L’annuncio del vaccino anti-Covid fa bene anche al patrimonio dei miliardari dietro Biontech

Ugur Sahin, ceo di Biontech
Share
Ugur Sahin, ceo e fondatore di Biontech che con Pfizer sviluppa il vaccino anti Covid-19
Ugur Sahin, ceo e fondatore di Biontech, ha un patrimonio di 4,4 miliardi di dollari secondo Forbes. (Courtesy Biontech)

Articolo di Giacomo Tognini apparso su Forbes.com

Ieri, dopo che il gigante farmaceutico Pfizer ha annunciato i risultati positivi dalle sperimentazioni di fase tre del suo vaccino Covid-19 – sviluppato in collaborazione con l’azienda biotecnologica tedesca Biontech – indicando che potrebbe essere efficace al 90% contro il coronavirus, le azioni del titolo hanno registrato un importante rally. Allo stesso modo, sono volate le azioni del titolo Biontech che sono andate incontro a un aumento del 14%, incrementando il patrimonio del suo fondatore miliardario, Uğur Şahin, e dei maggiori investitori dell’azienda, i fratelli miliardari tedeschi Thomas e Andreas Struengmann.

L’impennata del prezzo delle azioni ha aumentato il patrimonio netto di Uğur Şahin di 500 milioni di dollari, portandolo a circa 4,4 miliardi di dollari. I fratelli Struengmann, di contro, hanno visto incrementare la loro fortuna di quasi 1,5 miliardi di dollari e ora il loro patrimonio vale circa 10,4 miliardi di dollari. Uğur Şahin, 54 anni, si è unito per la prima volta al three-comma-club all’inizio di quest’anno quando, proprio come il rally di ieri, le azioni di Biontech sono aumentate di prezzo sulla scia di notizie positive dalla sua collaborazione sui vaccini con Pfizer.

Uğur Şahin ha fondato Biontech nella città della Germania occidentale di Magonza nel 2008 con il sostegno dei fratelli Struengmann, che avevano già investito in una precedente società fondata da Şahin (e sua moglie, l’immunologa Özlem Türeci) nel 2001. Tale azienda, la Ganymed Pharmaceuticals, era stata venduta ad Astellas Pharmaceuticals nel 2016 per 460 milioni di dollari (più altri 940 milioni di dollari se sono stati raggiunti determinati traguardi). È stata un’altra uscita di successo per i gemelli miliardari che possono essere considerati degli investitori sanitari. Essi, infatti, hanno fatto la loro fortuna con Hexal, il produttore di farmaci generici che hanno fondato nel 1986 e poi venduto a Novartis per circa 7 miliardi di dollari nel 2005.

A differenza dei vaccini precedenti, che si basavano su forme indebolite di un virus per stimolare l’immunità, il vaccino Pfizer-Biontech utilizza l’Rna messaggero – le molecole nelle cellule che controllano la produzione di proteine ​​- per dirigere il sistema immunitario a produrre anticorpi anti-coronavirus. È una nuova tecnologia che è stata anche sperimentata dalla società di biotecnologie Moderna, con sede a Cambridge, che ieri ha visto le sue azioni aumentare del 9%.

Il prezzo delle azioni di Moderna è in aumento da gennaio, grazie al suo candidato vaccino Covid-19, che è attualmente ha raggiunto la fase tre. Questa crescita ha già coniato due nuovi miliardari quest’anno: il ceo Stéphane Bancel, con un patrimonio netto di 2,4 miliardi di dollari, e il professore di Harvard Dr. Timothy Springer, con un patrimonio netto di 1,3 miliardi di dollari. Potrebbe presto produrne un altro: il professore del Mit Bob Langer, uno dei primi investitori in Moderna come Springer, che ha attualmente un valore stimato di 930 milioni di dollari.

L’annuncio di Pfizer ha, inoltre, guidato un più ampio ottimismo tra gli investitori sul fatto che un mondo post Covid-19 fosse a portata di mano, con il mercato azionario che ha puinito aziende come Zoom e Amazon che avevano beneficiato dei consumatori confinati nelle loro case. La fortuna del ceo e fondatore di Zoom, Eric Yuan, ha subito un duro colpo ieri quando le azioni di Zoom sono crollate del 14%, riducendo il suo patrimonio netto di 3 miliardi di dollari, portandolo a 18,9 miliardi di dollari. Anche Jeff Bezos , la persona più ricca del pianeta con un patrimonio netto di 188,8 miliardi di dollari, ha visto la sua fortuna diminuire di 4,6 miliardi di dollari, mentre le azioni Amazon sono diminuite del 2,5%.