Notarify punta allo streaming ed entra nel capitale di WeShort, la Netflix dei cortometraggi

notarify
Share

Notarify, sviluppata dalla startup innovativa B Zero srl di Federico Monti, è una piattaforma che permette la conservazione, la notarizzazione in Blockchain e la firma biometrica a distanza di ogni tipo di file. Partner anche di Bfc Media, editore di Forbes Italia, per la certificazione dei contenuti e delle classifiche contro fake news e plagi, Notarify è uno strumento moderno e potente per la protezione del diritto di autore di ogni tipo di opera dell’ingegno che possa avere un formato digitale, quindi anche dei video.

È su questa applicazione che si basa l’accordo appena stipulato fra Notarify e WeShort, player emergente nei cortometraggi on-demand. La partnership non è solo commerciale, ma anche azionaria, infatti Notarify entra nel capitale della startup, tanta è la fiducia nel progetto. WeShort è una nuova piattaforma streaming dedicata al cinema e alle serie tv brevi. L’azienda è nata dall’idea del founder e ceo Alessandro Loprieno, cinefilo di lunga data, e dalla lungimiranza di Carlo Fusco, regista e produttore con vasta esperienza internazionale.

Nel team sono già presenti personalità di spicco sia nel campo dell’innovazione tecnologica che della critica cinematografica, che hanno selezionato centinaia di contenuti disponibili da subito. Già presenti in catalogo ci sono corti di gradi autori internazionali come Guy Nattiv. Il suo film Skin ha vinto un Oscar per il miglior cortometraggio alla 91esima edizione degli Academy Awards.  C’è A Drowning Man, nominato come miglior corto al Festival di Cannes e ai BAFTA e The Devil’s Harmony, Premio Sundance 2020. E naturalmente ci sono anche opere di impronta italiana come Magic Alps con Giovanni Storti del trio Aldo, Giovanni e Giacomo. Ogni settimana arrivano nuove pellicole e all’ampia offerta di quella che ambisce a diventare la “Netflix dei cortometraggi” si aggiunge la prima di una serie di produzioni WeShort Originals: Serial Killer, diretta dallo stesso Fusco, con protagonista niente di meno che il grande Michael Madsen.

LEGGI ANCHE: “Notarify in overfunding capitalizza oltre 6,5 milioni di euro”

Soddisfatto Federico Monti, ceo di B Zero e Notarify: “L’esperienza maturata da Notarify nella certificazione e difesa dei contenuti grazie alle collaborazioni già in atto con partner di rilievo quali Forbes Italia e Banca Mediolanum verrà messa a disposizione di questo innovativo progetto, con l’ambizione di cambiare il mondo dello streaming video per sempre. Anche Alessandro Loprieno, ceo di WeShort, è molto fiducioso nella partnership e spiega: “Il cinema nella sua storia nasce breve e la nostra missione è anche quella di riportare il cinema breve al massimo del suo potenziale oggi anche grazie alle nuove tecnologie come la blockchain. Lo facciamo con i migliori, mettendo in comune i nostri network e le nostre competenze, siamo orgogliosi di aver scelto ed esser stati scelti da Notarify”.