linfociti T, questo potrebbe significare che un vaccino potrebbe fare lo stesso”.

Key Background

Capire come il sistema immunitario risponde al Covid-19 nel tempo è una componente vitale nel controllo della pandemia, alla base delle misure di salute pubblica, dei trattamenti e del modo in cui i vaccini vengono sviluppati e somministrati. Molta dell’attenzione iniziale si è concentrata sugli anticorpi, proteine ​​prodotte dal sistema immunitario che possono agganciarsi al virus. Questi sono relativamente facili da studiare, ma non forniscono un quadro completo del sistema immunitario del corpo. Gli studi cellulari, come questo che esamina le risposte dei linfociti T, sono molto più costosi da condurre, ma forniscono una comprensione molto più completa di come il corpo risponde al Covid-19 e se qualsiasi protezione può durare.

Cosa non sappiamo

Solo perché c’è una risposta immunitaria, non significa che ci sia immunità dalle infezioni. Saranno necessari ulteriori studi per comprendere l’impatto a lungo termine dell’infezione da Covid-19.

Leggi anche: La nuova economia del Coronavirus: i settori che possono ancora crescere