Le 7 più sfolgoranti carriere andate in fumo nel 2020, tra video hot su Zoom e audio compromettenti

Nikola ceo Trevor Milton
Courtesy Nikola
Share
Carriere: Trevor Milton ex ceo Nikola
Courtesy Nikola

Articolo di Kristin Stoller su Forbes.com

La pandemia ha avuto almeno un vantaggio professionale: è difficile comportarsi male quando si è in quarantena. Difficile, ma non impossibile.

Prendi il caso di Jeffrey Toobin. Il giornalista del New Yorker e analista legale della CNN ha avuto una carriera dorata che risale ai suoi giorni alla Harvard Law, dove era compagno di classe con il futuro giudice della Corte Suprema Elena Kagan. Ma tutto si è interrotto in modo drammatico e umiliante in ottobre, quando lo stimato dottore in giurisprudenza si è accidentalmente esposto durante un atto di auto-piacere erotico durante una chiamata su Zoom con la redazione del New Yorker. (La teoria più accreditata è che fosse contemporaneamente su un tipo completamente diverso di chat video)

Sfortunatamente, Toobin non è l’unica ex superstar a rendere per sé il 2020, il nostro annus horribilis collettivo, ancora più disastroso. Ecco i più grandi incidenti di carriera dell’anno, organizzati in ordine alfabetico.

Greg Glassman

Il fondatore e ceo di CrossFit si è dimesso a giugno dopo che BuzzFeed News ha ottenuto un audio trapelato da una riunione Zoom in cui ha detto che non era in lutto per la morte di George Floyd. Durante lo stesso incontro, Greg Glassman ha anche ribadito una teoria del complotto infondata secondo cui Floyd faceva parte di un giro di riciclaggio di denaro che includeva banconote contraffatte e ha affermato che il razzismo e la brutalità della polizia non sono problemi sistemici. Non è stato un incidente isolato. Quella stessa settimana, Greg Glassman aveva minimizzato sull’omicidio di Floyd in un tweet, inducendo alcuni atleti come Rich “The Fittest Man on Earth” Froning e il campione 2016 di CrossFit Noah Ohlsen a tagliare i legami con la compagnia. Glassman si è scusato velocemente, dicendo: “È stato un errore, non razzista, ma un errore”. Ma non è finita qui. Una settimana o giù di lì, il New York Times ha pubblicato un’indagine esplosiva che dettagliava le accuse di molestie sessuali e sessismo sul posto di lavoro a CrossFit promosse da Glassman. Attraverso i portavoce dell’azienda, Greg Glassman ha negato tale condotta. Alcuni giorni dopo Glassman ha venduto CrossFit per una cifra sconosciuta a Eric Roza, un ex dirigente Oracle che possedeva una palestra CrossFit a Boulder, in Colorado. Dopo la vendita, Roza ha twittato una dichiarazione: “Nelle scorse settimane, dichiarazioni e accuse controverse hanno lasciato molti membri della nostra comunità in difficoltà nel conciliare le nostre esperienze nelle local box (le palestre di crossfit vengono chiamate box perché solitamente venivano allestite in spazi tipo magazzini, ndr) con ciò che abbiamo letto online. La mia opinione è semplice: il razzismo e il sessismo sono abominevoli e non saranno tollerati in CrossFit”. Da allora, la società ha nominato un responsabile della cultura e dell’inclusione e prevede di formare un consiglio per la diversità, l’equità e l’inclusione, tra le altre iniziative.

Rudy Giuliani

In una vita precedente Giuliani era conosciuto come un procuratore federale testa calda che ha affrontato e tenuto a freno la mafia e Wall Street prima di trasformarsi nel “sindaco d’America” per la sua guida abile e rassicurante all’indomani dell’11 settembre. Ma nella sua ultima incarnazione come avvocato personale del presidente Donald Trump, ha subito una serie apparentemente infinita di contrattempi, sia grandi che piccoli. A settembre, il Dipartimento del Tesoro ha sanzionato l’ucraino Andriy Derkach per i suoi sforzi nell’influenzare le elezioni presidenziali statunitensi del 2020. Rudy Giuliani ha incontrato Derkach l’anno scorso, ma ha affermato che non aveva idea che fosse un agente russo. Poi, in ottobre, Giuliani si è trovato in una situazione imbarazzante dopo essere apparso inconsapevolmente nell’ultimo mockumentary di Sacha Baron Cohen, Borat Subsequent Moviefilm. Nella scena Rudy Giuliani sembra infilarsi una mano nei pantaloni in modo provocante alla presenza di un’attrice che si atteggia a giornalista. Giuliani si è difeso prima dell’uscita del film twittando: “Mi stavo infilando la maglietta dopo aver tolto l’attrezzatura di registrazione. In nessun momento prima, durante o dopo il colloquio sono stato mai inappropriato”. Dopo le ultime elezioni Usa, Giuliani si è buttato a capofitto nel dimostrare la veridicità delle infondate affermazioni di Trump sulla diffusa frode agli elettori, tenendo una serie di conferenze stampa sempre più sconvolgenti, inclusa una nel parcheggio del Four Seasons Total Landscaping a Filadelfia, una piccola impresa di quartiere inserita tra un sexy shop e un crematorio. E il destino non aveva ancora finito con lui: alla successiva conferenza stampa la sua sudorazione eccessiva ha fatto scorrere sul suo viso un liquido come lacrime di color marrone che alcuni hanno ritenuto essere una tintura per capelli. Alla fine, dopo essere apparso in pubblico per mesi senza indossare una mascherina, il 76enne Rudy Giuliani ha contratto il Covid-19 a dicembre. Giuliani ha lasciato l’ospedale la scorsa settimana dopo aver ricevuto le cure.

Ron Meyer

Ron Meyer si è dimesso dalla carica di vicepresidente esecutivo della NBCUniversal ad agosto dopo aver rivelato di aver stretto un accordo privato con una donna dopo che si erano impegnati in una relazione extraconiugale e che “altri soggetti” stavano tentando di estorcergli più soldi. In una dichiarazione rilasciata a più organi di stampa all’epoca, Meyer ha detto: “Certo, questa è una donna con cui ho avuto una relazione molto breve e consensuale molti anni fa. Ho fatto questa rivelazione perché altri soggetti hanno appreso dell’accordo e hanno continuamente tentato di ricattarmi per estorcermi denaro, minacciando di implicare la NBCUniversal, che non aveva nulla a che fare con questa questione, e di pubblicare false accuse su di me”.

Trevor Milton

A settembre, il fondatore della nuova azienda produttrice di autocarri a idrogeno Nikola Corp. si è dimesso da presidente esecutivo e si è dimesso dal consiglio di amministrazione della società a seguito di accuse di frode. Come riportato da Forbes all’inizio di quel mese un analista con una posizione short nelle azioni della società aveva accusato Trevor Milton di aver intenzionalmente presentato in modo errato la tecnologia e le capacità di Nikola prima di andare in borsa. Un rapporto del 10 settembre redatto dalla Hindenburg Research, una società di ricerca finanziaria con sede a New York gestita dall’analista Nate Anderson, ha affermato che il sistema di batterie ‘rivoluzionario’ che Trevor Milton ha detto che la società stava realizzando l’anno scorso non esiste e che Nikola ha affermato di aver progettato tecnologia e componenti di veicoli in realtà acquistati da altre società. Nikola ha rilasciato una smentita dettagliata confutando alcune, anche se non tutte, le questioni sollevate. Ha definito il rapporto di Hindenburg Research “falso e diffamatorio”. In un tweet del 20 settembre ora cancellato, Trevor Milton ha twittato: “L’attenzione dovrebbe essere concentrata sull’azienda e sulla sua missione che cambia il mondo, non su di me. Ho intenzione di difendermi dalle false accuse mosse contro di me da detrattori esterni”. Il rapporto sembra aver stimolato le revisioni di Nikola da parte della Securities and Exchange Commission e del Dipartimento di Giustizia. In un deposito normativo il mese scorso, Nikola ha confermato che la società ha ricevuto citazioni in giudizio dalla SEC e sta collaborando con richieste normative e governative. Separatamente, il 38enne Trevor Milton è stato anche accusato di abusi sessuali da parte di due donne in incidenti avvenuti anni prima che fondasse Nikola, secondo CNBC. Attraverso un portavoce, Milton avrebbe negato le accuse.

Adam Rapoport

Giorni dopo aver scritto un post in risposta alle proteste scatenate dalla morte di George Floyd, l’ex redattore capo della rivista Bon Appétit si è trovato nel bel mezzo di una polemica sulla razza. Una foto Instagram dell’ottobre 2013 di Rapoport che appare in brownface per Halloween è circolata sui social media a giugno, insieme con gli account di food writers che evidenziavano una cultura discriminatoria sulla rivista. In un post di Instagram ora cancellato, Rapoport ha annunciato le sue dimissioni. Ha scritto: “Da un costume di Halloween estremamente mal concepito 16 anni fa ai miei punti ciechi come editore, non ho sostenuto una visione inclusiva. E alla fine è stato a spese di Bon Appétite, del suo staff, così come dei nostri lettori. Meritano tutti di meglio”. In un post su Instagram del 10 giugno, Bon Appétit ha riconosciuto pubblicamente i casi di discriminazione razziale e ha detto: “Anche se abbiamo assunto più persone di colore, abbiamo continuato a dividere molti membri dello staff e collaboratori [neri, indigeni e di colore] nei nostri video e sulle nostre pagine”. Nel post, la società si è impegnata a implementare una educazione antirazzista per il personale e risolvere eventuali disuguaglianze salariali. Alcune settimane dopo, tre delle star di Test Kitchen di Bon Appétit, tutte persone di colore, si sono dimesse per questioni di discriminazione razziale. Ad agosto Condé Nast ha chiamato Dawn Davis, ex vicepresidente di Simon & Schuster, per dirigere la rivista.

Jeffrey Toobin

Il reporter di lunga data del New Yorker e principale analista legale della CNN è stato sospeso dalla rivista a ottobre dopo un incidente in cui si sarebbe esposto involontariamente durante una chiamata Zoom con colleghi e dipendenti di una stazione radio di New York. In una dichiarazione a Vice, Toobin ha detto: “Ho commesso un errore imbarazzante e stupido, credendo di essere fuori campo. Chiedo scusa a mia moglie, alla mia famiglia, ai miei amici e ai miei colleghi”. Poco dopo, ha chiesto un congedo dalla CNN. A novembre, il New Yorker ha licenziato Jeffrey Toobin dopo un’indagine interna.

Troy Young

A luglio il New York Times ha pubblicato un report in cui si afferma che Troy Young, presidente di Hearst Magazines, aveva promosso una cultura del lavoro tossica. I dipendenti hanno affermato che Troy Young ha inviato tramite e-mail materiale pornografico a un redattore e ha fatto commenti sessuali osceni in più occasioni, tra cui chiedere all’ex editrice di Cosmopolitan Michelle Ruiz, allora incinta, “Allora, il bambino è mio?”. Il report ha anche affermato che ci sono stati casi di discriminazione razziale ai magazine di Hearst, Cosmopolitan e Marie Claire. In una dichiarazione rilasciata al Times Troy Young ha affermato: “Le accuse specifiche sollevate dai miei detrattori sono false, notevolmente esagerate o estrapolate dal contesto”. Una portavoce di Hearst Magazines ha dichiarato al Times che “la ricerca incessante dell’eccellenza di Troy Young a volte è stata confusa per un comportamento sfacciato che ha sollecitato alcuni nel modo sbagliato”. Il giorno dopo, Troy Young ha inviato un’e-mail allo staff chiedendo scusa per il suo comportamento e ha affermato che il rapporto del Times era una falsa rappresentazione della “cultura che abbiamo costruito a Hearst Magazines”. Troy Young si è dimesso più tardi quello stesso giorno.