Warren Buffett investe 500 milioni di dollari in Nubank, la fintech brasiliana da 30 miliardi

Warren Buffett
(foto Bill Pugliano/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Con enormi partecipazioni in banche come American Express, Bank of America e US Bancorp, l’investitore miliardario Warren Buffett è il più importante sostenitore delle banche a livello globale. Ora il conglomerato di Buffett, Berkshire Hathaway, sta scommettendo su un prestatore digitale che sta cercando di scuotere il mercato bancario globale.

Berkshire Hathaway ha rivelato un investimento di 500 milioni di dollari nella banca digitale brasiliana Nubank, che è tra le startup private più preziose al mondo. L’investimento è avvenuto nell’ambito di un più ampio round di finanziamento che ha raccolto un totale di 750 milioni di dollari e ha aumentato la valutazione post-money di Nubank da 25 a 30 miliardi di dollari, secondo una fonte a conoscenza della questione. Questa nuova valutazione colloca la banca digitale leggermente dietro Banco Bradesco, una delle principali banche brasiliane, con un valore di mercato di 40,9 miliardi di dollari.

Il round di finanziamento completa un intenso periodo di 12 mesi per Nubank in cui ha visto il boom degli affari durante la pandemia e ha raccolto oltre 1 miliardo di dollari di finanziamenti privati. Ad aprile, il cofondatore di Nubank David Velez ha anche onorato la cover di Forbes in un servizio che descriveva in dettaglio come è passato da una stella nascente nel mondo del venture capital a uno degli imprenditori di maggior successo in America Latina sfidando i grandi istituti di credito storici del Brasile.

LEGGI ANCHE: “Startup miliardarie: quali sono i 10 unicorni che valgono di più al mondo”

Con solo 1 milione di dollari di capitale iniziale raccolto otto anni fa dall’ex datore di lavoro di Velez, Nubank è diventata una centrale elettrica. Nel 2020 le entrate sono quasi raddoppiate, arrivando a 963 milioni di dollari, e i clienti hanno recentemente superato i 40 milioni. Come altre fintech che servono i consumatori digitalmente, ha beneficiato di un 2020 afflitto dalla pandemia, poiché i consumatori hanno spostato le loro operazioni bancarie sui telefoni cellulari e sul web, anche nel caso di clienti bancari anziani.

“Nel solo Latam, circa il 50% della popolazione è ancora senza banca e la penetrazione delle carte di credito è in media del 21% contro il 70% negli Stati Uniti” ha affermato il cofondatore miliardario di Nubank David Velez, in una nota. “Siamo a un vero punto di svolta per Nubank e siamo onorati di accogliere un investitore di tale livello mondiale per sostenerci nel nostro viaggio”.

L’aggiunta di Berkshire Hathaway da parte di Nubank si aggiunge al suo roster di investitori americani, che include Tiger Global, DST e il fondo sovrano di Singapore GIC.

Velez una volta aspirava a diventare un venture capitalist che scommetteva sulla crescita di economie come il Brasile e il suo Paese natale, la Colombia. Dopo essersi laureato alla Stanford University e alla sua business school, e dopo aver lavorato in aziende potenti come Morgan Stanley e General Atlantic, Velez è stato reclutato dal capo miliardario di Sequoia Capital, Doug Leone, per costruire la sua presenza in Brasile. Tuttavia, quando sono arrivati a San Paolo per setacciare il mercato in cerca di opportunità, Leone ha staccato la spina dall’impresa di Sequoia a causa dei suoi dubbi sulla cultura imprenditoriale locale. Quindi, dopo alcuni mesi di studio del mercato, Velez ha iniziato a lavorare alla costruzione di Nubank e l’ha trasformata in una startup che guida investimenti di rischio in America Latina.

Con la Berkshire Hathaway di Warren Buffet a bordo, l’ascesa di Nubank sta attirando l’interesse di alcuni degli investitori più ricercati al mondo ed è una delle startup più importanti tra quelle che stanno sfidando le grandi banche storiche con reti di filiali e su vasta scala. La sua raccolta fondi di serie G ora ammonta a 1,15 miliardi di dollari, che è il più grande aumento di capitale privato mai effettuato da un’azienda tecnologica in America Latina.

Ora, Nubank deve dimostrare che può essere redditizio al di fuori del suo modello di business “senza commissioni” e mantenere i suoi tassi di crescita stellari. L’anno scorso, Nubank ha acquisito una piattaforma di investimento digitale pionieristica e ha lanciato un prodotto di assicurazione sulla vita, vendendo 100.000 polizze nei primi due mesi. In una dichiarazione, la società ha affermato che prevede di utilizzare il capitale raccolto per continuare a lanciare nuovi prodotti e servizi.

Grazie al suo ultimo finanziamento, Nubank continuerà a investire in acquisizioni e a espandersi a livello internazionale. Attualmente l’azienda sta spingendo forte nel mercato bancario messicano, dove ha lanciato la sua prima carta di credito oltre un anno fa e ha già ricevuto 1,5 milioni di richieste. Nubank prevede di investire 135 milioni di dollari nel paese.