Cosa fa Locus Robotics, il nuovo unicorno della robotica che vale 1 miliardo di dollari

Locus Robotics (Photo by Paul Marotta/Getty Images for TechCrunch)
Share
Locus Robotics (Photo by Paul Marotta/Getty Images for TechCrunch)

Articolo di Amy Feldman apparso su Forbes.com

I robot che possono aiutare i rivenditori a tenere il passo con Amazon stanno diventando un prodotto essenziale e gli investitori se ne stanno accorgendo. Oggi, uno di questi produttori di robotica industriale, Locus Robotics, ha annunciato di aver raccolto 150 milioni di dollari guidati da Tiger Global e Bond, raggiungendo una valutazione di 1 miliardo di dollari anche grazie all’aumento delle vendite tramite l’e-commerce. È stata una delle prime a raggiungere il famoso livello di unicorno.

“Siamo entusiasti di aver raggiunto la valutazione di unicorno”, ha detto a Forbes il ceo Rick Faulk “Non ce ne sono molti al mondo oggi in questo settore.”

Locus Robotics, con sede a Wilmington, Massachusetts, produce robot mobili autonomi, che chiama “LocusBots”, che possono prelevare gli articoli nei magazzini. Mentre la società ha rifiutato di rivelare le entrate, Faulk ha confermato che si attestano tra i 10 milioni e i 100 milioni di dollari e che, crescendo così rapidamente, può raggiungere proprio quest’ultima cifra entro pochi anni. Ad oggi Locus Robotics ha una ‘flotta’ sul mercato di circa 4.000 robot, distribuita tra più di 40 clienti, tra cui il gigante delle spedizioni DHL e il rivenditore britannico di prodotti per la salute e la bellezza Boots UK. E quei robot hanno scelto un totale di oltre 300 milioni di unità, di cui 70 milioni durante le recenti festività natalizie.

bruce welty, founder di Locus Robotics
Bruce Welty, founder di Locus Robotics (Photo by Paul Marotta/Getty Images for TechCrunch)

“Questo è un settore che ha operato allo stesso modo per 50 anni e ha funzionato”, afferma Faulk. “Ora capiscono che per sopravvivere hanno bisogno di automatizzare”.

Nel 2014, l’azienda è uscita dalla società di logistica esterna, Quiet Logistics, dopo che Amazon ha acquistato Kiva Systems e ha smesso di vendere i suoi robot ad aziende come Quiet che li avevano distribuiti per l’e-commerce. Faulk, un imprenditore seriale di 71 anni che ha portato con successo tre precedenti società tecnologiche alle varie exit, ha ottenuto la carica di ceo dal co-fondatore, Bruce Welty, nel 2016.

L’acquisizione di Kiva da parte di Amazon ha innescato una ‘corsa’ agli armamenti per sviluppare robot migliori e più efficienti in grado di gestire gli affari nei magazzini, mentre l’e-commerce andava incontro a un boom. La spinta all’automazione per aumentare l’efficienza e gestire la crescente domanda e competere con Amazon è aumentata solo durante il Covid-19. I concorrenti di Locus Robotics, includono infatti Fetch Robotics e GreyOrange (tra le altre aziende di robotica).

“Questo è un settore che ha operato allo stesso modo per 50 anni e ha funzionato. Ora capiscono che per sopravvivere hanno bisogno di automatizzare”.

Negli ultimi sei mesi, afferma Faulk, gli ordini online sono aumentati dall’11% del business totale al 16%, facendo pressione sugli operatori per aumentare l’automazione. La stragrande maggioranza dei magazzini, circa il 95%, che rappresentano 100mila edifici in tutto il mondo, secondo Faulk, continua a funzionare manualmente. L’azienda afferma che può raddoppiare o addirittura triplicare la performance di produttività, con una precisione quasi del 100%. “L’effetto Amazon sta davvero guidando il settore”, afferma.

A dimostrazione di quanto sia diventato molto caldo questo settore, la valutazione di Locus Robotics è quasi triplicata in soli otto mesi: secondo il database di venture capital PitchBook, dopo il round di finanziamento di serie D avvenuto a giugno, il suo valore si attestava a  361 milioni di dollari. Ora ha raccolto altri 260 milioni di dollari.

Con il nuovo finanziamento, quindi, l’azienda vuole espandere le sue operazioni globali, anche in Asia, e continuare a investire in ricerca e sviluppo per aggiungere nuove funzionalità. L’azienda offre già la visualizzazione dei dati in tempo reale per tenere traccia delle operazioni di magazzino su un iPhone o su un dispositivo wearable e prevede di continuare ad aggiungere a queste funzionalità di intelligenza artificiale e machine learning. “Qualche minuto fa stavo letteralmente guardando uno dei nostri edifici”, dice Faulk.

Faulk dice che ora sta “allineando le carte” per quotare l’azienda, anche se non ha ancora fissato un calendario. “Crediamo che Locus Robotics dovrebbe essere una società per azioni”, afferma. “Avremo le dimensioni per farlo.”