Seguici su
Business 25 Gennaio, 2021 @ 11:50

Questa startup rende pubblici gli organigrammi aziendali e ha appena lanciato una piattaforma per competere con LinkedIn

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
I cofondatori della startup The Org
I cofondatori di The Org, da sinsitra: Christian Wylonis (ceo) e Andreas Jarbol (cto)

Articolo di Kristian Stoller su Forbes.com

Nell’estate del 2017, Christian Wylonis ha letto un articolo che ha cambiato il suo percorso di carriera. Intitolato “The People Who Matter at Airbnb“, La storia su The Information mostrava l’organigramma dell’azienda, incluso chi deteneva il titolo e chi riferiva a chi.

“Questo articolo è diventato super virale. Per me è stato subito ovvio perché qualcuno al di fuori di Airbnb sarebbe stato curioso di queste informazioni”, dice Wylonis, 36 anni.”Siamo così interessati a capire chi sono i veri esseri umani dietro questi marchi iconici. E ha anche mostrato che c’era una domanda insoddisfatta nel mercato di informazioni sui team”.

Collegandosi al successo ottenuto da The Information, Wylonis e il co-fondatore Andreas Jarbol, 31 anni, hanno lanciato la loro startup, The Org, qualche mese più tardi. Il loro obiettivo era semplice: fornire alle aziende una piattaforma per creare organigrammi pubblici gratuiti e, così facendo, diventare più trasparenti.

Con 11,2 milioni di dollari di finanziamenti da parte di investitori come Sequoia, Founders Fund e Balderton, più di 100.000 utenti visitano The Org ogni settimana, rispetto ai 5.000 di un anno fa. L’azienda ha sede sia a New York che a Copenaghen, dove vive il cto Jarbol.

Martedì, la startup ha annunciato il lancio della sua nuova piattaforma per la ricerca di lavoro, che consente alle aziende di elencare i ruoli aperti all’interno dei loro organigrammi pubblici (anche gratuitamente), dando a chi cerca lavoro l’opportunità di vedere chi potrebbero essere i loro futuri compagni di squadra e supervisori, e come si potrebbero inserire all’interno della società.

“Penso che sia positivo che ci siano disruption nello spazio che sino ad ora è stato di proprietà di LinkedIn e Indeed e di grandi aziende del genere”, afferma Wylonis, ceo di The Org. “Questa è una piattaforma in cui le startup possono ottenere una maggiore visibilità. Su LinkedIn e Indeed si è sommersi da offerte di lavoro da parte di realtà come Coca Cola con budget di marketing più grandi per promuoverlo”.

Lo scorso anno il numero di organigrammi sul sito è aumentato del 900%, passando da 15.000 a 115.000 aziende. Questi datori di lavoro includono giganti della tecnologia come Microsoft, Amazon e Facebook, nonché startup come Postmates, Airbnb e Robinhood. E il suo numero di utenti registrati è passato da 10.000 a 60.000. Ovviamente, questo risultato impallidisce rispetto agli oltre 722 milioni di membri di LinkedIn in tutto il mondo e ai 250 milioni di visitatori unici di Indeed al mese.

Perché un’azienda dovrebbe voler rendere pubblico il funzionamento interno dei propri team? Per attirare talenti e clienti, afferma Wylonis. Crede inoltre che tale trasparenza possa guidare un cambiamento sociale significativo.

“Uno dei grandi problemi con la diversità è la mancanza di responsabilità”, afferma. “Finalmente otterremo trasparenza e potremo valutare le aziende che stanno andando bene e quelle no”.

Gli organigrammi vengono creati in due modi: le aziende possono creare e aggiornare i propri organigrammi oppure il team di ricerca di The Org lo farà per loro, aggregando i dati dai siti web aziendali, dalle testate e da altre risorse disponibili pubblicamente.

La monetizzazione è arrivata successivamente al nobile obiettivo di Wylonis. L’azienda attualmente guadagna attraverso il suo strumento di reclutamento, Scout, che identifica i candidati per lavori specifici e programma i colloqui con entrambe le parti.

A Themagic5, una startup di occhialini da nuoto personalizzati con sede in North Carolina, il cofondatore e partner Rasmus Barfred afferma che la presenza della sua attività su The Org ha aiutato ad attrarre nuovi talenti, grazie ad un annuncio di lavoro che trova un candidato altamente qualificato entro 24 ore.

Barfred indirizza anche potenziali partner esterni verso The Org per aiutarli a comprendere la sua attività da una prospettiva organizzativa. Le persone che compongono un’azienda e le responsabilità che hanno, dicono molto su come opera un’azienda, dice.

“Non abbiamo nulla da nascondere”, dice Barfred. “Al contrario, essere più trasparenti e mostrare chi siamo rende la nostra attività un luogo di lavoro più interessante per i nuovi dipendenti, in quanto possono vedere in cosa stanno entrando dal punto di vista del capitale umano”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!