L’elitaria hypercar svedese da 1.600 cavalli

Koenigsegg Jesko
Share

Nel mondo dell’auto esistono hypercar di marchi famosi e ormai consolidati come Ferrari, Lamborghini, McLaren e Bugatti, ma ci sono anche dei brand meno conosciuti che realizzano vetture artigianali dalle prestazioni pazzesche. È questo il caso della svedese Koenigsegg, azienda fondata da Christian von Koenigsegg, che nella sua storia si è fatta conoscere per vetture prestazionali caratterizzate da soluzioni tecniche assolutamente all’avanguardia. L’ultima creazione in ordine di tempo è la Koenigsegg Jesko.

Si tratta di un progetto che ha circa due anni di sviluppo sulle spalle; presentata sotto forma di prototipo al Salone dell’auto di Ginevra del 2019, in questi mesi l’azienda ha ultimato la progettazione dell’auto e ora si accinge ad avviare la produzione in serie. A comunicarlo è lo stesso Christian von Koenigsegg, che ha presentato le caratteristiche dell’auto diffondendo un video dove è lui stesso a guidarla e a decantarne le prestazioni.

Koenigsegg Jesko

Ma cosa ha di speciale la Jesco? Indubbiamente a renderla speciale sono le caratteristiche tecniche di altissimo livello e una carrozzeria che si caratterizza per sofisticate soluzioni aerodinamiche come la gigantesca ala posteriore a forma di “boomerang”. Non è certo da meno lo splitter anteriore e le due “bocche” laterali posizionate prima delle ruote posteriori. La casa ha comunicato che il valore della deportanza supera i 1.000 kg a 275 km/h. Le fluide forme della carrozzeria sono sottolineate dal colore arancione acceso (uno omaggio alla CCR prodotta dal 2004 al 2006), che contrasta con il carbonio delle appendici aerodinamiche.

La Jesko è ingegnerizzata su una monoscocca in fibra di carbonio che tiene basso il peso e garantisce idonei valori di rigidità torsionale. Il cuore pulsante della Jesco è un V8 biturbo da 5 litri, posizionato centralmente, che eroga la bellezza di 1.600 CV (a patto però di utilizzare come carburante l’E85, composto dal 5% da benzina e per l’85% da etanolo), con una coppia di 1000 Nm. Abbinato al V8 c’è un sofisticato cambio automatico multi frizione progettato dalla stessa azienda che, oltre a promettere cambi di marcia “alla velocità della luce”, rispetto a una trasmissione tradizionale consente di scalare più marce, passando ad esempio dalla settima alla quarta. Saranno prodotti 125 esemplari che verranno consegnati ai facoltosi clienti a partire dalla prossima primavera. Il prezzo non è stato ancora comunicato ma è certo che il listino della vettura possa abbondantemente superare il milione di euro.