Perché il Kazakistan sta diventando una delle mete preferite per le società cinesi di mining di criptovalute

Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Le società cinesi di mining di criptovalute stanno spostando le loro operazioni in altri paesi dal momento che Pechino ha raddoppiato i suoi sforzi per colpire le aziende coinvolte nell’estrazione e nel trading di bitcoin e altre valute digitali.

Bit Mining, con sede a Shenzen, ha dichiarato lunedì di aver già consegnato 320 macchine di mining in Kazakistan, un paese dell’Asia centrale confinante con la Cina. La società prevede di consegnare altre 2.600 macchine minerarie al paese prima dell’1 luglio, mentre le sue macchine rimanenti verranno inviate a “data center all’estero nei prossimi trimestri”.

“Stiamo accelerando il nostro sviluppo all’estero per risorse minerarie alternative di alta qualità” ha dichiarato in una nota Xianfeng Yang, ceo di BIT Mining. “Riteniamo che la nostra visione e il vantaggio di chi si muove in anticipo ci consentirà di essere agili nel rispondere all’ambiente normativo in evoluzione a livello globale”.

La ridistribuzione di BIT Mining arriva dopo che una società elettrica locale ha interrotto la fornitura di energia a una filiale dell’azienda nella provincia cinese del Sichuan la scorsa settimana. Il 19 giugno il Data Center di Ganzi Changhe ha ricevuto un avviso che la sua alimentazione sarebbe stata sospesa più tardi lo stesso giorno. BIT Mining ha affermato che le sue operazioni nel Sichuan hanno rappresentato solo il 3% circa delle sue entrate nel mese di maggio.

Secondo quanto riferito, le autorità del Sichuan hanno ordinato la chiusura di 26 società sospettate di essere coinvolte in attività di mining di criptovalute. Secondo quanto riportato dai media, hanno chiesto ai fornitori di elettricità locali di interrompere l’alimentazione elettrica ai progetti di mining di criptovalute.

BIT Mining ha dichiarato che investirà 35 milioni di dollari in data center di mining di criptovalute in Kazakistan e nello stato americano del Texas meno di una settimana dopo che i funzionari cinesi hanno inasprito le normative sul commercio di bitcoin e altre valute digitali a maggio. La società quotata a New York gestisce anche un pool di mining di criptovalute chiamato BTC.com che è stato acquisito nel febbraio di quest’anno da Bitdeer Technologies, che è controllato dall’ex miliardario cinese Jihan Wu.

Un’altra società di criptovalute che si trasferisce all’estero per sfuggire alla repressione cinese è Canaan. Il produttore di hardware per il mining di criptovalute con sede a Hangzhou ha dichiarato all’inizio di giugno di aver stabilito il suo primo centro di assistenza post-vendita all’estero, in Kazakistan. I prezzi bassi dell’energia del paese e il confine condiviso con la Cina hanno reso il Kazakistan una destinazione sempre più popolare. Ora è il quarto sito di mining bitcoin più grande al mondo con una quota del 6% del consumo di bitcoin globale, secondo il Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index.

Si dice che altre società cinesi di criptovalute stiano cercando di trasferire le loro attività negli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, una società di logistica con sede a Guanzhou ha affermato di aver recentemente trasportato in aereo 3.000 chilogrammi di attrezzature per l’estrazione di bitcoin nel Maryland.

Alcune città stano adottando una strada diversa, sperando in realtà di attirare più minatori cinesi di criptovalute indicando i loro bassi tassi di energia. Il sindaco di Miami Francis Suarez ha dichiarato alla CNBC la scorsa settimana che la sua città potrebbe essere un nuovo hub per le società cinesi di mining di criptovalute con la sua abbondante fornitura di energia nucleare a basso prezzo.

La crescente migrazione delle società cinesi di criptovalute è vista come un successo per la campagna di Pechino per liberare il paese dall’estrazione e dal commercio di valute digitali. Lunedì, la People’s Bank of China ha ordinato ad Alipay di Ant Group e a quattro banche statali di cessare l’offerta di servizi finanziari per qualsiasi attività correlata alla criptovaluta. Quell’ordine è arrivato dopo che i funzionari del governo hanno cercato di sradicare gli hub di mining di criptovalute nel Sichuan, nella Mongolia interna e nello Xinjiang.