Metodo Studenti Vincenti: la didattica del futuro secondo Svetatour

Felice Pannone
Share
Felice Pannone

Insights tratto dal numero di gennaio 2021 di Forbes Italia. Abbonati!
Paid Program

In questi mesi di pandemia si è sentito spesso fare una distinzione tra smart working e remote working. È vero che alcune aziende purtroppo non hanno saputo cogliere l’occasione offerta dal lockdown per passare a una gestione più intelligente del lavoro da casa, usando la tecnologia per fare dal tavolo della cucina quello che facevano dalla scrivania in ufficio; molti, però, si sono reinventati e hanno iniziato a usare la tecnologia per migliorare l’esperienza lavorativa con enormi vantaggi per l’azienda e per i dipendenti. Purtroppo questo non è avvenuto negli istituti scolastici che si sono visti obbligati a fare da casa quello che facevano dai banchi in mancanza di un approccio per superare questo ostacolo del tutto nuovo. Felice Pannone però, dopo anni dedicati alla formazione scolastica extracurriculare ha deciso di cambiare le cose. Grande sostenitore dell’importanza del viaggio come momento formativo, che organizza gite scolastiche ogni anno per oltre 25mila ragazzi, non se l’è sentita di abbandonare un’intera generazione davanti a degli schermi con pacchetti preconfezionati di lezioni vecchie trasmesse su Zoom. “I ragazzi torneranno a viaggiare, come faremo tutti, ma se nel frattempo un’azienda può lavorare in smart working perché non si può fare lo smart studying?”, ha pensato. Ecco che Felice precorre i tempi e, andando in direzione opposta al mercato ha dato vita al Metodo Studenti Vincenti, che mette a disposizione di istituti scolastici selezionati un percorso formativo diverso. Avvalendosi di piattaforme dalla tecnologia avanzata, quello che viene proposto agli studenti coinvolge in modo attivo, nuovo e inaspettato non solo i ragazzi ma anche insegnanti e genitori.

Felice Pannone, ceo di Svetatour

Grazie a questo metodo, le proposte che i ragazzi potranno scegliere sono trasversali, non più delle semplici lezioni ma vere e proprie esperienze che arricchiscono il percorso di studi e potenziano tutte quelle attività come l’educazione civica, la Pcto (ex alternanza scuola lavoro) e un apprendimento attraverso attività ludiche. Con un’esperienza al comando dell’azienda di famiglia quando aveva 23 anni, ha oggi standardizzato un metodo e ha voluto applicarlo a tutte le attività che vengono proposte nelle scuole a completamento del curriculum degli studenti. Svetatour percorsi per la scuola posa così una pietra miliare dell’educazione dei ragazzi che hanno finalmente un modo di vivere la scuola completamente diverso da prima. E questo è solo l’inizio: Felice ha infatti già ben chiara la visione verso la quale vuole portare gli istituti scolastici del futuro. “La formazione che diamo ai ragazzi di oggi deciderà come sarà il loro domani, ma anche il nostro. Per questo Metodo Studenti Vincenti ha messo in campo per il 2021 una serie di nuove modalità didattiche con le quali punta a cambiare il coinvolgimento dei ragazzi nelle attività e nello studio”, ha spiegato Pannone.

La didattica a distanza infatti non è un modello supportabile e sul lungo periodo rischia di compromettere le capacità di apprendimento e relazionali dei ragazzi. D’altro canto, anche il ritorno alla didattica frontale sarebbe un passo falso volendo mantenere vivo un modo di fare scuola ormai anacronistico. La soluzione che ha adottato Svetatour è un insieme di processi e attività chiamata ePons, una didattica blended che dà vita a una programmazione ibrida adatta alle necessità della scuola moderna. Dimostrazione che il momento giusto per il cambiamento è arrivato ed è stata l’enorme partecipazione di dirigenti scolastici e genitori ai webinar informativi tenuti ogni mese dal loro team. La scuola sta cambiando, le esperienze degli studenti anche. E Pannone sta indicando la via.