Seguici su
BrandVoice
14 Gennaio, 2021 @ 3:00

Levoni, il sapore della tradizione e il gusto dell’innovazione con Atlantic Technologies e Infor

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Nicola Levoni

Levoni è sinonimo di salumi di alta qualità dal 1911. Da allora l’azienda ha mantenuto intatta la filosofia delle origini fondata sulla ricerca dell’eccellenza. Una filosofia di cui sono orgogliosi rappresentanti i membri della quarta generazione oggi alla guida. Con oltre 300 referenze, Levoni produce salumi 100% italiani perché ottenuti da suini nati, allevati e trasformati in Italia. La qualità nasce da materie prime selezionate e da una cura tutta artigianale perfettamente integrata con le garanzie e gli standard di sicurezza dei sistemi industriali. E’ proprio questa propensione all’eccellenza che porta Levoni verso un nuovo progetto di digitalizzazione con Infor e Atlantic Technologies.

Chi è Levoni oggi?
Levoni oggi è un gruppo con 700 dipendenti che comprende la sede centrale di Castellucchio in provincia di Mantova, il macello Mec Carni a pochi chilometri di distanza e i due prosciuttifici di San Daniele del Friuli e Lesignano de’ Bagni (PR). I nostri prodotti sono distribuiti in oltre 10mila salumerie in Italia e in 50 Paesi nel mondo. Affacciandoci alla soglia dei 110 anni di storia, abbiamo ritenuto di affrontare un progetto di Trasformazione Digitale affidandoci alle soluzioni di Infor con Atlantic Technologies. Dall’adozione del nuovo gestionale ci aspettiamo anche un contributo alla valorizzazione di alcune peculiarità della nostra azienda e soprattutto alla messa in pratica di un modello di gestione sostenibile. Utilizzare fonti energetiche e materiali rinnovabili, estendere la vita utile del prodotto, creare piattaforme di condivisione, riuso e rigenerazione, ripensare i prodotti come servizi: queste sono alcune delle possibilità che vediamo per operare in economia circolare, un modello che nasce per rispondere alle esigenze di sostenibilità del pianeta e che rappresenta per le imprese una straordinaria opportunità in termini di competitività, innovazione e occupazione.

Quali esigenze hanno spinto Levoni ad avviare un progetto di digitalizzazione?
L’esigenza iniziale risiede nella necessità di rispondere alla forte evoluzione e competitività del mercato, con consumatori sempre più attenti alla qualità e alla richiesta di una costante trasparenza nella produzione. La digitalizzazione, dunque, per noi è la risposta inequivocabile. La possibilità di abbracciare la logica di un ecosistema integrato e connesso con dipendenti, fornitori, collaboratori in grado di gestire i diversi aspetti della domanda di un consumatore sempre più consapevole ed esigente. Il nostro obiettivo è di uniformare processi e informazioni, facendo affidamento su un unico sistema che possa gestire tutte le realtà del gruppo e restituirci una visione univoca e completa.

La complessità e l’incertezza causate dalla pandemia Covid hanno influenzato la vostra decisione?
Certamente, con l’avvento della pandemia Covid-19 è emersa la necessità di adottare un modello in linea con le nuove abitudini delle persone nel lavoro, negli acquisti e nella vita quotidiana. Levoni è una realtà che ha sempre saputo leggere e interpretare i cambiamenti del mondo e del mercato. Anche questa volta sappiamo che, per raggiungere la piena continuità operativa e confermare la nostra competitività, dobbiamo trasformare questa sfida in un’opportunità, adottando modelli che vadano oltre quanto richiesto oggi dalla realtà contingente e aggiornando i processi e il modo di lavorare dei dipendenti: in smart working e in team, dando un aiuto concreto ai commerciali in tempo reale sul territorio.

Perché Infor? Quali sono stati i fattori differenziali di questa soluzione rispetto alla concorrenza?
Infor, con la soluzione M3, fornisce un sistema ERP internazionale e verticalizzato per il Food. Grazie a Infor, saremo capaci di gestire con un unico strumento sia la produzione del macello sia quella del salumificio, processi molto differenti tra loro. Ciò che rende unica nel suo genere la soluzione riguarda poi l’implementation accelerator. Sviluppato direttamente da Infor, propone processi predefiniti e pre-configurati partendo da esperienze internazionali e di elevato valore. Oltre alla sicurezza intrinseca, l’Accelerator consentirà di creare nuovi processi e di modificare quelli esistenti, facendo riferimento appunto alle best practice del settore a livello mondiale e dando quindi una risposta costante e immediata ai sempre più frequenti cambiamenti del mercato. L’avanzata tecnologia di Infor assicura un’integrazione agevolata e standardizzata, aggiornamenti e funzionalità aggiuntive e avanzati strumenti di collaborazione tra reparti. Queste caratteristiche sono state molto apprezzate dalle figure coinvolte nel progetto, dall’IT passando per i reparti produttivi, fino al consiglio di amministrazione.

E Atlantic Technologies? Come nasce la vostra collaborazione e perché?
Atlantic Technologies ci ha subito impressionato positivamente. Dopo un attento ascolto e una profonda comprensione delle nostre esigenze e della nostra realtà, ha proposto una roadmap tecnologica concreta, ha messo a disposizione competenze solide, strumenti avanzati e un’expertise consolidata in oltre 20 anni di progetti di successo. Grazie ad Atlantic, abbiamo gettato le basi per una gestione efficace dei processi e un’integrazione dei sistemi che creerà sinergia tra le diverse aree e insight di valore per il nostro business. Atlantic Technologies non si limita a portare soluzioni innovative in azienda, ma stimola anche l’adozione di una cultura dell’innovazione e del miglioramento continuo. Tra le nostre aziende si è creata immediatamente sintonia, i nostri valori si declinano sull’importanza della relazione con il cliente e la ricerca costante della qualità.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!