Nasce il gigante dei media: accordo da $ 43 miliardi tra Warner e Discovery per sfidare Netflix e Disney

David Zaslav, presidente e ceo di Discovery. Fusione con WarnerMedia di AT&T
David Zaslav, presidente e ceo di Discovery (Photo by Amanda Edwards/Getty Images for Discovery, Inc.)
Share

Oggi, il gigante statunitense delle telecomunicazioni, AT&T, ha annunciato la fusione tra la sua controllata, WarnerMedia, (acquisita nel 2018 per 85 miliardi di dollari) e il gruppo Discovery per 43 miliardi di dollari. Dando vita così a un nuovo leader global nel settore dell’intrattenimento, come evidenziano nella nota congiunta le due società.

Aspetti principali

  • Per contrastare l’ascesa dei colossi streaming, in particolare di Netflix e Disney+, AT&T, tramite la sua controllata WarnerMedia, ha deciso di unire le forze con Discovery in una fusione da 43 miliardi di euro.
  • AT&T riceverà 43 miliardi di dollari in una combinazione di contanti, titoli di debito e il mantenimento di determinati debiti da parte di WarnerMedia.
  • Gli azionisti di AT&T riceveranno il 71% delle azioni della nuova società. Mentre, quelli di Discovery possederanno il 29% della nuova società.
  • La nuova realtà “potrà contare su una delle biblioteche più ricche al mondo con quasi 200mila ore di programmazione iconica e riunirà oltre 100 dei marchi più amati, popolari e affidabili al mondo in un unico portafoglio globale, tra cui: HBO, Warner Bros., Discovery, DC Comics, CNN, Cartoon Network, HGTV, Food Network, Turner Networks, TNT, TBS, Eurosport, Magnolia, TLC, Animal Planet, ID e molti altri, evidenzia il comunico stampa.

LEGGI ANCHE: “Netflix, Disney+ e le altre: c’è una bolla delle streaming tv?”

I numeri della fusione e gli obiettivi

La nuova società potrà fare affidamento su 52 miliardi di euro di entrate previste per il 2023; su 14 miliardi di euro di Ebitda rettificato; e su almeno 3 miliardi di dollari annui, frutto delle sinergie sui costi previsti. Con gli obiettivi di aumentare gli investimenti e le capacità nei contenuti e nella programmazione originali; di creare più opportunità anche per i creatori indipendenti; e di servire i clienti con esperienze video innovative e coinvolgenti. Senza dimenticare che la fusione, prevista in chiusura a metà del 2022, posizionerà AT&T come una delle società a banda larga in fibra e 5G con la migliore capitalizzazione negli Usa.

Governance

Sarà David Zaslav, presidente e ceo di Discovery, a guidare il team della nuova società nascente. Il cui consiglio di amministrazione sarà composto da 13 membri: 7 inizialmente nominati da AT&T e 6 da Discovery, incluso proprio Zaslav.

La citazione

“È super eccitante combinare marchi storici, giornalisti di livello mondiale e franchise iconici sotto lo stesso tetto e sbloccare così tanto valore e opportunità. Costruiremo un nuovo capitolo insieme al team creativo e talentuoso di WarnerMedia e sulla base di un’eredità di quasi 100 anni nella narrazione. Questa sarà la nostra missione unica: concentrarci sul raccontare le storie più incredibili e divertirci un sacco a farlo”, ha dichiarato David Zaslav.

Le reazioni in Borsa

Al momento la notizia della fusione è stata ben apprezzata in Borsa. Il titolo Discovery sta guadagnando il 4,05% – dopo aver aperto con un rally del 10% -, mentre quello AT&T sta crescendo di oltre tre punti percentuali.